matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Ludwig van Beethoven

with 6 comments

Beethoven – Sinfonia n. 9 – IV movimento, Corale – 1ª parte

Beethoven – Sinfonia n. 9 – IV movimento, Corale – 2ª parte

"Dal tubare della colomba allo scrosciare della tempesta, dall’impiego sottile dei sagaci artifici al tremendo limite in cui la cultura si perde nel tumultuante caos della natura, egli ovunque è passato, tutto ha sentito.
Chi verrà dopo di lui non continuerà, dovrà ricominciare, perché questo precursore ha condotto l’opera sua fino agli estremi confini dell’arte."
(Franz Grillparzer, orazione funebre, 29 marzo 1827)

Ludwig van Beethoven (Bonn, 16 dicembre 1770 – Vienna, 26 marzo 1827) è stato un compositore e pianista tedesco. La sua opera si estende cronologicamente dal periodo classico agli inizi del romanticismo. Ultimo grande rappresentante del classicismo viennese (dopo Gluck, Haydn e Mozart) Beethoven preparò l’evoluzione verso il romanticismo musicale ed influenzò tutta la musica occidentale per larga parte del XIX secolo. Personalità inclassificabile ("Voi mi avete dato l’impressione di essere un uomo con molte teste, molti cuori, molte anime", gli disse Haydn verso il 1793), la sua arte si espresse in tutti i generi, e benché la musica sinfonica fosse la fonte principale della sua popolarità universale, è nelle opere per pianoforte e nella musica da camera che il suo impatto fu più considerevole.

Superando attraverso una ferrea volontà le prove di una vita segnata dal dramma della sordità, che celebra nella sua musica il trionfo dell’eroismo e della gioia quando il destino gli prescriveva l’isolamento e la miseria, ha meritato nei primi anni del Novecento la celebre affermazione dello scrittore e Premio Nobel Romain Rolland: "Egli è molto avanti al primo dei musicisti. È la forza più eroica dell’arte moderna", espressione di una fede inalterabile nell’uomo e di un ottimismo volontario, utilizzando la creazione musicale come azione di un uomo libero e indipendente. L’opera di Beethoven ha fatto di lui una delle figure più significative nella storia della musica.

Mi piace chiudere questo post con una vignetta dedicata a quello che, nel mondo dei fumetti, è stato sicuramente l’ammiratore più sfegatato di Beethoven, cioè Schroeder, dei Peanuts. Mi piace perché è "a rovescio"…

schroeder beethoven

Annunci

Written by matemauro

16-12-2008 a 00:54

Pubblicato su beethoven, musica, peanuts

6 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Mi son sforzata credimi…ma non ho capito la battuta e nemmeno la vignetta, sarà per questo che nessuno ha ancora commentato? E mentre beata ( o quasi , lo sai che Don Diego è nella mia testa costantemente ) ascolto le musiche dei video ti saluto affettuosamente!

    tamango

    16-12-2008 at 10:16

  2. Mi son sforzata credimi…ma non ho capito la battuta e nemmeno la vignetta, sarà per questo che nessuno ha ancora commentato? E mentre beata ( o quasi , lo sai che Don Diego è nella mia testa costantemente ) ascolto le musiche dei video ti saluto affettuosamente!

    tamango

    16-12-2008 at 10:16

  3. MA COOMEEE SI FA A NON CONOSCERE SCHROEDER … quel bimbo che suona le sinfonie su un piano giocattolo mentre la scorbutica Lucy gli fa gli occhi di triglia per ammaliarlo senza riuscirci… Mauro ti ricordi di quando lui le toglie il piano di sotto al gomito ??? 😉 ma Schulz è un classico ragazzi…bisogna dirlo alla Mariastella che deve essere introdotto come materia obbligatoria, vero ??? ;DDDD
    ciao Renata

    ontanoverde

    16-12-2008 at 19:44

  4. la vignetta è micidiale me la sono copiata. Hai fatto un capolavoro a mettere i linki per i tuoi deliziosi lavori
    a presto
    Dante

    esserinoebalena

    16-12-2008 at 21:45

  5. ho conosciuto Beethoven tramite i peanuts…..

    Francesco071966

    17-12-2008 at 14:14

  6. Io l’ho capita la vignetta ed il genio musicale non mi lascia come statua di sale. A volte ci sono persone che fanno male per quanto riescono a penetrare i sensi. Ci sono incanti in tante forme d’arte e Mauro è attento e sembra si sia detto tutto.
    Lo si ringrazia, per la diffusione di cose a volte non accessibili a tutti.
    Il freddo mette ali, ed è uno stringersi nelle spalle, un sorriso di nostalgia per quelle vignette che mi hanno accompagnata fino a età giovane.
    Nelle corse a villa Ada, che mi facevano felice, c’è un pezzo di vita che mi sono lasciata per sempre.
    Mi inchino al genio. Mio padre ed il suo giradischi…La sua passione, il teatro dell’Opera e quell’ammirazione per Mina, come potete intuire. Le risate per Totò….
    Un abbraccio.)))))
    danis

    xdanisx

    18-12-2008 at 19:07


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: