matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Da un discorso di Pericle agli ateniesi

with 28 comments


 

 

Al termine del primo anno della guerra del Peloponneso, che vide contrapposte Atene e Sparta, con le rispettive coalizioni, dal 431 al 404 p.e.V., Pericle, secondo la tradizione della sua città-stato, pronuncia un epitaffio per commemorare i caduti ateniesi. Da questa commemorazione, giunta sino a noi grazie a Tucidide, emerge chiarissima l'etica della polis ateniese. Ecco i passaggi più significativi.

“Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi: e per questo viene chiamato democrazia.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Le leggi qui assicurano una giustizia eguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell’eccellenza. Quando un cittadino si distingue, allora egli sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, bensì come una ricompensa al merito, e la povertà non costituisce un impedimento.

Qui ad Atene noi facciamo così.

La libertà di cui godiamo si estende anche alla vita quotidiana; noi non siamo sospettosi l’uno dell’altro e non infastidiamo mai il nostro prossimo se al nostro prossimo piace vivere a modo suo. Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo.

Un cittadino ateniese non trascura i pubblici affari quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si impegna nei pubblici affari per risolvere le sue questioni private.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Ci è stato insegnato a rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche a rispettare le leggi e di non dimenticare mai che dobbiamo proteggere coloro che ricevono offesa. E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che sensato.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Un uomo che non si interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benché in pochi siano in grado di dare vita ad una politica, tutti qui ad Atene siamo in grado di giudicarla. Noi non consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia. Noi crediamo che la felicità sia il frutto della libertà, e che la libertà sia soltanto il frutto del valore.

Insomma, io proclamo che Atene è la scuola dell’Ellade e che ogni ateniese cresce sviluppando in sé una felice versatilità, la fiducia in se stesso, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione ed è per questo che la nostra città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero.

Qui ad Atene noi facciamo così.”

(Tucidide, La guerra del Peloponneso, II, 37-41)

Quella riportata qui, e che potete trovare un po' ovunque in rete, anche su YouTube, è la versione “teatrale” di Paolo Rossi. Peraltro essa non è molto diversa dalla versione originale di Tucidide, che volendo potete leggere, come ho fatto io, a questo indirizzo. Paolo Rossi ha semplicemente aggiornato il linguaggio e aggiunto gli incisi “Qui ad Atene noi facciamo così”. Io ho leggermente modificato il testo di Paolo Rossi per metterlo in italiano “scritto”…

Annunci

Written by matemauro

09-03-2010 a 10:48

Pubblicato su politica

28 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. domenica a Piazza Navona é stato recitato per il "Popolo Viola" e molto applaudito .

    spartac

    09-03-2010 at 11:20

  2. Stavo per dire la stessa cosa :=))

    sherydellaserienonfacciamomancarenulla

    sherazade2005

    09-03-2010 at 11:37

  3. mi stai ricordando la democrazia…….

    AliceDaZero

    09-03-2010 at 13:48

  4. allora andate tutti ad Atene..che state ancora a fare qua?sciò…

    luigi7

    09-03-2010 at 14:33

  5. @shera: già, pensieri comuni a molti, in questi anni… 😦

    @Alice: magari se la ricordasse anche qualcun altro… 😉

    @luigi: e con ciò ti sei guadagnato l'espulsione… quand'è che imparerete anche voi a discutere serenamente? Ma già, dai leghisti che si può pretendere? Insegnare loro la democrazia è come lavare la testa all'asino: ci si perde il ranno e il sapone.

    MauroPiadi

    09-03-2010 at 14:50

  6. ….e poi vennero i Latini….

    Romani, avete già pronto il sasso per la mia lapidazione?

    jouy

    09-03-2010 at 15:07

  7. Mauro, senti quanta forza c'è in quel "qui ad Atene facciamo così", così diverso da quel "facciamo i cazzi nostri" del pdl (nostri, non di tutta la comunità) ?

    Francesco071966

    09-03-2010 at 15:07

  8. @jouy: ma i Romani mica demolirono del tutto la democrazia greca… in parte, solo in parte… 

    @Francesco: molta, e si sente tutta, ovviamente… :-/

    MauroPiadi

    09-03-2010 at 15:10

  9. Povero Catone  l'Uticense!

    jouy

    09-03-2010 at 15:24

  10. Bellissima la frase che si ripete come un ritornello, come a voler dire
    "chi c'è la democrazia"….la rivendicazione della civiltà.

    ArtemisiaHate

    09-03-2010 at 15:35

  11. @jouy: poveri noi, altro che povero lui! 

    @artemisia: beh Paolo Rossi è davvero un animale da palcoscenico! 

    @tutti: ho recuperato un bel po' di emoticon decenti…

                 

    MauroPiadi

    09-03-2010 at 16:04

  12. L'hanno letto pure a pzaSS.Apostoli, alla manifestazione in difesa della Costituzione del popolo viola in cui eravamo ahimè pochi pochi…Redcats

    redcats

    09-03-2010 at 18:44

  13. lo sai che Pericle faceva discorsi molto… periclosi! :))

    h2no3

    09-03-2010 at 20:51

  14. @redcats: questo fatto dei "pochi" mi indispone anzichenò… 

    @h2no3

    MauroPiadi

    09-03-2010 at 21:41

  15. Hai visto ?Quella  Polverina, l'ha preso nel Di Pietro .

    spartac

    09-03-2010 at 22:22

  16. bellissimo monologo,attuale più che mai e tanto ,tanto ovvio,ma come si fa a far finta di niente?Come si può far passare tutto?Sono tutta viola,speriamo di esserlo in tanti.ora sono anche di stagione!!!!!!!!!!

    infine

    10-03-2010 at 08:11

  17. Dove hai recuperato tutte quelle belle faccine?
    Le vedevo sul blog di un amico su un'altra piattaforma, carine!!!!

    (scusa, ma preferisco parlare di faccine che di politica, visto che la politica in Italia latita da anni…. non ce n'è uno sano…. neanche uno! bleah!)

    azalearossa1958

    10-03-2010 at 09:05

  18. @infine: già… (ma perché il blog privato?)

    @azalea: stiamo un po' tutti così:  ma arrendersi MAI!

    MauroPiadi

    10-03-2010 at 10:41

  19. sono rimasto a Milano! qui nevica da ieri sera, ma per fortuna non attacca…. ma da Piacenza in giù è un disastro, non sarei mai riuscito a valicare l’appennino!

    Francesco071966

    10-03-2010 at 11:18

  20. @Mauro non ho un blog ,ho solo un titolo,troppo impegno tenere un blog.
    Gironzolo qua e là e mi fermo dove c'è qualcosa che m'interessa.Se posso continuo a frequentarti grazie

    infine

    10-03-2010 at 11:33

  21. @infine: ma sono domande da farsi? Continua, continua… 

    MauroPiadi

    10-03-2010 at 11:45

  22. Mi sta arrivando una tristezza, ma una tristezza….. Partiamo?

    elenamaria

    10-03-2010 at 12:08

  23. Grande citazione… peccato che… in quanti la conosciamo, "La guerra del Peloponneso?"

    crimson74

    10-03-2010 at 12:45

  24. @elenamaria: io lo sostengo da tempo che chi ha la possibilità dovrebbe scapparsene da questo paese… occhio al post che metterò nel primo pomeriggio, un altro elemento di discussione… 

    @crimson74: non credo sia fondamentale per la comprensione del testo, ti pare?  Certo, se la si conoscesse (come la storia in generale…) sarebbe meglio…

    MauroPiadi

    10-03-2010 at 13:00

  25. Peccato che questi valori si siano persi… soprattutto qui da noi…

    donburo

    10-03-2010 at 13:05

  26. qui a banania è da tanto che esiste solo la demo-craxi-a.

    pablodepablis

    10-03-2010 at 13:52

  27. Un altro post appassionato così come il monologo di Pericle-Rossi.
    Molto intenso anche per chi ha poche reminescenze liceali.
    Bacio.

    xdanisx

    10-03-2010 at 16:48

  28. Mauro, ma questo è il discorso che il Berlusca ha fatto oggi alle 12.30 in conferenza stampa……..

    cugpref

    10-03-2010 at 21:52


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: