matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Li sette re de Roma – Numa Pompilio

with 13 comments

Photobucket

Numa Pompilio

Appresso a Romolo ce fu Numa Pompilio:
d’origgine bburina, a Roma s’è fionnato
sapenno ch’era libbero ’sto posto da statale,
così fu fatto re, pe’ nnomina legale.

Comunque ’sto re Numa contadino,
carzari grossi, ma cervello fino,
la notte pe’ le fratte se n’annava
perché, dice, Egeria “conziji bboni” je dava,

poi però, co’ ’n piede sopra ar Vaticano
e ’n artro sopra ’ar colle Palatino
fece riduce er popolo romano,
sempre ’ncazzato e sempre fumantino,

a ’na massa divota e baciapile
per quarant’anni e più che restò re.
Appena Numa salì su ’r trono
se vorze rappacifica’ co’ tutti:

cessò le scaramucce co’ li Sabbini
e strinze patti puro co’ li Latini.
Pe’ Roma, che, se po’ ddi’,
era appena nata, in fasce,

fu ’n periodo pacifico e tranquillo;
se preoccupò, ’sto re, de garanti’
l’unione religgiosa a li Romani:
fonnò perfino er tempio der dio Ggiano

co’ ’na porta che ddoveva d’oprisse
solo ner caso de quarche guera.
Mbe’, in quarant’anni der zuo regno
quela porta restò sempre chiusa!

Se capisce mo’ però che quarche cosa
de la storia che c’hanno riccontato
nun è successa proprio veramente.
E mme spiego: seconno la leggenna

fu Numa a stabbilì che le regazze,
sopratutto quelle de nobbile ascendenza,
avessero da diventa’ sacerdotesse,
bada’ che mai nun ze spegnesse

er sacro foco de la ddea Vesta.
Mo’ però, comme se spiega
che la madre de Romolo, Rea Sirvia,
fusse riccontata esse lei stessa

una de loro, ’na sacerdotessa?
Da questa bbreve conziderazzione
chiunque nun c’abbia l’occhi foderati
po’ capi’ ch’ar popolo “sovrano”

je la poj mette ’n culo quanno voj,
abbasta che t’appiji a ’r potere de li dei…
Come dite? Che ve sembra de capi’
ch’er monno puro oggi ggira eguale?

Ah, ma nun l’ho detto io, lo dite voi!
Io sto qui sortanto a riccontavve
quello che nareno le leggende;
qualunque osservazione ve vie’ ’n mente

aricordateve sempre che disse Màrchese:
“La storia se po’ ripete, sì, semo d’accordo,
ma quella che la prima vorta è ’na traggedia
si s’aripete, poi, nun è artro che ’na farza!”

Note:

s’è fionnato si è precipitato
carzari calzari, scarpe
pe’ le fratte per campi
conziji consigli
fumantino pronto alla rissa, al diverbio
se vorze volle
fonnò fondò
oprisse aprirsi
t’appiji ti appigli
nareno narrano
ve vie’ vi viene
Màrchese Marx
farza farsa

Annunci

Written by matemauro

07-02-2009 a 15:45

Pubblicato su poesia, roma, storia

13 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. In effetti tanti tratti caratteristici in comune con i comandanti di oggi ce li aveva Er Numa Pompilio. In ogni modo Roma esisteva da poco e quindi immagino che poteva muoversi in tutte le direzioni e di fatto lo fece forte anche di una longevità non comune per quei tempi. Un abbraccione!

    hettori

    07-02-2009 at 16:18

  2. Meno male che ce so’ le note a fondo post, sinnò come facevo a capillo …
    Bella, bella davero …

    FlavioRoma

    07-02-2009 at 20:46

  3. Tremendamente attuale, Prof. Corsi e ricorsi storici? Ma quando ci riposiamo?
    Una abbraccio, siate felici e saggi.
    (((perchè saggi? non lo so mica….)))

    elenamaria

    07-02-2009 at 21:13

  4. Sì pperò se se repete adesso è ‘na tragedia ‘ncora peggio, che nun fa’ ride pe’niente, e che s’ha da scongiurà! ;(

    Leira

    08-02-2009 at 00:59

  5. evitiamo le ripetizioni
    con tutte le nostre forze.
    buona domenica.
    abbraccio

    fiorirosa

    08-02-2009 at 01:42

  6. …e non hai sentito la canzone (non so perché non riuscivo a inserire youtube e ho dovuto ricorrere al codice) te lo ricordi Stefano Rosso? ancora delizioso…e purtroppo scomparso poco tempo fa…
    Questa la scrisse nel 1978.
    E appare TERRIBILMENTE attuale.

    Leira

    08-02-2009 at 02:49

  7. tale e quale a mo’!

    Princy60

    08-02-2009 at 12:10

  8. spettacolare….

    stefanomassa

    08-02-2009 at 14:24

  9. m’è sempre piaciuto Numa … Pompinio ! ops ! 😉

    h2no3

    08-02-2009 at 14:26

  10. Bella questa rassegna di storia romana! Redcats

    redcats

    08-02-2009 at 18:57

  11. dopo re numa di rispondo sul mio blog con il carroccio ,e vediamo come si mette ,buona serata.

    orematt

    08-02-2009 at 19:12

  12. mi fai venire voglia di riprendere in mano la storia di Roma….

    Francesco071966

    09-02-2009 at 17:19

  13. Mi fai proprio morire… non resisti se non lanci le tue frecciatine verso chi crede in un Dio unico per tutti, no, eh?
    Comunque è carinissima anche per questo modo mordace che hai di parlar di sacro e profano.

    Numa da (colpetto di tosse…!) Egeria
    a farsi dà “conziji bboni”…

    tamango

    09-02-2009 at 19:25


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: