matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Un sonetto

with 32 comments

burqa a spillo

Er comune senzo de ’r pudore

Su le spiagge, quann’ero regazzino,
girava, righello ’n mano, er pretore[1]:
quantificava er zenzo[2] de ’r pudore
misuranno quarziasi[3] costumino.

Ma oggi più de quarche assessore
nun vole véde manco ’n caffetano[4]
che usano porta’ (’o dice er Corano)
da ’ste parti l’islamiche signore.

Vestisse, oggi, è peccato mortale:
va provvibbito[5] pe’ piazze e stradine
de tutto er teritorio comunale!

Nun deve incuriosi’ le regazzine,
che pe’ solo modello curturale[6]
devono ave’ le misse[7] e le veline!

[1] Negli anni 60 si sono davvero verificati parecchi casi, riportati anche dalla stampa dell’epoca, in cui pretori, seguiti dalla polizia, verificavano sulle spiagge italiane la quantità di stoffa dei costumi, invitando le donne che secondo loro li portavano troppo ridotti, a rivestirsi e, in qualche caso, portandole a identificarsi in questura…
[2] Senso.
[3] Qualsiasi.
[4] Non vuole vedere neanche un caffetano.
[5] Proibito.
[6] Come unico modello culturale.

[7] Devono avere le miss. 

Annunci

Written by matemauro

26-09-2009 a 16:17

Pubblicato su poesia, roma

32 Risposte

Subscribe to comments with RSS.


  1. Bella immagine, carino il sonetto,
    guarda la velina in reggipetto!

    tamango

    26-09-2009 at 22:24

  2. infatti! ..er comune senzo del pudore aveva i confini spostati molto.. sopra e sotto!
    per non parlare delle nostre donne del sud che rimaste vedove, dovevano (devono?) indossare il nero e il fazzoletto in testa:
    anche da noi piccoli chador!..
    e poi, per quanto io possa odiare il burka, penso che la liberazione della donna può venire solo dalle donne!! checché ne pensi la Santanché-bocca di rosa!
    Un salutone

    giovanotta

    27-09-2009 at 01:48

  3. quando il “re” (minuscolo) è nudo, evidentemente il popolo non deve essere da meno! *grin*

    o tempora, o mores!

    (detto fra noi, speriamo che “mores” prestos…)

    abbraccione
    c.

    h2no3

    27-09-2009 at 09:48

  4. Angelesey

    27-09-2009 at 10:53

  5. Pe mè che ogni ggiorno
    pio la metro,
    me tocca da portamme
    l’antivomito!

    Ste misse che s’appalesano
    drento ar treno,
    so’ peggio de ‘n bigonzo
    preno preno!

    Panze che se strabordeno
    da ‘a cintura,
    zinne che se
    affacceno de lato!

    Zampe che a Capodanno
    co ‘e lenticchie…. mmmmmh!
    Sarebbeno ‘n piattino prelibato!

    Culi che ce mostreno a riga,
    chiappe che se sbatacchiano
    “oddio, mo’ se ‘ e perdeno!”,
    che pe fortuna
    stanno drento a li carzoni!

    Bocche aridipinte torno torno,
    occhi appallonati neri neri,
    puzza de cipolla che
    vordi’ che arazza!

    Viva la bella topa de ‘na vorta,
    che quanno te voleva fa arazzà
    sapeva bene le armi
    da adoprà!
    Profumi, carze a rete,
    culi giusti, zinne che se ‘ntravedeno ‘na punta!
    Boccucce a mandolino
    rosa rosa e occhi che
    te faceveno sognà!

    L’ommini puro erano piu’ giusti;
    nun ‘gne bastava mica
    de acchippa’, tanto
    pe acchiappà!

    Je piaceva la femmina gajarda
    quella che co no sguardo te diceva:
    “Si me voi m’hai da conquistà”
    E er maschietto che
    se la sognava,
    pe giorni e settimana ce provava!
    E si a la fine
    er fatto se compiva,
    era na poesia, puro
    se co ‘na vorta finiva!

    Femmine, arisvejateve!
    Oggi ve contentate de ben poco!
    Manco sapete quello che
    provate, si la vostra
    ‘ntenzione è de appari’;

    E che li vostri partner so’
    mosci, poco vè ‘mporta;
    abbasta che fanno compari’!

    passatorcortese

    27-09-2009 at 12:09

  6. Che Flo’ sia gran persona lo sapemo
    (v’abbasti de sape’ ch’è ‘na gattara),
    ma si de poesia mo’ vo’ fa’ ‘na gara
    io pijo la penna ‘n mano e nun tremo!

    Tu dici cose giuste e sacrosante,
    quelle che me ce batto da cent’anni:
    quest’è la società dei mill’inganni,
    ce se ritrova solo chi è brigante!

    Le donne affascinanti (e dico tu,
    l’amore granne mio e poche ancora)
    nun devono mostra’ li lor tesori:

    so’ Minerve drento e Vveneri fori,
    co’ la sincerità che le onora
    e che le fa bbelle, ancora de ppiù!

    MauroPiadi

    27-09-2009 at 15:12

  7. Evviva Flò e tutte e gattare,
    ringrazzio Mauro pe’ er pensiero,
    lui ama i mici e credo sia sincero,
    ch semo belle drento e fori d’amare.

    La panza mia la tengo riservata,
    le zinne le sollevo fin che se po’
    er perizoma nun cel’ho
    pe tutti,o mostro dopo ‘na serenata!

    V’abbraccio amichi de cordata
    e nun scordate che a femmina dell’ommo
    se mostra tutto ar monno
    dopo un po è scordata.

    Abbisogna dà solo n’assaggiata
    caviglie nude come la mia nonna
    se possono mostrà sotto la gonna,
    er resto,si nun dorme, è ‘na ….

    tamango

    27-09-2009 at 20:00

  8. Tamango cara, c’hai
    proprio raggione!
    N’assaggiatella sempre
    s’ha da donà!

    Però, si nun volemo
    l’omo scordarello,
    puro ner talamo
    nun se dovemo troppo
    arigala’.

    ‘Npo’ de furbizia,
    sguardo malandrino,
    trucchetti da madonna
    attempatella,
    veli buttati là’,
    su ‘a lampadina,
    l’antri buttati addosso,
    a li punti giusti,
    indove che
    è mejo nun mostrà!

    E d’antra parte,
    mo’ l’ingegno nostro,
    tutto sprecato
    pe’ arrapa’ piu’ mejo,
    sguardi e sussuri
    puro esagerati…..

    Tutto pe’ nun mostrà
    un po’ de ciccia?
    Ma se chiedemo perchè
    a quello che ce stà vicino
    la panza ballerina
    je fa vanto?

    Allora amica mia.. sai che te dico:

    ma chi ce lo fà fà,
    tutto st’impianto
    de trucchi, de trucchetti, carze a rete, mutanne cor merletto,
    ghepiere pe annisconne
    quarche cosa
    ma pe fà strabordà le bocce piene?

    Ore dall’estetista
    pe li peli, creme barsamiche
    pe appari’ piu’ lisce!

    Aohhh, ma chi ce lo fà fà,
    morammazzate a noi
    e ste scimunite,
    che ogni scopata
    ce pare n’onoranza
    che c’arigala tanto pe’ bontà,
    quello che s’averebbe d’annisconne,
    pe’ quanto è bacarozzo
    co quaà panza!

    passatorcortese

    27-09-2009 at 21:13

  9. mi piace tantissimo la foto e anche il sonetto.. chi lo ha scritto?..
    Buon inizio settimana Mauro

    alidada

    27-09-2009 at 22:27

  10. Ahahahahahahahahahhahhah!!!!!!!!!!
    e c’hai raggione sì, bella de mamma tua,
    quelli che pe la loro panza
    occupano puro una stanza.
    non pensano de somiglià a Gargantua,

    te fanno sbottonà una a una
    le qualità che tieni strette strette
    e non parlo solo delle zinne tette,
    ma ‘ndove non c’arriva manco la luna!

    tamango

    27-09-2009 at 22:31

  11. ..allora sei proprio bravo! Pensa, credevo fosse di Trilussa 🙂

    alidada

    27-09-2009 at 22:47

  12. Mia cara Tamanghina,
    amica mia,
    ma nun sarà
    che puro ne lo scherzo
    je damo lustro
    ar blogghe de Mauretto?

    Facemose pagà!
    Sinno’ l’ingegno
    se lo tenemo ar pizzo
    stretto stretto!

    passatorcortese

    27-09-2009 at 23:09

  13. “Amicia” mia,
    sta botta è l’urtema
    esco da sto cinema
    e vado per la via.

    Il lustro glielo damo.
    sono sicura
    ma nun è dura
    dì che puro lo prendiamo!

    Buonanotte

    tamango

    27-09-2009 at 23:34

  14. sei favoloso ciao stef

    stefanomassa

    28-09-2009 at 06:34

  15. selvaggia46

    28-09-2009 at 08:13

  16. Me li ricordo quei tempi, a terracina mi hanno portato al commissariato perchè indossavo un topless hahahahahahha!!! Ciao Mauretto.

    ozne

    28-09-2009 at 08:22

  17. sonetto vivace e commenti adeguati. ottimo vernacolo da queste parti.

    pablodepablis

    28-09-2009 at 14:33

  18. Bravo… se è tuo bravo…
    Smile :)))

    smilepie

    28-09-2009 at 15:43

  19. Allora faccio bene io… con il mio ormai famoso “perizoma leopardato”!

    Sei un grande

    Sgraffio

    28-09-2009 at 18:07

  20. Ciavemo tutte quante un pò raggione
    che pè ‘n’incontro fresco de staggione
    ce tocca scimunisse e arabbattasse.
    E’ vero che dovemo depilasse
    la sorcia, gambe, ascelle e le vibrisse
    pè nun sembrà ‘na pecora de Ulisse!
    Le sopracciglia sò na cosa strana
    che cò l’occhi appassiti nun se stana
    er pelo che sortisce ndo je pare.
    Regà: Queste sò cose sempre amare.
    Ce vòle la fortuna der sorriso
    la pienezza e dolcezza d’occhi e viso…
    Ma se l’anni che ciai sò sopra gli anta
    conviene dì “Sò donna ma sò Santa” !

    Pè l’omini de ogni ordine e razza…
    pè quelli che se cercheno ‘a regazza….
    pe l’altri coll’età del chicchinnino…
    pè li trucidi fissati cor pompino…
    abbasta troppo poco e sò già pronti
    se danno na sciacquata toh…dù conti
    se laveno li piedi….er dopobarba
    e dicheno “vedemo si me garba”
    nun vorei ‘na tardona assatanata
    che nun ce spreco manco la serata…
    Er burqa ce l’avemo in occidente
    che mica se va avanti co’ la mente:
    vedemo le modelle imbarsamate
    e nun magnamo troppo: se fa estate.
    vedemo le veline ai caroselli
    e dimo “no” anche ar vino dei Castelli.
    Aricapitolando la questione
    er burqa pare ‘na benedizione
    che se sparambia colla parucchiera
    e coll’ansia che pìa de giorno e sera.
    Si ve sta bene se ne pò discute,
    perchè ‘na sega…è tutta salute!

    xdanisx

    28-09-2009 at 18:17

  21. Bellissima la tua poesia e appassionante questo dilagare di creatività poetica romanesca! Redcats

    redcats

    28-09-2009 at 20:32

  22. che bel blog!!!!!!!!!!!!!che bei post,che bei commenti !!Peccato che io non ho la vena poetica……,
    comunque il burka,non va poi tanto male,anzi,in qualche caso andrebbe imposto
    daniela

    infine

    28-09-2009 at 20:43

  23. @xdanisx

    Aoh!!!!! Ma che
    te se arivortato er cervello?

    Che cacchio c’entra
    er burca cor pisello!

    Ma che parlamo a fà!
    Er caffetano
    nun è benedizione,
    è n’antro ‘nganno!

    Tu te poi mette er burca
    quanto te pare, ma quanno vai ardunque so cazzi amari!

    Nun è annisconnennose
    che se vince,
    ma co le manfrinate
    spicce spicce!

    Tu dichi che a tardona
    s’ha da annisconne?
    Ma che stà a di?

    Te sfido a singolar tenzone,
    si proprio ce ‘ncazzamo
    bbone bbone!

    L’arte d’amare,
    drento ar letto o artrove,
    nun dipenne dai lustri,
    nun ce piove!

    Noi tardoncelle piene de
    curtura,
    sapemo fa ‘e mignotte
    quanno nu je se ‘ndura!
    Manco li gay resitono
    ar nostro inganno,
    e si ce se mettemo
    nun c’è piu’ scampo!

    Ma stai a scherzà?
    Voi mette noi tardone che se scopamo l’omo pe passione?
    Mica ce serve de anna in TV
    o fa e ministre senza piu’ virtu’!

    Scopamo pe er piacere de scopare,
    senza penza’ che stamo
    a fà n’affare!
    E percio’ ce mettemo tutta l’arte
    e tutte le bravure
    fatte e arifatte!!!!!!!

    E allora cara amica un po’ depressa, me pare che
    sei pure un poco fessa!

    Ar chiodo la mutanna ce se attacca, solo quanno
    l’ucello piu’ nun se arza!
    Ma fino allora
    noi semo le padrone
    de fa l’amore
    e puro le zozzone.

    Ste giovincelle..’nvece
    che ne sanno?
    Certe finezze
    nun se ‘mpareno co n’anno!!!

    E chi se vo’ scontrà cor Passatore
    so cazzi amari..
    e bonanotte ar sonatore!

    passatorcortese

    28-09-2009 at 20:44

  24. Mauretto caro,
    pe er tuo compleanno
    te vojo omaggià
    de un piatto sano!
    Sicura che pe’ te
    è ben gradito,
    ce farai la scarpetta
    e te lecchi puro er dito!

    passatorcortese

    28-09-2009 at 21:23

  25. Aritorno e anvedi che te trovo!!
    tre poetesse belle scatenate!!
    sete popo bbrave e me dispiace
    de nun sapé fa ‘na rima che ve piace..
    La più tremenda me pare Passatore..
    ma puro l’artre nun sono tenerelle!!
    Mo’ nun aggiungo artro
    er tema è tosto..
    me ritiro tranquilla
    ma aritorno
    perché sete le mejo fiche
    der bigoncio!
    un abbraccio alle amiche e amichi
    e a Mauretto nostro..
    (se nun se spaventa adesso
    nun se spaventa più!! :))

    giovanotta

    28-09-2009 at 22:04

  26. @Passatorcortese

    Passatorcortese infervorata
    allora dichi che è ‘na gran stronzata
    ricoprisse col burqa tutta quanta
    dalla capoccia ar piede 40?
    Dipende dalli gusti personali
    li nostri, mica de sti marchettari…
    Sincaso capitasse ‘a regazzina
    colla tettuccia bella genuina
    ed culo tondo come er mondo intero
    che apre gambe e braccia…er resto…zero
    Se ce sta il rusticone proletario
    lui se la gira in modo molto vario….
    Vorebbe vede l’omo interessante
    escluso er cesso che stracciamutande
    Allora tu potresti avè raggione
    sur fatto che nun basta la tenzione
    e che l’età diventa assai preziosa
    pè avecce l’esperienza d’ogni cosa…
    E’ timido, magari un pò precoce?
    famose prima er segno della croce
    pensamo a come invorticà er penziero
    pè nun trovasse er brocco, inzomma ‘n pero.
    Se invece s’arza poco, ce s’inventa
    er modo giusto e tenta che ritenta
    de certo mejo della regazzina
    ce se comporta…Aho…ma che cretina!
    Ognuna sa indove deve insiste
    pè fallo cresce e piasse le conquiste.
    😉

    xdanisx

    28-09-2009 at 22:31

  27. @xdanisx

    Aoh, ma che te frega
    de ‘ste creature;
    beata te… te credi
    che so pure!

    Ma sai li buchi
    che se so ‘nventati.
    pe mantenesse l’unico,
    come li neonati!

    Pe quanto ariguarda
    le nozioni….
    ne sanno piu’ de noi.
    E vanno bene
    puro co li zozzoni!

    Ma si volemo di’
    quello che sanno,
    de la scopata vera
    accessoriata,
    che nun è propio
    solo ‘na scopata,
    allora me sa tanto
    che sur colle
    je giova aritirasse
    co le sacre oche!

    Si noi tardone
    ce se ‘ncaponimo,
    nun è che ce abbasta
    er contentino!

    Troppo ha da faticà
    er marcapitato,
    e troppo s’ha da riposà
    doppo der fatto!

    Mica che se sprecamo
    pe ‘n’incontro,
    tanto pe na toccata ‘ntorno’
    ‘ntorno!

    Noi… ce mettemo er core
    drento ar letto,
    e doppo, si è er caso!
    tutto er resto!

    Nun c’è grande amatore
    nè millantatore,
    che po’ sortì indenne
    da ‘sta tenzone!

    E doppo che
    scoperto sottopanni
    nà vikinga
    che l’ha distrutto
    co le giuste armi,
    poraccio lui!!!!

    Nun ce sarà piu’
    gnuna,
    femmina adatta
    alla sua goduria!

    Questa la dedico a tutte le tardoncelle che fanno parte di questa eletta schiera!

    passatorcortese

    29-09-2009 at 11:22

  28. Ammazza che lotta tra leonesse
    pe’ discute se coprì le fesse.
    Un dubbio solo vi presento,
    per dare a questa sfida l’alimento.
    Voi dite “ Siamo un pezzo sopra gli ’anta
    e l’esperienza e l’arte nostra è tanta”,
    ma se ve capitasse un bravo marcantonio,
    che de duro cià solo er comprendonio,
    ve dite: “Peggio per chi se lo pija”
    oppuro ricorrete alla pastija?

    pablodepablis

    29-09-2009 at 14:23

  29. Per Pablo

    Bisogna fa un distinguo articolato
    sur comprendonio der marfunzionato:
    se trattasi de fà la nave scòla.
    ar regazzino brufoloide …è sòla,
    se trattasi del marcantonio fico
    che scopa colle troje da fa schifo,
    oppure der datore de lavoro
    coll’alito pesante , er dente d’oro
    e n’orologio sopra der porsino
    che nun ja fà ma chiede er…piacerino
    o de quelli che buttano ‘n caciara
    “Che stress oggi mi ha punto una zanzara”
    allora er vaffanculo è gesto degno.
    perchè ‘ndove s’ariva metto er segno.

    La pasticchetta a volte può aiutare
    la coppia che cià voja de cosare
    che l’anni sò teribbili pè tutto
    e n’omo cor diabete nun lo butto
    Pero, Paolè, nun ciò proprio esperienza
    che der viagrismo ho fatto sempre senza….
    Le escort sò votate ar mignottismo
    pè li voti der Berluscazzonismo
    Pè principio nun nego la pasticca
    sarà che er nome mio è sempre
    Antonicca

    xdanisx

    29-09-2009 at 17:18

  30. @Passator Cortese
    A ditte er vero nun me frega tanto
    delle pischelle… cosa danno e quanto
    Ho già goduto tanto nella vita
    perciò nun vojo mica dì “E’ finita”…!
    Ognuna ha un modo tutto personale
    pè le feste dè sesso e dè Natale…
    Le regazzine fanno le mignotte
    e poi li lacrimoni giorno e notte
    perchè sò fresche e stronze de giornata
    ma senza er gusto de ‘na staggionata.
    Li sentimenti e le soddisfazioni
    sò fatte anche de piccole emozioni
    de un gioco dar sapor mediorentale
    che lo fa diventà monumentale.
    Capisci che er ditino alla Lolita
    sò cosette così, non da erudita.
    Parla e sculetta voce de gattina
    e nun capisce si è mejo la svertina
    che n’omo nun dimentica a 100 anni
    o mejo toje piano tutti i panni
    fallo diventà scemo pè l’attesa
    e daje l’impressione de ‘na resa.
    Chè la conquista parte dar persiero er corpo conta meno der mistero
    che nell’anni è ciliegia nel liquore:
    E’ tutta n’antra cosa…c’ha sapore!

    (Dedicato a noi donne attempate)

    xdanisx

    29-09-2009 at 17:57

  31. 😉
    decisamente femminista….
    bene, era da un po’ che non passavo per le lezioni in dialetto romanesco!
    Grazie Mauro… di questo passo migliorerò anche il mio senso dell’humor…
    Serena settimana
    :-)claudine

    claudine2007

    29-09-2009 at 20:41

  32. @Pablito

    Caro Pablito,
    tu nun hai capito che
    a noi nun ce “capita”
    er mandrillo!
    Noi lo puntamo, lo studiamo
    lo scejemo, ma solo
    doppo che ben bene
    noi vedemo
    un certo movimento
    chiaro chiaro,
    che ce fa pregustà
    un ber troiaio!
    Troiaio genuino, se capisce
    a l’antri je lasciamo le pasticche!

    passatorcortese

    29-09-2009 at 22:37


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: