matemauro

Di matematica ma non soltanto…

George Gershwin

with 11 comments

Jacob Gershowitz, in arte George Gershwin (Brooklyn, 26 settembre 1898 – Hollywood, 11 luglio 1937), è stato un compositore, pianista e direttore d’orchestra statunitense.

Jacob Gershowitz era il secondo di quattro figli di una coppia di ebrei russi immigrati negli Stati Uniti. Nel 1910 i genitori acquistarono un pianoforte per le lezioni di musica del primogenito Israel. Ma ben presto il dodicenne Jacob si impossessò dello strumento, che suonava ad orecchio, dando prova di grande talento. Prese lezioni per un paio d’anni da vari insegnanti, fino a quando non gli venne presentato Charles Hambitzer, che divenne il suo mentore. Hambitzer gli insegnò la tecnica convenzionale, gli fece conoscere i maestri europei e lo incoraggiò ad andare ai concerti delle orchestre. Dopo tali concerti, il giovane Gershowitz cercava di riprodurre alla tastiera la musica che aveva ascoltato. Successivamente studiò con il compositore classico Rubin Goldmark.

Cambiò nome in George Gershwin quando cominciò a lavorare come pianista e compositore. A quei tempi era una pratica diffusa nel mondo dello spettacolo: molti immigrati adottavano uno pseudonimo che suonasse più "americano", per semplicità di pronuncia (a volte, anche per nascondere le proprie origini). Anche il fratello maggiore Israel, attivo come paroliere, cambiò nome in Ira Gershwin.

Nel 1920 il direttore d’orchestra Paul Whiteman gli chiese di comporre un brano strumentale per la sua band. Fu così che nacque Rapsody in blue. Il pezzo fu eseguito per la prima volta il 12 febbraio 1924, nel concerto di Whiteman e la sua jazz band alla Aeolian Hall di New York: fu un enorme successo.

Tra il 1925 e il 1928 scrisse successivamente il Concerto in Fa per piano e orchestra, i Preludi per Piano e An American in Paris. Nonostante la scarsa esperienza del compositore con generi così legati alla cultura musicale europea, i pezzi furono applauditi da subito con straordinario entusiasmo.

Nel 1928 i fratelli Gershwin fecero un viaggio a Parigi. L’esperienza li pose in contatto con gli ambienti dell’avanguardia musicale (anche se non spinta fino all’eccesso della dodecafonia e dell’atonalità) e ispirò George, che vi compose, appunto, Un americano a Parigi.

Nel 1933 George e Ira iniziarono a lavorare a un grande progetto: portare in scena l’operetta Porgy and Bess. L’opera, ambientata nella Carolina del sud, narra la storia di Porgy, un mendicante che, avendo perso l’uso delle gambe viene trainato con una carrozzina da una capra, si è innamorato di Bess, la ragazza di uno scaricatore di porto. Per la partitura, i due fratelli composero arie diventate poi celeberrime, come Summertime (cantata nel video in testa da Ella Fitzgerald e Louis Armostrong), I Got Plenty of Nothin’, I Love You Porgy e It Ain’t Necessarily So.

Il principale motivo per cui le composizioni di Gershwin sono ancora apprezzate è la loro promiscuità: esse combinano elementi che dimostrano grandi conoscenze delle tecniche classiche, come la fuga e svarati cambi di tonalità, con le sonorità tipiche della musica popolare e, in particolare, del jazz.

In poco più di vent’anni, George Gershwin compose oltre 700 canzoni. Quasi tutti suoi brani sono stati ripresi da grandi artisti come Ella Fitzgerald, Billie Holiday, Louis Armstrong, Judy Garland, Frank Sinatra, Janis Joplin e Sting.

Annunci

Written by matemauro

26-09-2008 a 15:11

Pubblicato su gershwin, jazz, musica

11 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Era Gershwin che mia nonna attaccava quando facevo i compiti in cucina, mentre aspettavo che mamma tornasse da scuola…

    Non pensavo che mi sarebbe bastato leggere questo tuo post per ricordarmi di quei pomeriggi… 🙂

    Un abbraccio

    czedyo

    26-09-2008 at 16:28

  2. Imprescindibile. Hai mai ascoltato Lullaby?

    Simonedejenet

    26-09-2008 at 17:39

  3. Un autore che mi piace assai… ascolto spesso la sua musica….

    buon fine settimana!

    mircomirco

    26-09-2008 at 17:46

  4. Grandissimo artista Gershwin. Basti vedere la quantità e qualità delle sue opere e quanti colleghi di tempi più recenti lo hanno ripreso per la loro musica.

    hettori

    26-09-2008 at 18:59

  5. romanticaperla

    26-09-2008 at 19:32

  6. E come si fa a non amare Gershwin! Delizioso. Amabile.

    miettapuntox

    26-09-2008 at 20:23

  7. Papà era appassionato di George.
    Mi ha contaggiato.
    Grande Mauro, come sempre.

    aironedistelle

    26-09-2008 at 21:14

  8. eh va be’ ci ho messo una GGGGGG di troppo!!!!
    ;°D

    aironedistelle

    26-09-2008 at 23:13

  9. Indimenticabile la sua musica inserita in Manhattan di Woody Allen, incontro tra grande musica e grande cinema nella poesia di New York

    corradovecchi

    27-09-2008 at 14:35

  10. In quegli anni c’era anche Puccini!
    Non dico che erano coetanei.

    cugpref

    01-10-2008 at 19:22

  11. Gershwin è un grande!

    La sua musica resisterà al tempo perchè è di una Poesia e bellezza infinita.

    Una su tutte:
    SUMMERTIME, probabilmente una delle più conosciute, scritta per “Porgy and Bess” del 1935, opera musicale ispirata dal racconto “Porgy” di DuBose Heyward.
    La canzone ha avuto tantissime interpretazioni, trasversali ai generi, acquisendo una popolarità tale da essere incisa in oltre 10.000 versioni, raccolte e archiviate dal gruppo chiamato “The Summertime Connection”. Tra le innumerevoli versioni mi piace ricordare quella di Sidney Bechet registrata in quintetto per la Blue Note, quella dello splendido duetto tra Ella Fitzgerald (appunto…) e Louis Armstrong incisa su Verve nel 1957, quella magicamente interpretata al pianoforte da Duke Ellington nell’album “Piano in the Foreground” (Columbia 1963), la versione rabbiosamente blues di Janis Joplin incisa su “Cheap Thrills” del 1967 e la superba, lunghissima, interpretata da John Coltrane nell’album “My Favorite Things” (Atlantic, 1961).

    Grazie per questo post,
    anche tu sei molto bravo.

    jazzfromitaly

    10-10-2008 at 19:38


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: