matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Valcorvina e il mistero del centro benessere – Cap. 9° (Fine)

with 19 comments

aeroporto fiumicino
Capitolo 9°

Luca sta freneticamente ricercando dati, contattando la ditta di riparazione tedesca. Un interprete della polizia lo aiuta, mentre è in videoconferenza con il direttore della società e il capo della polizia di Colonia. Questa tecnologia a volte è complicata, ma utile: sulla metà bassa del monitor vede l’anziano titolare della ditta che gli sta dicendo di avere cambiato alcuni tecnici nell’ultimo anno, uno era particolarmente brillante, un vero genio dell’elettronica che si è ritirato per problemi di salute. Arriva un fax con i nomi delle persone licenziate, mentre il collega tedesco propone di fare una ricerca con gli archivi dell’esercito e gli dice che lo contatterà a breve. La parte superiore del monitor diventa blu, mentre saluta il direttore ringraziandolo.

Rinaldi, presente in fondo alla sala assieme ad Alberghetti e al vicequestore, chiama Valcorvina.

– Perché un controllo con l’esercito tedesco?

Luca si gratta la testa, poi con calma risponde ai tre:

– Capita a volte che ex militari si ritrovino per la strada senza un lavoro e che si dedichino poi alle più svariate professioni per tirare a campare…

In quel momento si riaccende il collegamento con la Polizia tedesca, la grossa faccia del poliziotto riempie lo schermo.

Un fax con una lista di nomi di militari del genio congedati giunge subito in mano al commissario, che ringrazia il collega d’oltralpe salutandolo con una mano.

– Ecco vedi… quattro nomi, tutti reduci delle forze speciali europee mandate alla fine della guerra in ex Jugoslavia, due di Colonia… uno abitante in Einsteinsstraße come la vittima… cazzo!

Stefano guarda il fax, incredulo.

– Un vicino di casa del dottor Tanenbaum? Ma cosa ci faceva qui, per la miseria?

– Una vendetta, caro mio, ho un’idea in proposito ma prima vediamo con chi abbiamo a che fare.

Pigiati un paio di tasti sul portatile Valcorvina accede a un database della Polizia tedesca in cui trova una foto del colpevole…

– Eccolo… Clementis Kurt, quarant’anni, ingegnere elettronico, massimo punteggio di laurea, penso che abbia avuto dei problemi con il vecchio dottore quando era a capo dell’azienda in cui anche il nostro assassino lavorava… forse l’ha licenziato per problemi di cui non so dirvi e magari lui è venuto qui per vendicarsi.

– Ma Luca, perché adesso, dopo anni?

– Non lo so, ma mi piacerebbe sapere di più cos’è successo nell’ex Jugoslavia…

– Diramo la fotografia e la descrizione a tutte le forze dell’ordine, forse riusciamo a prenderlo!

Clementis torna in albergo, è molto stanco. Ormai le medicine non gli fanno più effetto e deve coricarsi sempre molto presto. Prende degli antidolorifici, poi finisce di preparare la valigia e se ne va a dormire. La vendetta è compiuta, il bastardo è eliminato, ha finito di trattare la gente come schiavi. Ricorda il tempo in cui collaborava al reparto ricerca e di come Tanenbaum si sia preso tutti i meriti sulle sue scoperte e poi licenziarlo per non dovergli riconoscere parte dei diritti. Poi il periodo di disoccupazione, la Jugoslavia, la malattia… L’uomo piomba in un sonno agitato da tutti questi incubi.

La mattina successiva Valcorvina cerca di mettersi in contatto con la base dell’esercito dov’era arruolato Clementis, ma non riesce a parlare con nessun ufficiale superiore, i canali sono sbagliati e anche se siamo nell’Unione europea gli eserciti rimangono sempre posti di difficile consultazione.

In centrale arriva Stefano, a braccetto con la cugina appena dimessa dall’ospedale.

Katia gli si avvicina e lo abbraccia dandogli un bacio sulla guancia: – Grazie commissario, mi ha salvato la vita!

Valcorvina, arrossendo, le prende una mano.

– Lui non voleva farle del male, forse all’inizio ce l’aveva con lei, ma poi ci ha ripensato, è stata molto fortunata.

La donna lo guarda e a bassa voce gli chiede quando è previsto il funerale dell’agente.

– Nei prossimi giorni, è stata una grande perdita, era davvero un bravo ragazzo e un ottimo poliziotto. Non si preoccupi ora, Katia, penso sia finita.

Clementis, in mano un piccolo trolley, giunge in autobus all’aeroporto Cristoforo Colombo di Fiumicino, dove si accinge a fare il check-in con una linea low cost. Tutti gli impiegati hanno le foto segnaletiche nel computer e, al momento della stampa della carta d’imbarco, l’impiegata che lo sta servendo invia una mail alla polizia aeroportuale con i dati della persona e l’avviso che molto probabilmente è lui.

Non si è nemmeno presentato con un’identità falsa, non gli interessa più. Porta un giubbetto jeans sopra una camicia azzurra, sotto l’ascella una pistola di cui dovrà liberarsi, prima di salire sull’aereo.

Decide di andare a fumarsi una sigaretta all’esterno. Esce e si appoggia a un automobile parcheggiata fuori delle strisce. Un vigile si avvicina alla vettura, controllando tutte quelle fuori dalle linee di parcheggio. Ha in mano la copia della foto dell’assassino, la sta studiando. Poi arriva vicino all’uomo alto che sta fumando:

– Senta, lei! Veda di spostare subito quest’automobile altrimenti sono costretto a farle una contravvenzione.

Clementis si gira, sta sudando, la febbre è di nuovo alta, suda copiosamente:

– Va bene agente, me ne vado subito.

– Fermo! – Il vigile, che l’ha riconosciuto dalla foto segnaletica, estrae la piccola pistola dalla fondina bianca e gliela punta addosso.

Il tedesco alza lentamente le mani sempre sorridendo; il vigile lo perde un attimo di vista per comunicare via radio, ma in quel momento Clementis estrae la sua pistola, sorridendo. L’agente, però, è più veloce e spara centrandolo in mezzo agli occhi.

Clementis cade a terra, gli occhi sbarrati, sempre sorridendo.

Il vigile si blocca, appena resosi conto di cos’è successo; la pistola d’ordinanza, lasciata libera dalle mani tremanti, cade a terra.

Arrivano altri agenti con le armi in pugno. Un corpo giace riverso a terra, la testa girata verso ovest, gli occhi ciechi verso il pallido sole del mattino.

Alcuni giorni dopo il commissario si reca in obitorio, dove il dottor Bianchetti ha appena concluso gli esami autoptici.

– Il Clementis era affetto da una grave forma di tumore polmonare metastatizzato a causa di esposizione a radiazioni, se non l’avesse freddato il vigile urbano sarebbe morto nel giro di pochi mesi.

Ringraziando il medico legale, Luca torna sui propri passi, aveva ragione anche questa volta: l’ex Jugoslavia, dove i proiettili ad uranio impoverito hanno fatto strage di militari… questo ha avuto solo un fisico più forte ed è durato di più, nient’altro. Sapendo di dover morire, ha voluto vendicarsi, poi, ottenuto il suo scopo, si è lasciato andare…

Triste storia, veramente.

Con un balzo siede accanto a Vacchetta sul sedile della vecchia Alfetta blu che, pur se un po’ tossendo, prontamente lo riporta verso Roma.

Nuvoloni scuri si stanno addensando sulla capitale, forse pioverà stanotte.

(Fine)

Advertisements

Written by matemauro

30-01-2010 a 21:53

Pubblicato su racconti, valcorvina

19 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Maurè, avevo intuito che si trattava di un poveraccio con una storia alle spalle che ne aveva determinato il comportamento, altrimenti avrebbe ucciso anche la ragazza che l’avrebbe potuto riconoscere. Un bel gialletto, grazie.

    ozne

    30-01-2010 at 22:23

  2. ..e io che pensavo che l’assassino fosse il maggiordomo..(in genere è sempre lui..)..
    buona domenica…(mò abbiamo pure un francese…non sarà come Platini..ma insomma..speriamo bene…)

    luigi7

    31-01-2010 at 00:31

  3. grazie, grazie per averlo ricordato..ahahah…
    basta e aavanza dal lunedì al venerdì ma sabato…
    pensa che lo seguo anch’io , abbiamo un virus!

    AliceDaZero

    31-01-2010 at 09:00

  4. come diceva Nick Carter, tutto è bene ciò che finisce bene (e l’ultimo chiude la porta)…..

    però farsi ammazzare da un pizzardone, io li vedo quelli di Fiumicino, sono veramente stanziali!!!!!

    Francesco071966

    31-01-2010 at 09:50

  5. Bravo, tu sì che sei uno che mantiene le promesse!!! 😉
    Domani stampo l’ultima puntata e me lo leggo "tutto ‘d’un fiato". Ciao

    Athenaromana

    31-01-2010 at 14:56

  6. movimentato qb per fare scendere poco poco il malloppo di frappe che andava su e giù.

    sherachesbadataunafrappettaèancheavanzata

    sherazade2005

    31-01-2010 at 17:39

  7. Dubit che la nostra polizia possa riuscire a tirare le fila di una storia così!  Ben congenato!  Redcats

    redcats

    31-01-2010 at 19:02

  8. certo che fine, era quasi salvo, poi dicono che i vigili, non fanno niente. 
    Comunque, i tuoi racconti, sono sempre pieni di sorprese, non sono mai scontati.   bene  ciao buona serata

    penny46

    31-01-2010 at 20:56

  9. buon inizio settimana…non pensare troppo…ti fonde il cervello…rilassati…

    luigi7

    01-02-2010 at 08:12


  10. Non ho guardato i commenti per non rovinarmi la lettura…ritornerò!

    tamango

    01-02-2010 at 12:39

  11. Cacchio… niente Mossad…

    donburo

    01-02-2010 at 13:18

  12.  Vero è che a un buongiorno segue ‘na bona sera/cena sempre ovunque.

    sheratipresentoSallylabelladdormentatapromessadiBondo

    utente anonimo

    01-02-2010 at 19:19

  13. Finito? Finito???? Allora mi devo portare avanti….

    ps…. veramente la risposta c’era… : ))))

    smilepie

    01-02-2010 at 22:24

  14. Oggi ho letto un noir di Massimo Carlotto e un gruppo di autori sardi: "Perdas de Fogu"…sono ancora sconfusissima.
    Sei bravo, Maurè.
    Al prossimo prendo appunti…
    Complimenti!
    sab.

    xdanisx

    01-02-2010 at 22:28

  15. Bellissimissimo!

    VittoriaFeltri

    01-02-2010 at 22:55

  16. avevo lasciato commento qui, ma non lo trovo… uffa! diceva più o meno "bravo", ma con belle parole!

    comunque: bravo! a quando il prossimo? 

    h2no3

    02-02-2010 at 09:29

  17. Posso davvero dire la mia? E immaginando che mi rispondi "Eccerto!"…
    Non ho visto molto Valcorvina in questo racconto, sebbene il dialogo sia incalzante mi è mancato tanto il Luca degli interrogatori, quello che riflette e che ti fa partecipe, che ti fa seguire le indagini anche in contrapposizione con le sue, ma sicuramente coinvolgenti e pregne di suspance: così parlò tamango!
    Amo svisceratamente Valcorvina e sono pronta a perdonarlo perchè c’è tanto freddo e piove anche qui!

    tamango

    02-02-2010 at 11:41

  18. ma alla fine i due trombano?mhhh il 13 febbraio a cena se ne parla

    chefmarco

    02-02-2010 at 14:43

  19. ma valcorvina che fa, esiste veramente?

    corvina

    09-02-2010 at 18:53


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: