matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Mia figlia giornalista (???)

with 17 comments

Siccome a mia figlia non bastavano l’attività di insegnante, quella di musicista, di organizzatrice e intrattenitrice di feste per bambini, ecco che si è inventata qualcos’altro da fare: collabora con la rivista di un’associazione culturale di Ellera, ridente paesino in provincia di Perugia… Ed ecco l’articolo di Katia, mentre ricordo a me e a voi tutti  le splendide parole di Kahlil Gibran:

I tuoi figli non sono figli tuoi,
sono i figli e le figlie della vita stessa.
Tu li metti al mondo,
ma non li crei.
Sono vicino a te,
ma non sono cosa tua.
Puoi dar loro tutto il tuo amore,
ma non le tue idee.
Tu puoi dare dimora al loro corpo,
ma non alla loro anima,
perché la loro anima abita
nella casa dell’avvenire
dove a te non è dato entrare
neppure con il sogno.
Puoi cercare di somigliare a loro,
ma non volere che essi assomiglino a te,
perché la loro vita non ritorna
indietro e non si ferma a ieri.
Tu sei l’arco che lancia i figli verso il domani.

katia0katia1

 

Roma – Ellera (solo andata)
(Katia Antonetti)
 
Come si fa a rinunciare al Colosseo, alla fontana di Trevi, ai Fori imperiali e al Cupolone? Questo è ciò che si chiede la maggior parte della gente quando riconosce il mio lieve accento romano; questo è ciò che mi è stato chiesto più di una volta quando, a Elleran’do, congedavo i clienti con un “Bon’apppetito”. Inizia proprio qui la mia esperienza ellerese: catapultata in una festa di paese io, abituata al caos metropolitano. Ho affrontato con il sorriso sulle labbra quei quattro giorni di festa, felice di aiutare in qualche modo coloro i quali, seppur inconsapevolmente, mi avevano accolto nel loro mondo. Anche se il mio viaggio verso Perugia inizia sette anni fa, senza la “costrizione” di legami affettivi o lavorativi, soltanto ora posso dire di sentirmi veramente a casa. Roma e Perugia, Ellera nello specifico: due stili di vita agli antipodi. Vivere a Roma vuol dire uscire di casa due ore prima di recarsi al lavoro e farvi rientro due ore dopo aver staccato, farsi la barba in coda sul Grande Raccordo Anulare (l’ho visto con i miei occhi!!!), impiegare ore per trovare un parcheggio e poi comunque affidarsi alla sosta selvaggia, non conoscere il proprio vicino di casa anche se lo è da dieci anni, non sentirsi padroni del proprio tempo: vivere a Roma è, spesso, un vivere per la città. Vivere a Ellera è, quasi sempre, un vivere nella città: reincontrare le stesse facce e ricondurle a un nome, avere un punto di ritrovo comune, uscire di casa anche da soli e avere la certezza di incontrare comunque qualcuno. In modo particolare, credo giochi un ruolo fondamentale l’associazione L’UNANUOVA che, nell’organizzazione di eventi (Elleran’do, Ellerween, Carnevalan’do, Tovarishenko) ha proprio l’intento di riunire le varie componenti del paese (e non solo) in un clima di divertimento e spensieratezza. Sullo stesso filone questo giornale vuole essere un punto d’incontro tra opinioni diverse, per dare libero spazio e libera voce a chiunque ne abbia voglia. È bizzarro che a scrivere una di queste “8 pagine” del giornale di Ellera sia io, io che Ellera la vivo da appena un anno, io che non ne conosco la storia e i personaggi, io che però ho scelto di viverla, di rinunciare al Colosseo e al Cupolone, io che ho preferito la norcina alle fettuccine alla romana.

Written by matemauro

19-06-2010 a 22:46

Pubblicato su figli

17 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. I figli sono tuoi fino a che profumano di talco e di pulito, poi avrà gli stessi diritti tuoi, quello di sognare e di pensare al futuro ma non a discapito dei genitori…Per quanto riguarda Katia, bene hai fatto a pubblicizzarla un po', finalmente una ragazza seria,un'artista che non fa l'artista, una di Roma, e non una che sta a Roma, una che ama farsi spazio tra gente comune e che conosce.E se buon sangue non mente l'applaudiremo di sicuro!Congratulations!

    tamango

    19-06-2010 at 22:13

  2. condivido il punto di vista di Katia! Roma è tanto bella "però"..da turisti, una settimana o due, quando hai voglia di riempirti gli occhi d'arte e di bellezze, ma viverci è una faticaccia..comunque visto che è domenica vi ho portato questo..

    giovanotta

    20-06-2010 at 01:09

  3. complimenti alla figlia di cotanto padre!🙂 condivido specialmente la frase finale di Kahlil Gibranc.

    h2no3

    20-06-2010 at 10:10

  4. Embè………….. che dire?Complimenti!!!ps: molto bella la poesia, me la copio sui miei appunti.Grazie!!!

    azalearossa1958

    21-06-2010 at 09:33

  5. un grande in bocca al lupo alla flgliuola per  la sua avventura perugina.e non può mancare anche un saluto a cotanto genitore.

    pablodepablis

    21-06-2010 at 13:26

  6. Ndo stai?

    tamango

    21-06-2010 at 18:23

  7. Uno scorcio di Ellera, un piccolo saluto a Katia , mia nipote (visto che Mauro è mio cugino….) della quale apprendo adesso del nuovo impegno.Auguri Katia. La poesia sui figli è proprio bella. Baci

    cugpref

    21-06-2010 at 20:11

  8. Brava Katia, hai davvero scritto col cuore, con naturalezza e con grande amore nei confronti della tua città: in quel "rinunciare al Cupolone e in quel preferire la norcina alle fettuccine romane" io leggo invece una dolce nostalgia verso una Roma, che hai allontanato fisicamente, ma non idealmente, per il solo fatto che sei..romana! Le tue parole mi hanno fatto pensare a questa bella canzone di Lando Fiorini, che sicuramente conoscerai, anche se sei molto giovane:"…"vecchia roma sotto la lunanun canti piu'li stornellile serenate de gioventu'er progresso t'ha fatto grandema sta' citta'nun e' quella 'n do' se vivevatant'anni fa.."Un "in bocca al lupo" e una felice permanenza ad Ellera.CiaoM.I

    utente anonimo

    21-06-2010 at 21:00

  9. Sarai orgoglioso!!(bella la poesia, è l'unica che mi ricordo di quel libro   OPS… che non è mio…  che avrei dovuto restituire restituire…  25 anni fa… )

    Lillopercaso

    21-06-2010 at 22:37

  10. Io sono più per il paese a misura d'uomo… ma Roma è pur sempre Roma…

    donburo

    22-06-2010 at 05:15

  11. conosco bene l'umbria( ci vive mia mamma) ed è stupenda! un bacio

    piadellamura

    22-06-2010 at 13:45

  12. Complimenti a tua figlia e viva la vita a misura d'uomo, lontano dal caos, dal traffico e dall'alienazione delle grandi metropoli…Un salutone. Paolo.

    RW2punto0

    22-06-2010 at 15:50

  13. ohhh, proprio oggi ,ricordavo ad un'amica, queste  meravigliose e sacrosante parole,  della poesia.  Comunque le figlie femmine, sono un vulcano di idee,  ne so qualcosa anche io.   Behhhh, con un padre così  stimolante e pieno di idee, non poteva  essere diversa.  Brava   Katia non mollare mai, e se i tuoi interessi ti portanto nella  raccolta, ma anche più umana e vivibile  , Ellera, va bene, sii, rinuncia al Cupolone, tanto sta sempre là, insieme a tutto il resto.   La felicità è fatta di piccole cose.     ciaooooo auguri grandi.

    penny46

    22-06-2010 at 17:35

  14. Buona giornata, nè?(vedo che andiamo ancora a singhiozzo….tooooornaaaaaaaaaaa… sta casa 'spetta teeeeeeeeeeeee!!!!!!!!!!)

    azalearossa1958

    24-06-2010 at 08:42

  15. Conosco l'Umbria e tua figlia è molto convincente, Redcatsma a Roma non si può rinunciare…Redcats

    redcats

    24-06-2010 at 11:49

  16. Complimenti a Katia che scrive molto bene ed ha un  modo convincente di esporre le sue opinioni. (Quanno starà in politica, aricordete dell'amichi…)La bellissima riflessione di Gibran mi piace e proprio stamattina pensavo di rileggere qualcosa .Io ho preferito la città, ma tutto necessita di approfondimento e contestualizzazione. AUGURI, KATIA:e te, Maurè , te fai la barba sur Raccordo Anulare???

    xdanisx

    24-06-2010 at 20:09

  17. evvai complimenti alla figlia, degna di cotanto padre.. son pezzi de'core vero???

    tittidiruolo

    26-06-2010 at 13:50


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: