matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Le fontane di Roma – 5 – La Pigna

with 19 comments

Pigna

La fontana de la Pigna

’Gni vorta che cce passo[1], senti a mme,
me sovviene[2] che, sotto ar solleone,
annavo co’ mi padre a ’r Bottegone[3]
che era de Tojatti e Berlinguer.

Che bbevute lì sotto a quer nasone!
A Roma, ce lo sai, a le fontanelle
te voressi lava’ puro[4] l’ascelle
si nun girasse ’ntorno ’n pizzardone…[5]

Quella pigna sta lì, messa a ricordo
de una ppiù granne[6], aritrovata
in loco[7] e fregata poi da ’r papa.

Si se trovasse, noi romani, accordo
pe’ dasse tutti quanti ’na svejata[8],
je faressimo vede’[9], a ’sto magnarapa[10]!

[1] Ogni volta che ci passo.
[2] Mi ricordo.
[3] Bottegone era il soprannome con cui era noto, sia tra i comunisti che tra gli avversari, il palazzo dove aveva sede la direzione nazionale del Pci, in via delle Botteghe oscure, che si trova a poche decine di metri da questa fontana. D’estate, quando non avevo scuola, ero solito andarci con mio padre, dato che lui lavorava lì. Ricordo con affetto, soprattutto, il centralinista; all’epoca non esistevano numeri passanti, né tantomeno teleselezione, dunque tutte le telefonate da e per l’esterno passavano attraverso di lui; stavo interi pomeriggi affascinato dalle sue veloci mani che pigiavano sui tasti, e, talvolta, quando non ne poteva più, si assentava per i suoi bisogni lasciandomi alla consolle per un paio di minuti. Così ho potuto conoscere le voci di Pajetta, Bufalini, D’Onofrio e tanti tanti altri, che naturalmente incontravo anche nei corridoi, ma con i quali certo non mi capitava di scambiare voce! A due personaggi, invece, ho potuto invece stringere anche la mano: i due citati qui, ma questo sarà oggetto, casomai, di altro sonetto…

[4] Ti ci vorresti lavare anche.
[5] Se intorno non girasse qualche pizzardone. Questo è l’appellativo (affettuoso, ma non sempre…) con cui vengono chiamati a Roma i vigili urbani. Il nome deriva dal cappello che le guardie civiche portavano nell’ottocento, una sorta di feluca a due pizzi. Memorabile lo stornello del sor Capanna, che qui riporto:

Fiore de uvaccia,
li pizzardoni porteno la treccia,
in testa j’hanno messo la bbarcaccia.

Dove la barcaccia è la fontana di cui a un precedente sonetto; il cappello delle guardie municipali ricordava per la forma, una barca rovesciata!
[6] La fontana, realizzata dall’architetto Pietro Lombardi nel 1927, insieme ad altre nove, per l’arredo urbano in occasione del quinto anniversario della marcia su Roma, prende lo spunto dal ritrovamento, presso le Terme di Agrippa, di una enorme pigna in bronzo, risalente a epoca romana. La pigna bronzea venne portata in Vaticano (dove si trova ora nel cortile del Belvedere, all’interno dei Musei vaticani) in epoca medievale, tant’è che la cita Dante nel XXXI canto dell’Inferno:

La faccia sua mi parea lunga e grossa
come la pina di San Pietro a Roma.

[7] Nel luogo.
[8] Per svegliarci tutti quanti.
[9] Gli faremmo vedere.
[10] Mangia rape. A Roma, i crauti (verza cotta) vengono detti anche rape, ed essendo il papa tedesco…

Written by matemauro

27-06-2009 a 15:26

Pubblicato su fontane di roma, poesia, roma, vita

19 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Quale gentile concessione oggi!
    Mauro che parla di se… bene, bene!Quindi , mi vorresti far capire che frequentavi il … centralinista, ora mi spiego perchè sai scrivere svelto e …di sinistra. Mi prenoto, appena vengo a Roma, voglio veder tutte le fontane, mi fai da cicerone?

    tamango

    27-06-2009 at 15:02

  2. Mauro, scusami, ho dimenticato, presa com’ero dall’ idea di poter visitare le fontane di Roma, di dire che il sonetto è carino come tutti gli altri che hai già postato e che hanno una storia, ma che questa fontana contiene anche un po’ della tua, la rende ancor più preziosa.
    Baci freschi!

    tamango

    27-06-2009 at 15:14

  3. Complimenti mauro,le tue poesie,i tuoi sonetti sono unici e bellissimi!!

    romanticaperla

    27-06-2009 at 15:59

  4. Grazie. Buon week end anche a te!

    :-)))

    Athenaromana

    27-06-2009 at 19:08

  5. M accorgo che, nonostante a Roma ci sia venuta tanto e spesso, mi mancano ancora un sacco di cose da vedere….

    Bacioni🙂

    aironedistelle

    27-06-2009 at 19:54

  6. grazie Mauro che mi rinfreschi la memoria.
    Buona domenica

    fiorirosa

    28-06-2009 at 01:03

  7. dimenticavo

    abbraccione;-)

    fiorirosa

    28-06-2009 at 01:18

  8. Buona domenica. Un abbraccio

    chichita

    28-06-2009 at 08:49

  9. Hai capito er Crucco per Eccellenza?

    Anche io ricordo con immane dolcezza l’ufficio di mio padre, che, per colpa di un pendaglio da forca, (con la effe di Faffari) che sarebbe ora di DEFENESTRARE in senso non metaforico, non posso più chiamare “papi”, e la biblioteca del Ministero che era un incanto…
    Grazie per le delucidazioni.
    Mia sorella G. ha portato robetta sarda da fare alla brace quindi i saluti sono azzeccati ed è una lettrice di Concita…)))

    Qualcuno metteva una fetta de salame drento la scheda elettorale e ce scrivava:”Magnateve pure questa…”
    Sempre vittime dei quattro palmenti!

    xdanisx

    28-06-2009 at 13:09

  10. Un salutone senza fontanone… il mio paese non se lo può permettere!

    mircomirco

    28-06-2009 at 16:26

  11. tamango

    28-06-2009 at 22:50

  12. Mi ci spalmerei volentieri ora in una bella fontana perchè è un caldo che si bubbola:) Il sonetto mi sa che ne prendo uno sulla natura che facesti a Marzo per quel discorso dei dialetti. Ho ripercorso il tuo blog a ritroso e me li sono riletti tutti eh eh…Abbraccione!

    hettori

    28-06-2009 at 23:35

  13. uhm, le tue memorie potrebbero essere interessanti….

    ofvalley

    29-06-2009 at 00:14



  14. Buona settimana..
    baci:-)
    Anna…

    Angelesey

    29-06-2009 at 06:11

  15. tuo padre lavorava al PCI ? ma era funzionario di partito ?

    Francesco071966

    29-06-2009 at 06:39

  16. Non solo a Salomè!

    tamango

    29-06-2009 at 19:03

  17. Pure io ogni tanto ricordo…! Un saluto.

    SaR

    29-06-2009 at 20:13

  18. ciao. siiii, quanti ricordi, i miei, avevano un negozio, vicino al palazzo, tempi, che furono, passo, al volo, un abbraccio

    penny46

    29-06-2009 at 20:40

  19. Questa è davvero bellina… :)))

    Pralina

    02-07-2009 at 09:27


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: