matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Olimpiadi: sport e non solo…

with 10 comments

free_tibet

Non sono certo queste le prime Olimpiadi in cui si intrecciano problemi che poco hanno a che spartire con lo sport. Vediamo una rapida carrellata del passato, relativa soltanto ai giochi  moderni (e vi raccomando la chicca finale ):

1900 Parigi: le Olimpiadi si svolgono contemporaneamente all’Esposizione universale, con il risultato che si trasformano in una delle tante attività collaterali dell’Esposizione e in alcuni casi vengono addirittura cancellate. Le gare di corsa si svolgono in un ippodromo, quelle di nuoto e di canottaggio nella Senna e quelle di equitazione in una via del centro di Parigi. Gli organizzatori fanno addirittura svolgere la gara di lancio del disco in un parco pieno di alberi.

1904 St. Louis: durante i giochi vengono organizzate anche le cosiddette Giornate antropologiche, cioè delle competizioni in cui gareggiano persone di razze considerate inferiori ai bianchi: pigmei, amerindi, inuit, mongoli, ecc. Peraltro, quasi tutti gli uomini che partecipano a quelle "gare" sono stati pagati dagli organizzatori. Inoltre vengono organizzate gare per fenomeni da baraccone e per anziani, o almeno considerati tali a quell’epoca, e cioè "over 33". I giochi durano complessivamente oltre cinque (!) mesi.

1916 Berlino: le Olimpiadi non vengono effettuate a causa della I guerra mondiale.

1920 Anversa: la Germania non viene invitata a causa della guerra appena persa.

1924 Parigi: la Germania, invitata, stavolta non si presenta per protesta contro l’occupazione francese della regione della Ruhr.

1936 Berlino: le Olimpiadi sono per il regime nazista un’enorme occasione pubblicitaria; per fortuna il nero Jessie Owens (vincitore di 100, 200, lungo e staffetta 4×100) causa un grosso mal di pancia al Führer e agli altri gerarchi .

1940 Tokyo e 1944 (non assegnata): le Olimpiadi non vengono effettuate a causa della II guerra mondiale.

1956 Melbourne: Svizzera, Olanda e Spagna boicottano i Giochi per protesta contro l’invasione sovietica dell’Ungheria.

1968 Città del Messico: due mesi prima dei Giochi gli eserciti di Unione sovietica, Polonia, Repubblica democratica tedesca, Ungheria e Bulgaria invadono la Cecoslovacchia (gli atleti cecoslovacchi protesteranno tacitamente durante i giochi); pochi giorni prima dell’apertura ufficiale, nella piazza delle Tre culture perdono la vita centinaia di persone, principalmente studenti, per mano dell’esercito e della polizia che sparano all’impazzata su una manifestazione pacifica organizzata per protestare contro le miserrime condizioni di vita della popolazione.

1972 Monaco di Baviera: durante lo svolgimento dei giochi, un commando di terroristi palestinesi aderenti all’organizzazione Settembre nero irrompe nel villaggio olimpico, uccidendo due componenti della squadra olimpica israeliana, e rapendone altri nove; durante la loro fuga rimangono uccisi i restanti nove ostaggi e gli stessi terroristi (tranne tre superstiti) a causa dell’intervento maldestro delle forze di polizia tedesche all’aeroporto di Monaco.

1976 Montreal: contrasti tra francofoni e anglofoni del Quebec; inoltre, tutti i paesi africani (tranne Senegal e Costa d’Avorio) boicottano i Giochi per protesta contro la partecipazione della Nuova Zelanda, la cui nazionale di rugby ha giocato diversi incontri in Sudafrica, paese all’epoca escluso dalle Olimpiadi per la pratica dell’apartheid.

1980 Mosca: USA, Canada, Repubblica federale tedesca, Norvegia, Kenia, Giappone, Cina e altri paesi (per un totale di 65) boicottano i Giochi per protesta contro l’invasione sovietica dell’Afghanistan avvenuta nel 1979; Italia, Gran Bretagna e altri paesi occidentali adottano un boicottaggio parziale: si limitano a non inviare gli atleti dei gruppi sportivi delle forze armate, e sfilano sotto la bandiera dei rispettivi comitati olimpici nazionali .

1984 Los Angeles: tutti i paesi del blocco sovietico decidono di non partecipare ai Giochi come reazione al boicottaggio occidentale all’Olimpiade precedente. La ragione ufficiale addotta è quella di scarse misure di sicurezza per contrastare le previste manifestazioni anticomuniste.

1996 Atlanta: l’edizione si dovrebbe svolgere ad Atene, per celebrare il centenario delle Olimpiadi moderne, ma i soldi della Coca Cola hanno la meglio sulla logica e sul sentimento.

2008 Pechino: è storia di oggi…

Diciamo pure che le frammistioni tra sport e politica non sono certo roba soltanto dei nostri giorni… Le iscrizioni venute alla luce a Pompei offrono testimonianze inequivocabili: il palazzinaro arricchito Aulo Vettio, grande mecenate del calcio (sì, gli antichi romani giocavano a calcio!), decise di scendere in campo anche nella politica e opportunisticamente si mise a cercare i voti con la propaganda elettorale murale presso i tifosi della squadra che sponsorizzava, dichiarando di "essere meritevole di voti per il lodevole e munifico piacere e per il godimento" che lui donava al popolo con la "sua squadra di palla" molto famosa. Per ottenere questo consenso, utilizzò nella sua  propaganda elettorale il nome, le insegne e i colori della squadra per farsi eleggere senatore. Come uomo politico non è rimasto di lui nulla: è passato alla storia soltanto per aver scalato il Senato utilizzando i piedi e non la testa (Facciata della Casa di Giulia Felice – documento al  Museo di Pompei CIL, IV, n. 1147).

Vi ricorda qualche palazzinaro dei giorni nostri ?

Annunci

Written by matemauro

09-08-2008 a 23:29

10 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Nooooo, nessuno! Nemmeno quello che vara la leggina a favore delle case ma non ai meno abbienti, nooooo, lui no!
    Per rispondere al tuo legittimo commento: nemmeno io sono per il boicottaggio, però – e forse perchè recentemente ci troviamo Roberto ed io davanti a ostacoli di ogni tipo per un certo progetto africa che non stanno nè in cielo nè in terra – mi disturba molt questo spreco di denaro intanto che migliaia di bimbi e non soffrono fame, sete e quant’altro.
    Un bacione a voi e buona domenica
    l & r

    ivalsecchi

    09-08-2008 at 22:41

  2. concordo sulla tua analisi delle Olimpiadi in cui lo sport, quello vero, rappresenta una percentuale miserevole.
    Ti ricordo che vengono assegnate ad un Paese piuttosto che all’altro da un Comitato Internazionale di Sapientoni, tutti le vogliono-vorrebbero per chiari problemi di marketing.
    Eufemisticamente diciamo che lo sport poco c’entra..
    Il parallelo con il nostro palazzinaro, e non solo, lo capisco meno per un motivo molto pratico: togliamo il palazzinaro e ci mettiamo l’ex uomo delle banche o un “africanoinpectoremancato”??
    Chre fare?
    -:)

    Mistralv

    09-08-2008 at 22:55

  3. Sarebbe stato bello parlare solo di sport purtroppo gli avvenimenti non ce lo permettono…La cerimonia una farsa!!!!!!
    Bacionotte Mauro..
    AnnA…

    infinitaunica

    09-08-2008 at 23:02

  4. Un ultimo passaggio su questo blog prima di partire: BUONE VACANZE! 😉

    emanuelecerullo

    10-08-2008 at 10:01

  5. Miao Mauro, ogi mi avano promeso il pessie bono se portavo la fortuna ale olimpiadi che vole dire: ò lì m. piadi! perche i cignesi ti avano spiato dala televisione che ci eri li davanti. Insoma ava vinto l’arotino e io maniavo dopio
    un a braccione
    Balena

    esserinoebalena

    10-08-2008 at 15:08

  6. Tutti “particolari” interessanti, peccato che sia legati ad avvenimenti spiacevelo e drammatici.

    Un saluto!!

    T3rminator

    10-08-2008 at 20:42

  7. Caro Mauro, approdo volentieri su quest’isola che trovo intelligente. Il tuo post riguardante le Olimpiadi mi esortano ad invitarti a visionare il mio intervento sul mio blog sulle controolimpiadi. Sarebbe bello se tu lo ritenessi opportuno, se ti trovassi in sintonia con l’iniziativa a fare da passa-parola. L’umanità disattenta ha bisogno che a volte gli sforzi si accomunino per dare sviluppo agli ideali, a certi bisogni che possono giustificare il nostro essere e non avere. Con rinnovata stima, I Care Taranto.

    giorossetti

    10-08-2008 at 20:58

  8. gli antichi greci usavano sospendere le guerre durante lo svolgimento delle olimpiadi: noi, nemmeno quello !!!

    p.s. che la politica d’oggi abbia ripreso i vizi e i vezzi di quella della decadenza anticoromana non è un segreto per nessuno … viviamo in una società decadente, anzi già decaduta !

    h2no3

    10-08-2008 at 22:06

  9. No dai, dimmi che le GIORNATE ANTROPOLOGICHE sono uno scherzo!…In quanto donna baffuta avrei potuto partecipare e devolvere l’incaZZo al Circo TOGNI…( E guardo il mondo da un oblò mi annoio un pò…)
    Per i palazzinari, non ho idea… Mi rado da 24 ore ininterrottamente e assomiglio a King Kong…mi sa che comunque si è capito…GILLETTE e sai cosa bevi…:-)))))
    Cola Cocca

    xdanisx

    10-08-2008 at 23:56

  10. Hai fatto bene a ricordare i problemi he ci sono stati durante le diverse Olimpiadi. Molti li hanno rimossi.
    Ricordare sempre.
    Baci

    cugpref

    17-08-2008 at 10:02


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: