matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Li sette re de Roma – (5ª parte)

with 10 comments

cloaca_massima

Tarquinio Prisco

Allora, ve dicevo de l’Etruschi:
’nzieme co’ li primi, scese Lucumone
sposato co’ ’na certa Tanaquilla;
lui trafficava come ’n lumacone,

lei pareva ’na donna assai tranquilla.
Presentannose ar popolo romano
fece de tutto pe’ cambiasse nome:
je ce voleva ’n nome più romano

e ’nvece de l’etrusco Lucumone
Lucio Tarquinio Prisco fu chiamato.
Omo brillante, parlantina sciorta,
s’enfila nella mejo società

e co’ costanza, salenno ’n po’ pe’ vorta
ariva propio ’ndove vo’ ariva’.
Co ’n soriso, ’n favore, ’sto brav’omo
riuscì d’avvicinasse tanto a ’r trono

e ’ntanto j’aumentaveno le voje.
Forze perché sapeva di’ le barzellette
o forze pe’ la moje ch’era bbona
fatto sta ch’Anco Marzio lo volette

fa’ famoso de fora e drento Roma,
omo de gran fiducia e conzijere
e, arfine, quanno fece testamento,
fece st’omo tutore de l’eredi a ’r trono.

Pijanno la palla ar barzo all’occasione,
senza né stampa né televisione,
Tarquinio e Tanaquilla fanno
’na propaganda elettorale

co’ metodi moderni, senza uguale.
Casa pe’ casa, pe’ le vie, le chiese,
co’ ’n soriso pe’ tutti e co’ tutti cortese
da la Subura fin’ar Palatino

er lavoro fu fatto così fino
che, brucianno er paione, lui fu re.
Mo’, co’ la testa appena incoronata,
Tarquinio Prisco, mai sazzio d’allori

subbito organizzò ’na gran drittata
nominanno cento novi senatori;
ggente fidata, ggente de cervello,
legati tutti da quarche macchiavello.

Siccome Roma è ancora ’n po’ ’ndecente
è zozza, nun c’ha manco ’na fogna,
inzomma ogni strada è assai fetente,
stufo de tutta ’sta puzza sott’a ’r naso

fa veni’ giù a valanga dall’Etruria
d’architetti e d’ingegneri ’na centuria,
muratori, stagnari e carpentieri
e falegnami, scurtori e carettieri;

via le capanne fatte co’ la paja
s’addopreno li marmi e li mattoni
pe’ fa’ le case pe’ poveri e signori.
E nun se so’ fermati co’ le case:

fecero strade lastricate e dritte,
le terme fatte solo pe’ lavasse,
li stadi pe giocacce le partite,
li fori, che sarebbero le piazze

’ndove che se riuniveno a discute
gioveni e vecchi de tutte le razze
de guere e de battaje, de donne e de granaje,
de perzone per bene e de canaje.

Fecero quarche tempio a quarche dio
(tanto de ddii ce n’ereno ’n fottìo)
co’ statue tanto belle e naturali
ch’a ’r monno certo nun ce so’ l’eguali.

Ma l’opera più utile e possente
è la cloaca massima, che scarica ner fiume
tutto quanto de brutto potete ’mmaggina’,
che libbera le strade da li sorci e da le zozzerie

prosciuganno pozzanghere e marane;
pe’ le strade nun trovi manco ’n’acca,
ché l’hanno libberate dalla cacca.
’Sto manufatto iggenico e importante

è ancora utilizzato e funzionante!
Fatte ’n ber po’ de ’st’opere edilizzie
bisogna provvede’ pe’ mantenelle:
serveno li scopini e le milizzie,

su le mura ce vonno sentinelle,
pompieri, muratori e manovali,
stagnari, guardie civiche e ’mbianchini
e poi portieri, grici e macellari,

pecioni, sarti e puro li norcini,
e pe’ trova’ ’sta massa lavorante
ce vo’ ’na guera ne le vicinanze,
pe’ sottomette a Roma ’n po’ de ggente

che possa lavora’ senza lagnanze
(ch’a Roma ormai ognuno è ’n po’ statale
e qualunque lavoro, si lo fa, je fa male)…
Così Tarquinio fece due o tre guere

contro li Sabbini e contro li Latini,
volenno conquistasse ’n po’ de tere
naturarmente a spese de li vicini.
Così la mano d’opera richiesta

senza concorzi e riccommannazzioni
la trovorno e fu ’na cosa lesta
sopraffacenno ’ste popolazzioni.
’Sto re mezzo toscano veramente

stava sur gargarozzo a tanta ggente;
fecero allora ’na bella congiura
co’ la ggente più dura e più sicura.
Deciso er piano ne li particolari

p’ammazzà er re, pijeno du’ pecorari,
li pagheno, je spiegheno er da fa’
e quelli appena pronti ponno anna’.
In mezzo ar foro fanno gran canizza,

se chiede l’intervento dei littori,
detto fatto ’n processo s’organizza
e Tarquinio è costretto a veni’ fori.
Se mette a sede e dice: “Che vve rode?”

”Noi chiedemo giustizia, maestà!”
”E allora forza, dite che c’avete,
così poi la piantate a scanizza’!”
Un pecoraro allora se fa avanti

dicenno che quell’artro je fa torto
e, mentre che Tarquinio ascorta assorto,
l’artro, veloce come ’na saetta,
j’ammolla ’na gran botta co’ ’n’accetta.

Note:

’ndove vo’ ariva’ dove vuole arrivare
j’aumentaveno le voje crescevano i suoi desideri
conzijere consigliere
Subura la Suburra era un vasto e popoloso quartiere dell’antica Roma, situato sulle pendici dei colli Quirinale e Viminale fino alle propaggini dell’Esquilino; nel corso dei tempi ha subito diverse devastazioni, ultima quella degli anni venti del secolo scorso, quando Mussolini fece costruire la via dell’Impero (l’attuale via dei Fori imperiali)
brucianno er pajone bruciando la paglia; l’usanza di bruciare la paglia asciutta o bagnata (che produce rispettivamente fumo bianco o nero) non è certo, come tante altre usanze, un’invenzione dei papi…
stagnari idraulici
canaje canaglie
de ddii ce n’ereno ’n fottìo di dèi ce n’erano a bizzeffe
marane marrane; a Roma sono  i fossi e i piccoli corsi d’acqua che attraversano il territorio urbano; il termine sembra derivi da Ager maranus, zona nei pressi della via Appia dove scorreva (e in parte scorre tuttora) il fosso dell’Acqua Mariana; per estensione, la parola passò poi a indicare tutti i fossi romani
grici panettieri; questa è una “licenza poetica”, dato che così venivano chiamati i panettieri alla fine del medioevo: sembra perché provenissero dal cantone svizzero dei Grigioni
pecioni coloro che riparavano le pentole e le botti usando, appunto, la pece: siccome il risultato era visibilissimo, anche oggi si usa nel senso di chi aggiusta alla buona, senza molta cura
norcini sono coloro che macellano i maiali e preparano e vendono i derivati della carne suina; sono detti così perché venivano per lo più da Norcia; la professione era comunque nota anche nell’antichità, e i più bravi norcini erano ricercatissimi
riccommannazzioni raccomandazioni
stava sur gargarozzo oggi si direbbe meglio “stava sulle palle”… il gargarozzo è la gola
pijeno du’ pecorari prendono due pecorai
ponno anna’ possono andare
canizza strepito, cagnara
littori erano una speciale classe di servitori civili, che avevano il compito di proteggere i magistrati
a veni’ fori a uscire fuori
scanizza’ fare, appunto, canizza

Written by matemauro

16-02-2009 a 22:14

Pubblicato su poesia, roma, storia

10 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. poi venne quello che metteva le tasse: tarquinio visco !!!

    e il pasticciaccio ??? ci lasci col fiat sospeso ? (non c’è refuso, ho scritto “fiat”)…

    a presto

    h2no3

    16-02-2009 at 22:24

  2. visto che mi hanno preceduto nella battuta, direi che dopo venne Tarquinio peppino Prisco….. un abbraccione Mauro !

    Francesco071966

    16-02-2009 at 22:45

  3. Fino alle “barzellette” mi ricordava il nano, ma poi con le opere pubbliche e il buon governo, mi ricorda più mortadella (anche perché è stato accoltellato da un pecoraio che magari era pure delle parti di Ceppaloni)

    ofvalley

    17-02-2009 at 00:04


  4. per ora…

    tamango

    17-02-2009 at 12:29

  5. Mauro, ti ringrazio per l’offerta della partita a scacchi a distanza ma sono così rincoglionito che ho provato a giocare con Bobby e lasciavo tutti i pezzi in presa. Con gli esercizi con pochi pezzi tipo finali ecc. ancora ne risolvo qualcuno, ma la pratica mette a nudo tutta la ruggine e la mancanza di concentrazione. Se hai qualche link buono con finali o tattica però lo accetto volentieri, le aperture no perché mi addormentano. Un abbraccio
    Dante

    esserinoebalena

    17-02-2009 at 18:16

  6. Mauro io qua me te inchino
    nun ce trippa pè li gatti,
    tu sei mejo de Pasquino
    cò le rime nun te batti!

    Cò sta scusa der poemetto
    me fai ripassà la storia
    e me piace assai, lo ammetto
    sei n’artista senza boria!

    Perciò sai che c’è de novo?
    tra sti 7 re de Roma
    vojo mettece n’ottavo
    chje la penna usa e doma

    cò ironia, curtura e onore:
    parlo de Mauro Antonetti
    che pè me è l’imperatore
    delle rime e dei sonetti!

    baciotti!!!

    Targhina

    17-02-2009 at 18:53

  7. aironedistelle

    17-02-2009 at 21:07

  8. anche se per vari motivi ti sto seguendo poco… come sempre geniale!!!

    T3rminator

    17-02-2009 at 21:34

  9. prepara qualche versaccio per l’ottavo, il nono…
    😉

    fiorirosa

    19-02-2009 at 15:22

  10. Condivido e sottoscrivo quello che dice Targhina. Bravo Mauretto.

    ozne

    20-02-2009 at 14:41


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: