matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Thor Heyerdahl

with 11 comments

heyerdahl

Thor Heyerdahl (Larvik, 6 ottobre 1914 – Colla Micheri, 18 aprile 2002) è stato un antropologo, esploratore e regista norvegese.

"Tornare alla natura? Dire addio alla civiltà? Io ci ho provato.
Ho fracassato l’orologio tra due pietre e mi sono lasciato crescere barba e capelli.
Mi sono arrampicato sulle palme per nutrirmi.
Ho infranto tutte le catene che mi tenevano legato al mondo moderno."

Erano queste, più o meno, le parole che Heyerdahl pronunciò in un’intervista. Esploratore, navigatore, etnologo, scrittore, documentarista, archeologo, scienziato fuori da ogni scuola. Una persona la cui vita è stato un susseguirsi di avventure e imprese straordinarie.

La più famosa, la più grande impresa marinara del XX secolo, fu quella datata 29 aprile 1947. Lasciò le coste del Perù sopra una zattera in legno di balsa, Kon Tiki (nella foto in fondo), con lo scopo di raggiungere le isole della Polinesia. Dopo 101 giorni di navigazione e 4300 miglia nautiche percorse, naufragò su un’isoletta delle Tuamotu.

Non contento, nel 1970, con un’imbarcazione in papiro, Ra II, copia fedele di quelle degli antichi Egizi, attraversò l’Atlantico dal Marocco alle Antille, dimostrando che il papiro poteva galleggiare per molto tempo.

Dieci anni dopo, con una barca in giunco, imitazione di quella dei Sumeri, navigò dal golfo Persico fino a Gibuti, in Africa.

Grazie alla spettacolarità delle sue imprese, molte delle sue teorie, soprattutto sulle origini delle popolazioni polinesiane risultarono le più diffuse, anche più di quanto meritassero in termini di conferma. Se da un lato gli sviluppi successivi dell’archeologia e della genetica hanno smentito la sua teoria della discendenza delle popolazioni polinesiane e dell’Isola di Pasqua anche da popolazioni amerinde, è però certo che il suo contributo è indiscutibile sotto molti aspetti.

Per esempio, la stagione di scavi del 1955 presso l’isola di Pasqua, in assoluto la prima vera campagna archeologica in quel luogo, ha fornito molte informazioni, rendendo possibili gli studi successivi, anche quelli che hanno prodotto smentite di alcune sue conclusioni. I suoi studi e le sue spedizioni hanno comunque dimostrato che anche in epoche molto antiche le rotte oceaniche potevano essere solcate abitualmente e che gli scambi etno-culturali erano forse molto più fiorenti di quanto si pensi normalmente.

E allora, grande Thor… vento in poppa e vele al largo…

kontiki

Annunci

Written by matemauro

06-10-2008 a 21:57

Pubblicato su thor heyerdahl

11 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. si potesse più spesso dare corso alla nostra voglia di esplorazione !

    h2no3

    06-10-2008 at 21:26

  2. Colla Micheri è un villaggetto a pochi chilometri dal mare, nel primo entroterra Ligure, vicino ad Andora e ad Alassio. Si gode, dalla “colla”, una vista stupenda su due baie. Grazie a Thor H. il paesino (venti case a esagerare) si è conservato intatto. C’è ancora una bottega medioevale di panettiere, con il davanzale / pietra d’appoggio per il pane, equivalente alle nostre vetrine espositive. Però, per mantenere quel piccolo paese intatto dalle grinfie speculative, ha dovuto comprarselo quasi tutto…

    ofvalley

    06-10-2008 at 21:35

  3. Hai scelto un personaggio davvero fiabesco Mauro: e la precisazione di ofvalley completa splendidamente il tuo post
    baci 🙂

    aironedistelle

    06-10-2008 at 21:51

  4. Ciao Mauro, ti ho sistemato le foto o almeno così credo…fammi sapere come le visualizzi adesso.
    Ciao.

    adelcico

    06-10-2008 at 22:04

  5. Mauro ti sono grata perchè mi fai conoscere personaggi ammirevoli come il grande Thor, oltre che farmi studiare matematica per poter seguire i tuoi post con un minimo di “cognizione di causa”.:-)))
    Un abbraccio

    fiorirosa

    07-10-2008 at 00:31

  6. Riguardo il template sembra più largo, c’è più aria oltre che spazio,
    bel lavoro.

    fiorirosa

    07-10-2008 at 00:34

  7. quanti sogni fatti leggendo i suoi libri, studiando le sue teorie. un personaggio moderno, senza tempo, che ci ha dato tanto.
    mi hai fatto venire la voglia di rileggere Kon-tiki e Ra.

    ontanoverde

    07-10-2008 at 09:38

  8. Qui si conosce sempre qualcosa di nuovo… Grazie Mauro, Giulia

    giuba47

    07-10-2008 at 12:59

  9. Ecco un altro ritratto più che interessante e considerando che non so nuotare…l’autostima è ai minimi storici 😉
    ciao.

    xdanisx

    07-10-2008 at 14:49

  10. Davvero un esploratore ed una grande persona.

    sottolanevepane

    07-10-2008 at 18:39

  11. La prima volta che ho sentio parlare di lui facevo le elementari ed avevo anche trovato una piccola foo che mi ha fatto sognare per un sacco di tempo: fantastico, quel navigatore folle aveva dimostrato che era possibile percorrere grandi distanze su una imbarcazione così semplice!
    La traversata oceanica sull’imbarcazione di bambù è stata poi per me argomento di discussione per un bel periodo.
    Ciao

    cugpref

    08-10-2008 at 12:15


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: