matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Li sette re dde Roma (7ª parte)

with 14 comments

mura serviane

Servio Tullio

Mo’, quarch’anno prima, era successo
che ne la corte se fusse ritrovato,
nessuno sa da dove, fijo de chi,
un regazzino assai ben’educato

che tutti quanti faceva diverti’.
De facile parola e ’ntrapendente
teneva banco fra la nobbirtà
co’ certi modi da ’ncantà la ggente

che puro er re riuscì de conquista’!
Tarquinio, da la moje conzijato
co’ ’n atto notarile l’ha adottato.
Mo’, pe’ da’ ’n nome decente a ’sto regazzo

bisognava sape’ da chi era nato
e a forza de domanne ner palazzo
ch’era fijo de ’na serva fu svelato.
Così, cacciato via ogni dubbio,

je misero pe’ nome Servio Tullio.
Co’ ’r re che je faceva da maestro
Servio tutti li trucchi imparò presto
sapeva vive bene fra la plebbe

e ar centro de la corte ’ndove crebbe
’mparò presto l’arte de fa’ er politico,
per cui fece cariera e diventò importante:
’ndove stava la greppia c’era lui!

Pe’ compretavve er quadro famijare
c’è da divve che doppo s’è sposato
co la fija de Tarquinio Prisco
e che ’nzieme a ’sto socero regale

faceva de la plebbe l’avvocato.
Co’ li patrizzi e co’ l’ambasciatori
annava a spasso da matina a sera,
faceva e riceveva li favori

s’entrufolava ’nzomma a  ’gni maniera
com’a tutt’oggi fanno l’assessori.
Li fiji d’Anco Marzio, furastici,
ner vede’ ’sto Tarquinio sempre a galla

s’ereno veramente ’n po’ scocciati
e studiaveno er modo de piantalla.
Er giorno che ammazzorno sor Tarquinio
se presentò ar senato Servio Tullio

co’ tante guardie tutte a lui d’intorno
pe’ riparallo in caso de bisogno.
Chi c’è mejo de lui pe’ tira’ avanti?
C’ha già le mano in pasta, conosce tutti quanti,

se mette la trabea appena arzato
e se presenta in mezzo ai senatori,
quelli minori fatti da Tarquinio
e in du’ battute la nomina vie’ fori.

Siccome che la gente borbottava
pe’ ’n ’artro Toscano che regnava,
pe’ fallo più importante de quant’era,
se disse ch’era fijo d’un dio potente,

precisamente fijo de Vurcano.
È la solita storia, ormai ce lo sapete,
quanno che li cittadini so’ arabbiati,
ce se mette de mezzo ’n poro dio

e tutti so’ contenti e cojonati!
Così ’sto Servio, appena fatto re,
co’ l’esperienza brutta ch’ha passato
de vede un re così mort’ammazzato,

usò de corza le du fije zitelle
come assicurazione su la propia pelle;
le maritò defatti, ’sto tapino,
co’ Lucio e Arrunte, fiji de Tarquinio.

Fece, ’sto Servio, ’n ber po’ de costruzzioni
tra ccui, si per caso nun ce lo sapete,
’na corona de mura a ’sta città
che da lui so’ chiamate, appunto, serviane.

Fece la guera co’ Vejo for de porta
e a ’na diecina e più d’artre città
perché era er mercato che j’emportava,
e Roma se doveva d’allarga’.

Pe’ politica interna in un momento
te fa na divisione in base ar cenzo,
’na cosa nova detta cenzimento
che poi c’avrebbe avuto ’n gran conzenzo;

e poi che è ’sto cenzo è presto detto,
si c’hai li sordi te chiameno “signore”
si invece nun c’hai ’na lira “poveretto”.
Però guardate la delicatezza:

quelli senza li sordi e tanta prole,
puro pe’ mettece subbito ’na pezza,
invece de chiamalli poveracci
je metteno pe’ nome prole…tari.

In seguito ’nventò le votazzioni
dividenno la gente pe’ centurie
de ricchi, ceto medio e d’accattoni.
Quanno che poi s’annava a fa’ lo spojo

veniva sempre a galla quell’imbrojo
per cui li ricchi co’ li senatori
ereno sempre loro li vincitori.
Poi fu er momento delle divisioni

de Roma e fece li rioni;
pe’ ogni rione c’era ’na tribbù
quelle de centro ereno dette urbane
e quelle for de porta rusticane.

A Diana fece ’n tempio all’Aventino;
popolo Etrusco e popolo Sabbino
er tredici d’agosto, tutti l’anni,
scordannose le tasse e li malanni

viaggiaveno contenti fin’a là
p’avecce er gusto de sacrifica’.
C’aveva Servio Tullio du’ belle fije
j’aveva messo nome, penza ’n po’, Tullia;

no, nun me sbajo, lo stesso nome…
ma pe’ distinguele c’era ’n zistema:
una era Maggiore, l’artra Minore!
Penzanno de rinforza’ ’a su’ proggenie,

fece ’sta penzata che mo’ vve dico:
c’era un fijo de Tarquinio Prisco,
Tarquinio puro lui (e daje co’ ’sta fantasia!)
ch’a quarant’anni senza moje se trovava,

je disse Servio Tullio, allora:
“Io ’na moje te l’averei puro trovata,
che dichi de sposatte ’sta mi’ fija?”
(penzanno certamente a la Maggiore);

Tarquinio nun ce stette a penza’ tanto,
e er matrimonio venne combinato.
Doppo quarche anno però, Tarquinio,
vedenno che de prole nun ze ne parlava,

je diede ’n carcio ’n culo a la Maggiore
e come sposa se prese la Minore.
Mo’, si ttenete conto che Tarquinio
c’aveva er dente assai avvelenato

co’ chi er padre j’aveva trucidato,
ve vie’ dde certo ’n mente che volesse
de Servio co’ le su’ mano vendicasse.
Servio regnava da quarant’anni e passa

finché la fija e er genero, meschini,
trovorno er coraggio pe’ fallo fori.

Note:

domanne domande
pe’ compretavve per completarvi
c’è da divve vi devo dire
’nzieme a ’sto socero insieme a questo suocero
ner vede’ nel vedere
furastici furiosi
ammazzorno ammazzarono
pe’ riparallo per difenderlo
de vede di vedere
de corza di corsa
’na corona de mura le mura serviane, in alcuni punti ancora visibili, soprattutto nei dintorni della stazione Termini,  furono la prima cinta difensiva di Roma, costruite su un perimetro che toccava le principali alture della città: Palatino, Campidoglio, Viminale, Oppio, Celio e Qurinale
conzenzo consenso
pe’ mettece ’na pezza per riparare un torto
spojo spoglio, scrutinio
scordannose dimenticandosi
zistema sistema
penzanno de rinforza’ ’a su’ proggenie volendo rafforzare la sua discendenza
te l’averei te l’avrei
che dichi de sposatte che ne pensi di sposarti
vedenno che de prole nun ze ne parlava vedendo che non si parlava di prole, cioè che i figli non arrivavano
je diede ’n carcio ’n culo le diede un calcio in culo, vale a dire che la ripudiò
co’ chi er padre j’aveva trucidato ricorderete che Servio Tullio aveva ucciso Tarquinio Prisco, padre di quest’altro Tarquinio
ve vie’ vi viene
co’ le su’ mano con le sue mani
pe’ fallo fori per farlo fuori

Annunci

Written by matemauro

26-02-2009 a 17:57

Pubblicato su poesia, roma, storia

14 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Comeeeeeee? Nun ce pozzo crede!!! Fija e genero? Ma proprio gran…fija? Ah, m’era parzo! Era la mi….nore! Penza che proggenie veniva fori!
    A te mio caro mauro auguro però i sonni tranquilli dei nostri tempi, che tutto sommato sono i migliori della nostra storia.

    tamango

    26-02-2009 at 19:06

  2. Povero Servio Tullio, ucciso dalla figlia e dal genero, che sicuramente erano più laziali che romanisti. Ma tu la racconti bene. Ciao Maurè.

    ozne

    26-02-2009 at 23:18

  3. Perchè Roma..è Roma…
    i Re sò Re…
    ma er popolo..quanno comanna??

    alice64

    27-02-2009 at 00:00

  4. tsè,le mura serviane…
    vuoi mettere il Ponte sullo Stretto:-)

    fiorirosa

    27-02-2009 at 01:14



  5. Ti stringo***
    Anna..

    Angelesey

    27-02-2009 at 09:28

  6. ecco vedi che succede a mettere al mondo dei phiglij…

    phederpher

    27-02-2009 at 09:42

  7. Quanto amo il romanesco… complimenti!

    Skeight

    27-02-2009 at 11:13

  8. Se io fossi un insegnante ti leggerei in classe, anche durante l’ora di matematica o geografia :)))

    Sei forte!

    Bruno

    utente anonimo

    27-02-2009 at 14:35

  9. sempre godimento puro leggere queste quartine.

    ofvalley

    27-02-2009 at 17:48


  10. a morooo?!

    tamango

    27-02-2009 at 23:19

  11. quella delle mure serviane non la sapevo, vedi che faccio bene a leggerti !

    Francesco071966

    28-02-2009 at 00:35

  12. Quoto, Bruno. Questi versi sono godibilissimi e trasmettono cultura.

    ot: quando arriva il tuo libro?

    Bacioni e buon week end

    annarita

    nereide1

    28-02-2009 at 10:47

  13. Prof, io ne farei, di questi tuoi versi, un piccolo testo di storia. Sarebbe un notevole aiuto per glis tudenti. E per i proff!
    Buon fine settimana a voi!!

    elenamaria

    28-02-2009 at 12:15

  14. ha ragione elenamaria! la storia, detta così, è mejo!

    Princy60

    28-02-2009 at 12:20


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: