matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Spigolature – Sicurezza sul lavoro

with 10 comments

spigoli

Ne combinano più d’una al giorno ed è difficile tenere il ritmo, ma cerco di farlo…

Dopo, evidentemente, un’approfondita indagine conoscitiva sul drammatico fenomeno degli infortuni sul lavoro, o “omicidi bianchi”, come preferisco chiamarli io, il “Governo della Sicurezza”, con mossa acuta legislativamente e coraggiosa politicamente, ha individuato le cause e i responsabili reali dell’esecrabile fenomeno di cui sopra; ha approntato, perciò, una griglia normativa e sanzionatoria atta a estirparlo una volta per tutte, prima di tutto con le esemplari pene previste per i principali colpevoli delle criminali condotte in questione.

Infatti, in sede di “Schema ufficiale di modifica al Decreto legislativo n. 81/2008” (c.d. “correttivo” del Testo unico sulla sicurezza), all’art. 10-bis si legge:

“Dopo l’art. 14 del decreto è aggiunto il seguente:
Articolo 15-bis (Obbligo di impedimento)
1) Nei reati commessi mediante violazione delle norme relative alla prevenzione degli infortuni e all’igiene sul lavoro il non impedire l’evento equivale a cagionarlo alle seguenti condizioni:
….
d) che l’evento non sia imputabile ai soggetti di cui agli artt. 56, 57, 58, 59 e 60 del presente decreto legislativo per la violazione delle disposizioni ivi richiamate.”

È evidente, pertanto, che, per il governo, i soggetti cui “l’evento” va imputato in prima battuta sono quelli di cui agli artt. 56, 57, 58, 59 e 60; solo laddove “l’evento non sia imputabile” a costoro, debbono essere imputati i “datori di lavoro e i dirigenti”.

Se ne ricava, perciò, che per gli autori di questa proposta di riforma, i responsabili principali di questo tipo di “evento” (ricordiamolo: le morti sui luoghi di lavoro) sono i soggetti di cui agli artt. 56, 57 ecc.

E andiamo a verificare, allora, chi sono questi ignobili figuri, colpevoli della più sistematica e inarrestabile mattanza che si registra in questa società (ben più dei morti sulle strade e di quelli per malasanità), finalmente smascherati dall’opera investigativo-correttiva del “Governo della Sicurezza”: nell’ordine, “il preposto” (cioè il responsabile della sicurezza, art. 56), “i progettisti, i fabbricanti, i fornitori e gli installatori” (art. 57); “il medico competente” (art. 58), ma, soprattutto, “i lavoratori” (art. 59).

Quest’ultima, in particolare, si palesa come la più geniale delle intuizioni governative: coloro che, nell’opinione corrente sono considerati come le vittime, ossia i lavoratori, sono in realtà i primi colpevoli. Praticamente i carnefici di se stessi.

D’altronde, è principio elementare in criminologia: non v’è vittima che non contribuisca in qualche modo al proprio processo di vittimizzazione.


N.B. Qualcuno noterà una variazione nel logo di queste mie Spigolature. Il fatto è che ho ricevuto una cortese e-mail dai responsabili del sito Spigoli&Culture, che “amichevolmente” mi rendono noto che l’immagine che io utilizzavo era in realtà un (loro) marchio registrato presso la Camera di commercio di Ferrara e mi invitano a rimuoverla. In compenso mi offrono di inserire il mio blog tra i loro link amici. Ecco fatto…

Annunci

Written by matemauro

28-05-2009 a 21:31

Pubblicato su spigolature

10 Risposte

Subscribe to comments with RSS.



  1. Buon week end Mauro..
    un abbraccio..
    Anna..

    Angelesey

    29-05-2009 at 07:39

  2. Purtroppo l’argomento della sicurezza sul lavoro è molto complicato….

    donburo

    29-05-2009 at 10:26

  3. amichevole un par di balle, mi sa !

    Francesco071966

    29-05-2009 at 13:32

  4. comunque come la si mette, a rimetterci sono quei poveracci, che perdono la vita, ragazzi giovani, padri di famiglia, è assurdo, sta a vedè poi che la colpa è la loro.
    Hai visto che soddisfazione, ti hanno messo tra i loro link, diciamocelo, te lo meriti. ciao buona serata.

    penny46

    29-05-2009 at 18:44

  5. ma in parlamento non si muore mai “per lavoro”? sti cacacazzi, ahò-

    phederpher

    29-05-2009 at 21:01

  6. Quoto phederpher e mi metto sopra di lui…

    Pralina

    30-05-2009 at 00:09

  7. E’ sempre tutto più complesso…
    🙂

    IdiotaZen

    30-05-2009 at 05:13

  8. tamango

    30-05-2009 at 07:36

  9. Che strano…mi sono entrato di sfuggita e mi sembrava ci fosse un sonetto in romanesco come ultimo articolo ma forse mi sbaglio. Riguardo il post non posso che associarmi all’essenziale e geniale commento di Phederpher:)
    Un abbraccione!

    hettori

    31-05-2009 at 19:15

  10. Avevo sentito parlare di quest’altro vergognoso provvedimento ma hai fatto bene a ricordarcelo. Pochissime e limitatissime le responsabilità dei vertici di una azienda a causa delle volontà suicide degli operai stessi. Siamo al ridicolo. Abbraccione.

    ozne

    03-06-2009 at 10:55


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: