matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Li sette re dde Roma (8ª e ultima parte)

with 9 comments

lucrezia

Tarquinio il Superbo

Arivato a quer posto che tanto ambiva
pe’ mmerito de ’na sorta de linciaggio
Tarquinio governò co’ ’a stessa forza
ch’aveva dimostrata co’ su’ padre.

Doveva da nomina’ li senatori?
Se ne fregava e li faceva cala’.
E si tenete conto che li senatori
ereno l’unichi che potevano

mette bocca in quello che er re faceva
ve risurterà pacifico che lui
faceva propio quello che voleva…
’Na cosa che voleva, per esempio,

era ’na città assai gajarda e tosta
che de li Vorsci era capitale;
che te penzò Tarquinio pe’ conquistalla?
Ar fijo Tarquinio Sestio disse:

“Famo finta che semo litigati,
tu rifuggete là, dicenno a tutti
ch’io t’ho cacciato via da Roma;
poi, quanno sarà er momento ggiusto,

tu famme ’n zegno, che io attacco! ”
E fu così che, in quattro e quattr’otto,
divenne essepiquere pure Gabii.
Mo’, quarche tempo dopo, a Tarquinio

je capitò ‘na strana cosa ’n zogno:
da ’na colonna de legno sortì fori
’na specie de serpente lungo lungo;
Sicched’era ’sta cosa nun ze sapeva,

manco l’aruspici ce quajaveno.
C’era a quer tempo, si vve ricordate,
’n zantuario famoso, in quer de Derfi;
li Greci ce veneraveno Apollo

e je chiedeveno le ppiù strane cose.
Fu così che er zor Tarquinio
ce mannò du fiji e un nipote,
Lucio Giugno Bruto: ricordàtelo!

’Sti tre a l’oracolo je chiesero
si doppo che Tarquinio fusse morto
potesse capita’ a uno de loro
de sali’ sur trono de la città eterna.

’A risposta de l’oracolo fu pronta:
“Sur trono de Roma salirà colui
ch’aritornanno a casa de la madre
sarà er più ppresto a bacialla ’n fronte! ”

Com’è, come nun è, li tre ’nviati
se ne tornorno a Roma assai delusi
de ’sta risposta sibillina assai.
Er zolo Bbruto, che pareva tonto,

ma era ’nvece ’n ber fijo de mignotta,
capì l’arcano e, sbarcati a Brindisi,
fece la finta de casca’ per tera
e ’a baciò, ’a madre de noi tutti!

Quarche tempo doppo, Tarquinio
mosse guera contro li Rutuli, a Ardea.
In quattro e quattr’otto la conquistò
e preparò ’n banchetto pe’ li vincitori.

Staveno lì tutti a comprimentasse:
“Ma quanto semo bravi, quanto semo forti”,
“E bevi ’n goccio de questo e senti ’n po’
quest’artro”, quanno er discorzo scivola

su le moji rimaste sole a casa.
E fecero a scommette su dde loro,
chi fusse la ppiù bbrava e ppiù fedele
risorvennose d’annalle a vvisita’.

Zompati su li cavalli, a Roma vanno:
le moji dei Tarquini, spenzierate,
le troveno a banchetto co’ l’amichi
e je fanno: “La guera è ggià finita? ”

Ma Lucrezzia, moje de Collatino,
la trovano ’nvece co le su’ donne,
che fila ’n vestito, senza stancasse.
Dovete da sape’ che Lucrezzia

era tra ’e matrone ’a ppiù bbella,
sicché Sesto Tarquinio, perfido,
decide lì pe’ lì de fassela e,
facenno finta de gnente, ritorna

er giorno doppo, e je fa violenza!
Ariva er marito co’ Lucrezzio,
er padre, e Bruto, l’amico caro.
Pija er cortello, pora Lucrezzia mia,

ner petto se l’infigge, pronuncianno
parole assai sentite, che d’allora
a tante donne toccherà de di’
ritrovannose ’n zimili frangenti:

“Purquanto so’ innocente da ’r peccato,
me stessa nun assorvo! ’Gni donna
deve, ’n circostanze amare, vendica’
l’onore suo e dell’amati sui! ”

Bbruto, riccorto er cortello rosso
der sangue de l’amica, ggiura piagnenno:
“Co’ sto cortello stesso, cacceremo
er zuberbo Tarquinio, sicché a Roma

mai ppiù re c’avremo! ” Detto fatto,
s’ariduna la plebbe ar Campidojo
caccia Tarquinio e fonna ’a repubbrica.
Tarquinio, co’ tutti li Tarquigni,

se ne va ar mare, a Cerveteri;
lì, co’ l’amichi sui, l’Etruschi,
proverà, ma senza troppi danni,
a ripijasse dell’Urbe er trono,

finché, doppo quarche anno, sconfitto,
disilluso, agnede a fa’ tera pe’ cceci
a Cuma, possedimento etrusco.
Finisce qui, co’ mia soddisfazzione,

’a storia de Roma nostra antica.
Si vv’è ppiaciuta, fatemelo sape’;
po’ ddarzi che ner zeguito,
si la Musa me ispira, du’ verzi

me l’invento, pe’ ricconta’ dell’artri
che, nell’anni successivi, a Roma
fecero ’mprese fori da l’usuale:
d’Orazzio Coclite e de Scevola,

de Coriolano e de Cicerone,
de Marc’Aurelio e Ottaviano Augusto,
e Mmarco Catone, e Mmenenio Agrippa,
e Quintilio Varo, e Cesare Ggiuglio,

eppoi Tibberio, Nerone, Fausta,
Tito, Costantino, e Cola de Rienzo…
Abbasta, che me se sfragne er core
a penza’ come se semo mo’ ridotti,

a mendica’ favori a Mediolanum,
a Nova Eburacum, a Londinium
che, fatece caso, so’ nomi strani,
ma so’ città fonnate dai Romani…

Note:

li faceva cala’ Tarquinio rifiutò di nominare nuovi senatori, perché non voleva in alcun caso sminuito il proprio potere
famo finta che semo litigati facciamo finta di essere in contrasto
essepiquere è, in parola, l’acronimo SPQR
’n zogno in sogno
sortì fori uscì fuori
sicched’era cosa fosse
ce quajaveno non ci capivano niente
’n zantuario un santuario
er più ppresto a bacialla il più lesto a baciarla
se ne tornorno se ne tornarono
che pareva tonto che faceva finta di essere stupido
’n ber fijo de mignotta la locuzione “figlio di puttana” a Roma può essere usata tanto in senso spregiativo, per indicare una donna, ma una persona in genere, che vende il proprio corpo o la propria dignità, quanto anche in senso positivo, per indicare una persona particolarmente astuta, in grado di ottenere benefici personali, senza però curarsi delle conseguenze per gli altri
a comprimentasse a complimentarsi
de fassela di avere con lei un rapporto sessuale
risorvennose d’annalle a vvisita’ decidendo di andare a controllarle
Zompati su li cavalli saltati sui cavalli
facenno finta de gnente senza dar a vedere la sua decisione
pora Lucrezzia mia a Roma è frequente l’uso di queste interiezioni affettuose, spesso anche rivolte verso persone con le quali non si è in alcun tipo di rapporto; ho sentito con le mie orecchie una signora anziana, nei giorni scorsi, parlare di Eluana Englaro usando l’espressione “pora fija mia…”
’n zimili frangenti in occasioni analoghe
Purquanto so’ innocente da ’r peccato pur essendo innocente di questo peccato
ggiura piagnenno giura tra le lacrime
fonna ’a repubblica fonda la repubblica
Cerveteri nome moderno dell’antica Cere, nei pressi di Roma, all’epoca possedimento etrusco
a ripijasse a riprendersi
agnede a fa’ tera pe’ cceci diventò terra per ceci: è una delle tante perifrasi romanesche per morire, dato che la superstizione vieterebbe di pronunciare la parola; altre, divertenti, sono “guarda’ l’erba da ’a parte de ’e radici” (guardare l’erba dalla parte delle radici), “anna’ a l’arberi pizzuti” (andare dove crescono i cipressi), “stira’ le cianche” (distendere le gambe), “annassene all’artri carzoni” (mettersi un altro paio di pantaloni, vista l’usanza di vestire i morti con il vestito buono); del tutto particolare, pur se ormai incomprensibile, è poi l’espressione belliana “tira’ er cazzo ar pettirosso”
me se sfragne er core a penza’ come se semo mo’ ridotti  mi si stringe il cuore al pensiero di come siamo ridotti
Nova Eburacum Nuova York; York, la cittadina britannica, venne fondata dal governatore romano di Britannia, Quinto Petilio Ceriale, intorno al 71 e.V. con il nome di Eboracum o Eburacum, successivamente evolutosi nell’anglosassone Eofor-wic, poi nel Germanico del nord Jorvìc e infine nella forma attuale inglese

Advertisements

Written by matemauro

01-03-2009 a 22:50

Pubblicato su varie

9 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. E che te devo dì de li romani?
    Li trovi sempre in giro, semo chiari,
    e ndo nun so stai per procellosi mari
    vordì che prima ce sò stati esiciliani.
    Stretta a fojia e larga a via.
    tu hai detto aa tua , io aa mia! ;-)))


    Storie di Lucrezia (solo centro della scena)

    tamango

    02-03-2009 at 01:21

  2. Meno male che ci sono le note. Ogni tanto devo fermarmi e rileggere, ma è stato un piacere.

    chichita

    02-03-2009 at 15:56



  3. Buona giornata piovosa ma mite finalmente…
    Bacio**
    Anna..

    Angelesey

    03-03-2009 at 09:34

  4. Finisce, no… 😦
    E allora sai che facciamo?
    Ne inventiamo qualcun altro :)))

    Grande!

    Bruno

    Bierreuno

    03-03-2009 at 10:14

  5. superbo anche lo stornello!!!

    zop

    03-03-2009 at 12:06

  6. Wowwwww complimenti,ma tanti tanti,sei bravissimo!

    Bacio
    vany

    romanticaperla

    03-03-2009 at 15:27

  7. Ciao vany

    romanticaperla

    03-03-2009 at 15:27

  8. ..e Tarquinio il superbo e Mediolanum… che strana coincidenza… 😉

    alice64

    06-03-2009 at 22:40

  9. Ola unn miо amico mi hа shaгato il ⅼіnk a
    questo blog e sⲟno passato a vedere com’è.
    Mi piace enormemente. Aggiunto tra i preferiti. Bellissimo blog e
    template spettacߋlɑre!!!

    Maryanne

    16-08-2016 at 05:16


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: