matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Li sette re dde Roma (2ª parte)

with 9 comments

Ecco la seconda parte del poema, questa dedicata al primo re, nonché fondatore, di Roma, Romolo; per quanto riguarda la fondazione della città, leggete anche questo mio post.

Photobucket

Romolo

Se dice che ’na notte, ’na Vestale
stufa assai de fa’ la vita monacale,
sortì dar tempio, là da quella parte,
e ’ncontrò quer marpione der dio Marte;

questo,’ngrifato come ’n diavoletto,
la pijò, la spojò e se la portò a letto.
Così, pe’ ‘a prima vorta ne la storia,
’na vergine aspettava ’n regazzino

pe’ null’artro che ’n’intervento divino.
Ma, a ’r momento fatidico de ’r parto,
”Signora mia – je disse la mammana –
ortre a ’sto pupo ce n’è puro ’n’artro.”

Nascettero li pupi fra le pene,
ma bisognò annisconneli pe’ bbene
che si solo ’na traccia ce restava,
Rea Sirvia ’a testa nun conservava.

Se decise de metteli in un cesto,
er fiume poi avrebbe fatto er resto.
Li gemelli mo’ dormiveno tranquilli
ma j’arivò la fame… e allora strilli!

C’era da quele parti dietro a ’n dosso
’na pora lupa che se stava a rode ’n’osso;
drizzò le recchie, fiutò ’n po’ l’aria,
guidata dall’odore e quarche strillo

scese sur fiume e vide er canestrello.
Se tuffò, l’ariccorze e piano piano
lo portò verzo tera e se fermò
guardanno quer carico infantile.

”Poveri fiji de madre scellerata”
pare penzasse la lupa trasognata.
Poi s’accorze che ereno affamati,
j’offrì le zinne e doppo na poppata

e un ruttino s’addormirono beati.
Così li pupi crescettero robbusti,
sani e bbelli, ’nzomma: du’ fusti!
Giocaveno co’ l’aratro e co’ la vanga,

faceveno canali ’n mezzo a la fanga
cortivaveno tereni tutt’intorno,
fino a che un maledetto giorno,
doppo ave’ lavorato sotto ar zole

senza manco ’no straccio de cappello
Romolo fece: ”’Sto tereno è mio
qua drento ce commanno solo io.”
Remo, pacioccone, lo pijò ’n canzonella,

provò a fa’ co’ ’r fratello cojonella,
ma l’artro senza manco aripenzacce
pijò na zappa, e co’ ’na botta a llecco
je la diede ‘n testa e lo fece secco.

Mo’ Romolo da solo che faceva?
C’aveva ’n po’ d’amichi, è vero,
ma l’ommini, è notorio, si so’ soli,
vonno fa’ quelo sporte della caccia

che noi chiamamo “anna’ a gattaccia”,
sicché se fece ’sta penzata:
mannò l’inviti a tutti li Sabbini
pe’ magnasse ‘nzieme li bbucatini.

Ha’ da vede’ che robba, li bburini,
se fionnarono de corza all’abbuffata
portannose le donne e i regazzini.
Tutto procede bene e sur più bello

quanno tutti allegrotti e a panza piena
so’ arivati ar momento dell’abbiocco,
Romolo dà er segnale a la masnada
e quelli, a branchi come tanti lupi,

se fregheno le donne dei Sabbini.
Aprete cielo, se strillò a ’r tradimento;
ma Tito Tazzio, er re de li Sabbini
ch’era omo de testa, sur momento

fece ’n discorzo saggio a ’sti burini:
”Bboni, bboni – je disse -, state bboni
semo cornuti sì, ma no fregnoni,
si alle femmine je cresce la panza,

ce resta solo de fa’ ’n’alleanza!
nun c’è bisogno che mo’ famo a botte
restamo tutti assieme e bbona notte!”
A Romolo annò bene la proposta

e accettato che fu ’sto compromesso,
tirate su le maniche, se dettero da fa’
pe’ costrui’ de corza ’na città.
Romolo disse: “’a chiameremo Roma”

“Vabbe’” rispose er popolo a ’na voce.
”Sarà potente, a capo der monno intero
e, si tutto va bbene, c’avrà puro ’n’impero!”.
Ma a li Sabbini ancora je rodeva,

’gni scusa era bbona pe’ mena’ le mani;
e allora mazzate, tortorate e gran cornate;
co st’arembaggio se ruppero ’n po’ d’ossa,
poi li Romani annorno alla riscossa:

morti e feriti, ’na canestra piena.
Fu allora che le donne,
lasciateli sfoga’ pe’ ’n paro d’ore
je se misero ’n mezzo e:

“Carmi, tranquilli, ma che sete matti?
Si vv’ammazzate, poi noi che famo?
qua non ce sta Saffo, nun stamo a Lesbo,
né semo femministe sfegatate

senza l’ommini noi nun ce campamo…
Su, state bboni e tutti assieme
vedemo de campa’ come conviene”
e, pe’ fa
in modo de pacificalli

tirorno er collo a due o trecento polli;
er vino già scoreva a caratelli,
a piedi pari sott’a ’n tavolino,
Romolo e Tazzio, davanti a ’na fojetta

e puro a ’n par de chili de porchetta,
s’accordorno inzieme pe’ regna’
su quella che così se po’ chiama’
la prima Onu de l’umanità.

E venne er giorno che su Campo Marzio
co’ Romolo sur trono e tutto quanto,
un nuvolone scese piano piano,
coprì tutta la zona, nniscose tutto

e quanno er nuvolone poi è svanito
s’accorgheno che Romolo è sparito!
Er popolo borbotta e vo’ sape’,
li senatori fanno ’n gran consijo:

vie’ fora la leggenda che ’sto re
l’hanno rapito ’n cielo come ’n dio.
E così er conzesso de li senatori
fece convinto er poro cittadino

che Romolo era diventato divino,
er dio Quirino. E er popolo abbozzò.

Note:

sortì uscì
marpione furbacchione, gatta morta
’ngrifato ingrifato, eccitato
mammana ostetrica
l’ariccorze lo raccolse
lo pijò ’n canzonella lo prese in giro
fa’ cojonella buttarla sullo scherzo
a llecco a segno
anna’ a gattaccia andare per donne
se fionnarono si precipitarono
Ha’ da vede’ devi vedere
omo de testa intelligente
annorno andarono
a caratelli a fiumi; il caratello era un barilotto che poteva contenere dai 25 ai 200 litri
’na fojetta a Roma la fojetta è la caraffa da mezzo litro di vino
s’accordorno si accordarono
abbozzò subì passivamente, si rassegnò

Annunci

Written by matemauro

29-01-2009 a 21:49

Pubblicato su poesia, roma, storia

9 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. il vocabolario era d’obbligo….

    Francesco071966

    29-01-2009 at 23:29

  2. Mi piaci da matti :))

    Bruno

    Bierreuno

    30-01-2009 at 09:26

  3. Bellissimo! Divertente! Sembra di leggere “La scoperta de l’America” di Pascarella: “Ah, quell’omo!- je fecero- chi séte”? / “Eh,-fece- chi ho da essé? Sò un servaggio”…

    ofvalley

    30-01-2009 at 20:58

  4. Inzomma tutti quanti l’ingrifati,
    che come dichi, c’hanno er vino in panza,
    cò le commari mie, senza speranza,
    se sò de tutto belli e che sazziati…!

    Sabbina se sganascia cò sta storia
    ma se chiama Sabbina, no Vittoria!

    Ma quale Lesbo e la rivoluzzione,
    senz’omini ce viene er coccolone
    (escluso quello stronzo der…Biscione)
    ce piace ‘nturcinasse nel piumone…

    Maurè…me fischiaveno le recchie…)))))))

    xdanisx

    30-01-2009 at 22:45

  5. Bella e divertente. Ho riletto tutto e ora vado a cliccare sul vecchio post di cui al collegamento. ciao Maurè.
    p.s. Sabina è incredibile e mi fa morire quando picchia duro sul nanerottolo hahahahahahah!!!

    ozne

    30-01-2009 at 22:49

  6. leggevo di recente un FOCUS dedicato tutto a Roma e sembra che gli archeologi abbiano trovato dei solchi, potrebbero essere le antiche fondazioni.
    Indubbiamente i 7 colli stanno tutti attaccati e quindi lì qualcosa sarà pur successo!

    MaraGi

    31-01-2009 at 09:06

  7. E bravo er Prof
    poeta verace
    legge i tuoi versi
    a ogni blogger piace
    me diverti e me insegni
    che so’ ‘gnorante
    e de cose ne devo
    impara’ tante
    ((per favore, non sghignazzare così forte, chè ti si sente anche qui…))
    Ciao!!

    elenamaria

    31-01-2009 at 17:16

  8. ciao. certo che sti’ romani so goderecci, va sempre a finì a taralluci e vino.
    Tu forse non te la ricordi, ma quando ero piccola c’era una lupa vera, in gabbia ovviamente, sotto al Campidoglio. E’ grande sta Roma. abbraccione penny

    penny46

    31-01-2009 at 18:25

  9. Complimenti, poesia di ottima fattura. C’è solo da limare alcune imperfezioni tecniche: si tratta di endecasillabi, mentre alcuni versi contengono dodici sillabe, ad es.
    “stufa assai de fa’ la vita monacale”,
    che però potrebbe essere sostituito
    da “stufa assai de fa’ vita monacale”, che sistema tutto dal punto di vista metrico e così per qualche altro verso, ma in ogni caso a me è piaciuta molto ( io ho scritto una sessantina di sonetti, per cui me ne intendo).

    utente anonimo

    14-08-2009 at 17:12


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: