matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Seifert, io e le donne

with 29 comments

tiziano

Tiziano, La Venere di Urbino

Ho trovato, cercando e ricercando cose che voi, miei lettori, difficilmente potreste venire a conoscere, questa poesia (anzi, lui la chiama filastrocca, o addirittura cantilena, in originale) di uno dei miei autori preferiti, il poeta ceco Jaroslav Seifert, premio Nobel per la letteratura nel 1984. Di lui già parlai in passato, riportandovi alcune sue composizioni.

Questa è abbastanza particolare, e mi ha attratto soprattutto perché riporta il suo pensiero sul genere femminile che coincide quasi alla perfezione con la mia idea (e chi legge frequentemente il mio blog sa che non lo dico per piaggeria).

Mi piace pensare che sia nata magari per caso, una sera, magari in birreria, davanti a un boccale da mezzo litro, magari nella famosa birreria di Švejk, U fleků, o nella altrettanto famosa U Tomáše, mentre con altri amici intorno si discuteva dei pregi e dei difetti delle donne e degli uomini. Forse mentre i suoi amici parlavano, Seifert prese da sotto il boccale il sottobicchiere di cartone e, impugnata la sua inseparabile stilografica, con calligrafia minuta vergò queste righe, chi può saperlo? E soprattutto, chi può smentirmi? 

“Mi chiedete cos’altro sanno fare le donne?”

Mi chiedete cos’altro sanno fare le donne?

Praticamente tutto!

Se qualcuno distende sopra un abisso

tre fili di paglia,

con piede leggero l’attraversano.

Come, non so spiegarlo,

ma rammentate

che i loro piedi hanno inventato la danza.

Quand’hanno un po’ di tempo

lavorano a croce per il bosco nero

le foglie di felce.

Se ardiscon però nel bosco di notte,

con animo spengono i fuochi fatui,

perché neppure nelle paludi

il viandante abbia timore.

Han consigliato poi ai timidi fiori

di riempire i loro calici

del familiare profumo.

E loro stesse poi san far uso,

come di spada, di profumi

pericolosi ancor più

che velenosi scorpioni tropicali.

Ma, cosa ancor più straordinaria,

hanno inventato i seni,

ed essi sono belli

come i castelli sulla Loira.

Forse ancor più belli.

E gli uomini, che sanno fare?

Non molto.

Si sono inventati guerra,

miseria, disperazione e gemiti dei feriti.

Sanno forgiare folli cannoni,

ridurre città in macerie,

e intanto mettono bene in mostra

il meschino coraggio virile.

Hanno inventato le pompe di benzina

e l’emancipazione delle donne.

E in cambio di baci fra le loro braccia

han progettato per loro un sedile speciale

perché una donna

possa perfin lavorare

nell’ultimo mese prima del parto.

È così.

Ed è tutto, addio, adieu.

Volevate una mia filastrocca:

eccola qui!

“Ptáte se, co dovedou ješte ženy?”

Ptáte se, co dovedou ještě ženy?

Patrně všechno.

Jestliže někdo položí přes propast

tři stébla slámy,

přejdou po nich lehkou nohou.

Jak, to neumím vysvětlit,

ale připomeňte si,

že jejich nohy vynalezly tanec.

Ve volných chvílích

uháčkují pro černý les

listí kapradin.

Octnou-li se však v lese za noci,

odvážně zhasnou plamínky bludiček,

aby počestný ani v mokřinách

neměl strach.

Poradily i stydlivým květinám,

aby své kalichy naplnily

důvernou vůní.

Samy však dovedou jako s mečem

zacházet s vůněmi,

které jsou ješte nebezpečnější

než jedovatí škorpióni tropu.

Co je však nejpodivuhodnější:

vymyslily ženská ňadra

a ta jsou krásná jako zámky na Loiře.

Možná, že ještě krásnější.

A co dovedou muži?

Není toho mhono.

Vymyslili si válku,

bídu, zoufalství a nárek raněných.

Umejí vykovat šílená děla,

obrátit města v sutiny

a přitom vystavovat na odiv

ubohou mužskou statečnost.

Vymyslili benzínové pumpy

a emancipaci žen.

A za polibky v jejich náručí

zkonstruovali jim zvláštní sedačku,

aby žena u stroje

mohla ještě pracovat

v posledním měsíci těhotenství.

Tak je to.

A to je vše, sbohem, adié.

Chtěli jste na mne kantilénu,

tady je!

…dimenticavo di aggiungere che la traduzione è mia! 

Written by matemauro

18-02-2010 a 12:27

Pubblicato su donne, poesia, praga, seifert

29 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Molto bella,penso che premi la bellezza delle donne nei suoi migliori aspetti.
    Molto interessante il tuo spazio.
    Un saluto
    Max

    Maximo67

    18-02-2010 at 13:02

  2. grande (come sempre)! te la "rubo" per farne dono a chi-so-io ;) 

    h2no3

    18-02-2010 at 13:35

  3. ciao !
    mi aspettavo un "cameo" sul bigazzi magnagatti…
    … eh… eh… eh…
    tuo oltre a quello del passatore…

    stefano.

    stefanover

    18-02-2010 at 14:04

  4. Bellissima, davvero.
    Un saluto caro!!

    ArtemisiaHate

    18-02-2010 at 14:14

  5. sempre belli i tuoi repechage.
    un abbraccio

    pablodepablis

    18-02-2010 at 15:10

  6. sono d’accordo sulle pompe di benzina e sui seni… manca la parte piu bella il culo

    chefmarco

    18-02-2010 at 15:10

  7. L’ennesimo buono a sapersi…

    salutone!

    mircomirco

    18-02-2010 at 17:05

  8. E’ davvero meraviglioso perdersi tra certi CASTELLI della Loira!!!!!!
    saluti saccheggiati!!!!!!

    Oidualc

    18-02-2010 at 17:57

  9. Vuoi un voto anche a questa filastrocca? 10 naturalmente.

    cugpref

    18-02-2010 at 18:38

  10. Bellissima! grazie, caro!

    tumbergia

    18-02-2010 at 18:53

  11. Bellissima, grazie. Che altro dire? fin troppo lusinghiera per il genere femminile

    Athenaromana

    18-02-2010 at 19:23

  12.  è un bel dono che fai alle donne questo tuo pensiero e questa tua ricerca.. Grazie Mauro! ..è davvero molto bella..
    Ti mando un abbraccio e la mia buonanotte,
    Alidada

    alidada

    18-02-2010 at 22:47

  13. Scusa, non ho letto la tua traduzione.

    spartac

    18-02-2010 at 23:03

  14. Sapevo di quello che san fare gli uomini, ma…….. davvero io so fare tutte queste cose? E quando l’ho imparato?
    Urca vè…. mi ritiro a meditare…

    Scherzi a parte, molto bella davvero, questa cantilena, e non conosco per niente il poeta che l’ha scritta, così come non conosco la lingua: doppio merito a te per averla riportata e anche tradotta!!!

    azalearossa1958

    18-02-2010 at 23:34

  15. "..gli uomini hanno inventato le pompe di benzina
        e l’emancipazione delle donne.
         E in cambio di baci……………………."

    Mauropiadi, arrivo qui passando dal CaffèDellaPeppina di Azalearossa.
    Questo pezzo mi piacerebbe incollarlo pari-pari da Tittidiruolo, dove c’è in corso un dibattito sul femminismo ecc.. Se me lo permetti lo faccio.
    Anzi, perchè non ci fai un salto tu? Argomenti ne hai, mi pare!
    Ciao!

    Lillopercaso

    18-02-2010 at 23:53

  16. Rispondo io a stefanover!
    Bigazzi mi era simpatico, ex dirigente eni, e, indossati i vestiti del pensionato dalle radici contadine ha dimenticato che non è più un giovincello, anzi,  ingalluzzito, ha perso pure lo charme dell’occhio chiaro, e non solo, incoraggiato da chissà che cosa è diventato pure maleducato.L’ultima sua uscita è anche l’ultima uscita dai miei preferiti e spero presto che i fantasmi dei gatti che ha mangiato lo facciano fuori con la medesima voracità..

    tamango

    19-02-2010 at 00:30

  17. bellisssima..ma lo sai che io ci sono stato in quella birreria? ..e ho pure il boccale …c’è ancora oggi un clima particolare li dentro..

    luigi7

    19-02-2010 at 07:43

  18. Non mi sento così in gamba, comunque è molto bello e credo che tu l’abbia tradotta moltobene! redcats

    redcats

    19-02-2010 at 08:35

  19.  

    Complimenti per la traduzione.

    hai molto gusto estetico per i tuoi post e i font.

    kiss

    sorgentediluce

    19-02-2010 at 13:03

  20. Non so se ringraziare prima te o Lillì (lillopercaso), dell’opportunità che mi avete offerta: non conoscevo questa poesia e nemmeno il poeta.

    Nel mio post volevo soltanto dire che alle nostre nipoti dobbiamo offrire modelli migliori delle veline o delle gieffine, o delle Noemi…

    (Sicuramente mi sono spiegata malissimo, dato il dibattito che ne è uscito…)


    Se qualcuno distende sopra un abisso
    tre fili di paglia,
    con piede leggero l’attraversano.

    Grazie ancora

    tittidiruolo

    19-02-2010 at 14:29

  21. questo veramente non l’ho mai sentito….

    Francesco071966

    19-02-2010 at 14:57

  22.  Grazie di aver  anche tu quei pensieri sulle donne. La filastrocca, mi piace molto.  Sai conosco anche io quella birreria, atmosfera particolarissima,  è vero posto giusto per comporre,  Ricordo  un uomo che suonava, un organetto a manovella, carinissimo.    

    penny46

    19-02-2010 at 18:35

  23. Non conosco nè la poesia nè il poeta, grazie però. parole molto belle e gratificanti per l’impegno delle donne che sono il vero sesso forte.

    ozne

    19-02-2010 at 20:36

  24. magari… e x’ no?…
    poi da U fleků…. la birra è così buona… sai che ispirazione??? : )))))))

    smilepie

    19-02-2010 at 23:22

  25. Anche io come molti non conoscevo questo autore è dunque neppure questa che tu definisci filastrocca.
    Bella la trasposizione in italiano.

    Quanto al contenuto mi sa tanto di 8 marzo ed i troppi atti dovuti mi mettono sul chi va là. Ci sono donne e donne, poche sante.
    Gli uomini? hanno la capacità a volte di diventare piccoli piccoli e di suscitare grande tenerezza, costretti a recitare un ruolo assegnato nella notte dei tempi.

    sherasenzaseesenamaaciascunoisuoipregiedifetti

    sherazade2005

    20-02-2010 at 00:27

  26. Bravo nella tua traduzione. Mi hai fatto conoscere un poeta che non conoscevo, grazie!

    liettapet

    20-02-2010 at 15:38

  27. ma che è bosniostrogoto?????

    phederpher

    20-02-2010 at 16:55

  28. complimenti! e Praha è il mio luogo dell’anima…
    ciao!

    herta321

    21-02-2010 at 23:00

  29. Non politicizziamo tutto. Il femminismo non c’entra molto.
    E’ una bellissima poesia.
    Mi fido della traduzione…..
    un bacio.
    s.

    xdanisx

    22-02-2010 at 01:21


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: