matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Giuni Russo

with 24 comments

Giuni Russo, nome d’arte di Giuseppa Romeo (Palermo, 7 o 10 settembre 1951 – Milano, 14 settembre 2004), è stata una cantautrice e cantante italiana di musica pop, jazz, folk e sperimentale.

Ci manca da cinque lunghi anni, ma la sua voce e la sua capacità interpretativa sopravvivono, grazie alla rete…

"Voglio che Giuni sia conosciuta per quella che è, e siccome qualcosa è mancato, allora continuerò a farlo io, ma voglio intorno a me gente che lavori con amore, perché in questo cofanetto c’è tutto il mio amore. Sento molto la sua mancanza, ma so che se lei fosse ancora qui con noi, lo avremmo fatto proprio così. Negli anni lei mi ha spinto molte volte ad apparire, ma sono sempre voluta rimanere nell’ombra, le sono sempre stata dietro e così continuerò a fare.
[…]
Lei, invece, voleva evolversi in un percorso artistico ed interiore perché – come sempre sosteneva – rimanendo fermi in realtà si va indietro. Continuerò a combattere da sola affinché si pubblichino le sue cose, come lei avrebbe voluto se fosse ancora qui.
[…]
Vorrei anche lavorare ad un libro di aneddoti e foto per far conoscere meglio il carattere e la personalità di Giuni, sembrava schiva ed invece era simpaticissima e sempre con la battuta pronta.
[…]
Ci siamo conosciute che Giuni aveva 16 anni ed io 17. Tutta questa vita insieme è una cosa straordinaria, spesso le coppie si prendono, si lasciano, si tradiscono, invece il nostro è stato un incontro di anime che si sono riconosciute, a quel tempo inconsapevolmente, ma che già da allora sapevano di appartenersi da sempre e per sempre. Questo è. C’era qualcosa di interiore molto forte che ci legava. Io ero la figlia, la mamma, il padre, il fratello, la sorella, la compagna, l’amica, il suo tutto. Sono stata fortunata ad incontrarla, anche se sono sfortunata adesso che lei non c’è più.
[…]
Noi abbiamo sempre pensato che la spettacolarizzazione dei gay pride sia un po’ inutile: una persona è quella che è, il ghettizzarsi, il mettersi nella scatoletta è un errore da parte di tutti. Quando facciamo certe manifestazioni dobbiamo essere noi stessi, non dovremmo fare una baracconata. Ognuno è libero di farlo ma, secondo me, non ci sarebbe bisogno perché noi siamo delle persone come tutte le altre e a chi osa dire che siamo diversi io rispondo: No ti sbagli, siamo tutti uguali. Inutile dire io sono bianco, io sono nero, io sono gay. E allora? E così la pensava anche Giuni, è una cosa talmente normale. Sin da bambina la mia condizione mi era chiara e per me era normale. "

(da un’intervista di Maria Anonietta Sisini, compagna di vita e di lavoro di Giuni)

Annunci

Written by matemauro

10-09-2009 a 12:59

Pubblicato su musica, russo giuni

24 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Una delle più belle voci femminili sul palcoscenico italiano.. un’estensione incredibile.

    Un grazie anche a Battiato che l’ha resa celebre dopo alcuni piccoli “fallimenti”

    Sauti

    Sgraffio

    10-09-2009 at 13:56

  2. grande Sgraffio, non sapevo si fosse trattato di una scoperta di Battiato. Interprete eccellente, una vera professionista con una estensione di voce non indifferente e adattabile a stili differenti. Non sapevo neppure della sua omosessualità e condivido in pieno il suo pensiero contro la spettacolarizzazione fine a se stessa di cui se ne può fare a meno senza troppi affanni e senza mortificare l’indole di chicchessia per le supposte differenze che differenze non sono. Bel post, Mauretto, grazie.

    ozne

    10-09-2009 at 15:54

  3. Un’estate al mare….

    ormai per me lei è questa canzone

    abbraccione con due braccia sane!!!!

    mircomirco

    10-09-2009 at 17:21

  4. voce calda, sensuale, come poche, brava. Hai fatti bene a ricordarla, è una voce che non va dimenticata. ciao ciao
    Come va? Meglio, quando levi il gesso?

    penny46

    10-09-2009 at 18:34

  5. Come va il braccio? Redcats

    redcats

    10-09-2009 at 20:41

  6. Per quel poco che ricordo ebbe anche una collaborazione con Celentano..

    “Se mi sbalio mi corigerete”

    Mauro… quindi anche la Caselli era lesbica oppure o capito male?

    Saluti

    Sgraffio

    10-09-2009 at 20:52

  7. Bellissima voce la ricordo ancora..


    SERENA NOTTE**BACINI:-)
    Anna..

    Angelesey

    10-09-2009 at 21:23

  8. una voce come la sua non si dimentica.

    com’è vero:
    siamo tutti uguali.

    Mauro,come stai con il braccio?
    ricordi sempre belle persone,
    abbraccione

    fiorirosa

    11-09-2009 at 00:01

  9. Una grande artista. Una voce unica, ricca di colore e dall’estensione incredibile. L’ho sempre apprezzata. Non ero a conoscenza della sua omosessualità: condivido il suo pensiero e quello della sua compagna al riguardo.

    Come va la mano?

    Bacioni e buon week end.
    annarita:)

    nereide1

    11-09-2009 at 10:00


  10. Come vedi la mia immagine si è proposta assolutamente ignara del tuo post…Quando si dice il caso…

    tamango

    11-09-2009 at 10:05

  11. Quanto ho cantato ‘Un estate al mare’…

    donburo

    11-09-2009 at 10:17

  12. dire di Giuni Russo… non è facile trovare una voce come la sua in tutto il firmamento della musica leggera italiana, nemmeno Mina, ma diciamo che Giuni, o Giusi che sia, era un soprano e questo già la dice lunga sulla sua preparazione, quello che invece è merito della natura è il suo timbro: specialissimo!
    Ho già postato di Giuni una canzone ironica e divertentissima
    http://tamango.splinder.com/post/20895426/Giusy+come+Romeo

    tamango

    11-09-2009 at 11:21

  13. A certi “Caselli” nun se passa…

    Buon fine settimana

    Sgraffio

    11-09-2009 at 11:27

  14. una voce particolare.. non sapevo della sua realtà personale, in genere non mi appassiono alle biografie dei personaggi di spettacolo, ma questo ricordo della compagna è molto bello!!
    buon weekend Mauro 🙂

    giovanotta

    11-09-2009 at 15:54


  15. Grazie, uomo!

    tamango

    11-09-2009 at 22:42


  16. Bacioni**

    Angelesey

    12-09-2009 at 06:25

  17. Grazie del voto!!!!!!Redcats

    redcats

    12-09-2009 at 08:08

  18. tamango

    12-09-2009 at 11:39

  19. non sapevo che fosse morta… nooooo

    phederpher

    12-09-2009 at 11:56

  20. Che bei ricordi … però preferisco il week-end proposto da Tamango …

    FlavioRoma

    12-09-2009 at 12:14

  21. Grande voce : una “Demetrio Stratos” al femminile.

    ofvalley

    12-09-2009 at 18:41

  22. Una brava cantante e persona, concordo. Un saluto da Sàr.

    SaR

    12-09-2009 at 19:57

  23. Il ricordo di TAMANGO mi ha portato a vederla giovanissima e già molto brava, su you tube.
    La Caselli le impedì delle partecipazioni e così Teddy Reno che doveva proporre Rita Pavone.
    Ascolterò il brano, ma i tormentoni estivi non mi piacevano. Ombrellooooni oni oni…Ciao e grazie.

    xdanisx

    15-09-2009 at 16:46

  24. Una meteora nello sqallido panorama italiano!

    passatorcortese

    18-09-2009 at 21:34


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: