matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Li sette re dde Roma

with 17 comments

Questa è l’introduzione a una nuova opera che sto cominciando a scrivere, dedicata ai sette mitologici re di Roma. La versione completa sarà disponibile nel volume di prossima pubblicazione A Roma, che raccoglierà le mie poesie in dialetto.

colli

Introduzzione

Cari romani, ma puro cispadani,
’na vorta tanto èssimo sinceri,
lassamo perde l’eroismi de la scòla
e guardamo er lato umano de la storia.

Quanno Romolo ancora nun c’era,
ner posto indove poi ce fece Roma,
ggente de tante razze s’encontrava
che c’arivava a piedi o su la soma.

Barattaveno vacche co’ galline
oppurossia asparaci e carote,
sei pedalini pe’ du’ mutanne…
e faceveno tutti affari d’oro.

Poi, smontati baracche e burattini,
aritrovati moji e regazzini,
aritornaveno a casetta piano piano
caricanno la robba sur somaro.

Facennose li conti, un ber giorno un tale
disse: “Ma ch’affari d’Egitto!, n’accidente:
fra anna’ e veni’ nun ze guadambia gnente,
come dovemo da fa’ mo’ ve faccio vede!”

E detto fatto, co’ tre legnacci
e quarche chiodo fece du’ capanne,
pe’ fa’ parete mise ’n po’ de stracci,
mettenno fine a tutto quer bailamme.

Sapenno de ’sto centro commerciale
vennero da li monti circunvicini
portanno giù ’gni tipo d’animale,
li somari, le moji e li regazzini.

Perciò quanno Romolo decise
de segna’ co’ l’aratro li confini,
nun era solo, ma ner teritorio
ce stava un formicaro de burini

de cui ve fo ’n’elenco approssimato,
chiedenno scusa pe’ chi me so’ scordato:
ce staveno l’Etruschi e li Latini,
li Marzi, li Lùceri e ppoi l’Irpini,

l’Equi, li Piceni, li Ramni e li Vorsci,
 l’Aurunci, li Sabbelli e puro l’Osci,
li Marrucini, li Rutuli, li Campani,
Cartaginesi, Dauni e Sanniti,

li Sabbini co’ li Bruzzi e li Lucani
l’Umbri, li Grechi, li Japigi e li Messapi.
C’è da di’ però che veramente,
ner posto, fissi là pe’ fa’ quatrini,

de tutti quanti c’era solamente
quarche etrusco, li Sabbini e li Latini.
Er resto, tempi bboni o tristi,
passaveno de cqua come turisti.

Ma a Roma so’ passati in tutti i tempi
etruschi, galli, grechi e marocchini
e, doppo quarche tempo, o fanti o santi,
se chiamaveno Romani tutti quanti.

Note:

cispadani generico per “non romani”
èssimo imperativo “siamo”
lassamo lasciamo
scòla scuola
oppurossia o anche
asparaci asparagi
pedalini calzini
mutanne mutande
guadambia guadagna
moji mogli
de segna’ co’ l’aratro li confini vedi qui la mia poesia sulla fondazione di Roma

Annunci

Written by matemauro

28-01-2009 a 13:37

Pubblicato su poesia, roma, storia

17 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Trascinante Pascare’ …

    FlavioRoma

    28-01-2009 at 14:35

  2. anvediii pure er dizionarioooo!!! 🙂

    zop

    28-01-2009 at 16:31

  3. Co’ na mano tiè’ il libro che legge
    co’ l’artra fa di conto e guarda er gregge.
    Scrive du libbri e penza ar piadinaro
    vuoi vedè che mma ‘ddiventa puro rochettaro?

    tamango

    28-01-2009 at 17:46

  4. La potenza dell’antica Roma…. è scomparsa
    ma quella del suo dialetto è ancora grande…!

    P.S.
    Mi sono informato sulla carta prepagata in posta. Costo di attivazione 5 euro… se po fà!

    mircomirco

    28-01-2009 at 17:52

  5. Mitica! Mandala a Maroni!

    Princy60

    28-01-2009 at 18:11

  6. caspita! ormai abbiamo messo il turbo…bellissima poesia….notte!

    lateresa

    28-01-2009 at 21:52

  7. Sono trasecolato, oggi ho accompagnato alessia alle prove dei costumi del nuovo spettacolo e guarda che coincidenza il titolo è:I sette re di roma. Bellissima, sei un grande, Enzo.

    ozne

    28-01-2009 at 23:56

  8. e oggi pe due stranieri che girano fanno tante storie;-)
    tse…

    ma allora fai sul serio:-)))

    fiorirosa

    29-01-2009 at 00:41

  9. E’ bellissima!
    ciao anna

    annacomeme

    29-01-2009 at 10:42

  10. sempre più scrittore sempre meno matematico…..:-)

    Francesco071966

    29-01-2009 at 11:01


  11. Buongiorno pure a te! 😉

    tamango

    29-01-2009 at 11:20

  12. E meno male che ci sta pure il dizionario!!!!!! 🙂

    czedyo

    29-01-2009 at 13:01

  13. Ringrazzia che nun te posso risponne adesso,
    sta cosa è sfizziosa e corta assai
    è che mò vado de prescia sinnò er lesso
    me se rffredda e dopo sono guai!
    Ciao mitico!!!

    Targhina

    29-01-2009 at 18:55

  14. Bravo mauro è bellissima.

    Vany

    romanticaperla

    29-01-2009 at 20:30

  15. Ti chiameranno “lo scrittore camaleonte” per la varietà della tua opera Mauro:) Un abbraccione!

    hettori

    29-01-2009 at 21:50

  16. Fortissima, Mauro. Complimenti:)

    Abbraccioni
    annarita

    nereide1

    30-01-2009 at 13:41

  17. Ma ‘nsomma dichi che io sò burina,
    solo per nome chè me diede mamma?
    o sò buzzurra… mappate che dramma
    puro ser nome nun era Sabbina?

    Bella, Maurè.
    vojo li pedalini!

    xdanisx

    30-01-2009 at 22:02


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: