matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Li sette re dde Roma (5ª parte)

with 9 comments

Photobucket

Anco Marzio

Doppo de Tullo Ostilio, er re gueriero,
s’avanza mo’ ’n mezzo fraticello
che porta ’n nome che pare battajero:
Anco Marzio se chiama, ma porello,

lui de marziale nun c’ha propio gnente.
Mo’ pe’ ’gni santo c’è na processione
Roma odora d’incenzo a tutte l’ore
e ’r popolo romano è in orazzione

che ppare la festa der Divin’Amore.
Roma fa gola e a tutti ’sti stranieri
che in quarche modo vorebbero da entra’
è necessario daje ’na lezzione

così poi sanno ’ndo deveno d’anna’!
Ce sò li Tibburtini, li Falisci e li Latini
li Sanniti, li Piceni e li Marrucini
e dalla Cispadania scenneno giù li Liguri,

li Veneti, l’Insubri e l’Umbri che a palla
vonno zompa’ su Roma pe’ sbranalla.
Come si fusse poco, là ’n mezzo a lo stivale,
ce so’ l’Etruschi da dove’ para’

e so’ dolori, questi fanno male
perché la guera la sanno propio fa’.
L’Etruschi so’ artiggiani e gran guerieri
so’ marinari, artisti e commercianti;

hai da penza’ che nun zo’ nati ieri,
che fanno mette a sede tutti quanti.
Co’ quarche scaramuccia come assaggio
doppo d’avecce puro ’n po’ abbuscato,

prima che tutto annasse a fini’ peggio
Anco je disse: “Bboni, amo scherzato,
mettemese d’accordo; qui conviene,
pe’ vive ’n pace e co’ tranquillità,

d’uni’ le forze vostre e nostre inzieme
formanno ’na sola, unita, società.”
Così l’Etruschi scesero giù a Roma,
misero su commerci, portorno li ddei loro,

inzegnorno ai Romani a fa’ er sordato.
Fecero porti, negozzi e magazzini,
osterie, poi le terme e ppoi er teatro,
pe’ diverti’ li granni e li regazzini,

e un novo centro urbano fu creato.
Successe ch’a quer tempo li Romani,
a contatto de l’urtimi arivati,
se scoprirono d’esse marinari

e a cerca’ er mare subbito so’ annati.
In cinque o sei partirono spediti,
quattro Romani, un Veneto e un Sabbello
e s’aggregorno puro dù Sanniti.

Cerca e ricerca, ecchete sur più bello
er Veneto strilla’: “Ostia, dame quel remo!”;
stava co li piedi ammollo drento l’acqua
e zompava tanto che pareva scemo.

Sentenno che strillava a ’sta maniera,
quell’artri “Ostia, Ostia!” se misero a strilla’
credenno in bona fede che quello era
er nome dato a la località.

Siccome poi che l’acqua era salata
je se risorze pure quer probblema
der sale pe’ condisse l’inzalata
che mo’ nun ze doveva più importa’.

Doppo ventiquattr’anni che regnava
er re Anco Marzio, stufo de campa’,
stirò le zampe ner mentre che magnava
e lungo la via Appia se fece sottera’.

Note:

la festa der Divin’Amore una delle feste più tradizionali di Roma
così poi sanno ’ndo deveno d’anna’ così poi sanno dove andare (sottinteso: affa…)
zompa’ saltare
hai da penza’ che nun zo’ devi pensare che non sono
doppo d’avecce puro ’n po’ abbuscato dopo avercele un po’ prese
amo scherzato abbiamo scherzato
portorno, inzegnorno, s’aggregorno portarono, insegnarono, si aggregarono
ecchete eccoti
je se risorze trovarono la soluzione

Annunci

Written by matemauro

13-02-2009 a 22:35

Pubblicato su poesia, roma, storia

9 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Anco Marzio….. e poi al liceo (o era già alle medie) mi piaceva la musicalità dei nomi dei sette re di Roma

    Francesco071966

    14-02-2009 at 00:30

  2. ma bravooooooo!!

    🙂
    vany

    romanticaperla

    14-02-2009 at 09:09

  3. M’anco Marzio stai a rispammià!
    Er bacio glielo manno io, beh?
    Che pensi che ‘nu sen’avvede?
    Risorgerà dall’appia pemmè bacià!

    Oggi rime frou frou!

    tamango

    14-02-2009 at 12:39

  4. Nun so se me piaciono de ppiù le poesie o le note ‘splicative …
    Sei forte, Maure’!

    FlavioRoma

    14-02-2009 at 17:11

  5. Anco Marzio può aspettare. Se penso ad un innamorato, qui, penso a te. Ed a te, a voi, voglio fare tanti auguri. E inviare un abbraccio…

    elenamaria

    14-02-2009 at 18:59

  6. Buon blogging, maurè tra una poesia e Valcorvina. Ti abbraccio, Enzo.

    ozne

    14-02-2009 at 23:43

  7. Bravo, Mauretto. Un pezzo di storia in versi romaneschi. Non è facile e tu sei riuscito a rendere una specie di magia…

    Buon fine settimana
    bacio
    annarita

    nereide1

    14-02-2009 at 23:48

  8. Ma davvero Ostia ha preso nome in quel modo:)? Magari poteva chiamarsi Ostrega a quest’ora! Un abbraccio e Buona Domenica Mauro!

    hettori

    15-02-2009 at 14:32

  9. Belloi questi versi, così si imarererbbe meglio la storia, Giulia

    giuba47

    15-02-2009 at 18:52


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: