matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Catena poetica

with 12 comments

La cara amica Giuba47 mi ha invitato a una catena (anche se ora si cerca di nobilitarle chiamandole meme… ) che non rifiuterò (pur essendo refrattario alle catene tradizionali), prima di tutto perché ha il dono dell’originalità, e poi perché vellica il peduncolo del mio amor proprio…

Dunque, prima di tutto, come in ogni gioco che si rispetti, le regole:

1. Citare almeno cinque nomi di poeti di ogni tempo e luogo di cui si è “innamorati”.
2. Citare alcuni versi significativi di almeno uno dei suddetti poeti.
3. In aggiunta o in alternativa al punto 2, (se è vero che siamo un popolo di poeti, navigatori, santi, ecc.) citare, con tutta la spudoratezza di cui si è capaci, almeno un PROPRIO componimento poetico o anche soltanto alcuni versi di esso.
4. Per i veri patiti dell’arte poetica, sarebbe gradito un componimento anche brevissimo, creato e pubblicato appositamente in prima esclusiva per questo gioco blogghereccio.
5. Si possono interpretare in piena libertà i suggerimenti di cui sopra, tuttavia si richiede un minimo di "serietà" in rispetto della nobile arte nella quale vi chiedo di cimentarvi a qualsiasi livello, ma con ONORE.
6. Infine… invitare alla partecipazione altri bloggers (3, 6, 9…) e raccomandare il rispetto di queste semplici regole ai malcapitati.

E allora, i poeti di cui sono "innamorato"; non sentendomela di postare soltanto alcuni versi, ho preferito scegliere composizioni brevi, ma significative:

William Shakespeare
Sonetto 116

Non fatemi porre ostacoli all’unione di anime fedeli:
amore non è amore se muta quando scopre mutamenti,
o se è pronto a dare sol quando l’altro s’allontana.
Oh, no! È faro fisso che osserva le tempeste e mai ne è scosso;
è la stella polare d’ogni vascello errante, il cui valore è ignoto,
sebbene se ne possa misurar l’altezza.
Amore non è lo zimbello del tempo,
pur quando labbra e guance rosse
passan sotto l’arco della sua falce ricurva.
Amor non muta con brevi ore e settimane
ma dura fino all’eterno giorno del giudizio.
Se ciò che scrivo mi sarà provato erroneo,
io non ho mai scritto,
e nessun uomo ha mai amato.

Jacques Prévert
I ragazzi che si amano

I ragazzi che si amano si baciano in piedi
Contro le porte della notte
E i passanti che passano li segnano a dito
Ma i ragazzi che si amano
Non ci sono per nessuno
Ed è la loro ombra soltanto
Che trema nella notte
Stimolando la rabbia dei passanti
La loro rabbia il loro disprezzo le risa la loro invidia
I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno
Essi sono altrove molto più lontano della notte
Molto più in alto del giorno
Nell’abbagliante splendore del loro primo amore

Pedro Salinas y Serrano
Sogno e realtà

Non respingere i sogni perché sono sogni.
Tutti i sogni possono
essere realtà, se il sogno non finisce.
La realtà è un sogno. Se sogniamo
che la pietra è pietra, questo è la pietra.
Ciò che scorre nei fiumi non è acqua,
è un sognare, l’acqua, cristallina.
La realtà traveste
il sogno, e dice:
"Io sono il sole, i cieli, l’amore".
Ma mai si dilegua, mai passa,
se fingiamo di credere che è più che un sogno.
E viviamo sognandola. Sognare
è il mezzo che l’anima ha
perché non le fugga mai

ciò che fuggirebbe se smettessimo
di sognare che è realtà ciò che non esiste.
Muore solo
un amore che ha smesso di essere sognato
fatto materia e che si cerca sulla terra.

Pablo Neruda
XVII sonetto (da Cento sonetti d’amore)

Non t’amo come se fossi rosa di sale, topazio
o freccia di garofani che propagano il fuoco:
t’amo come si amano certe cose oscure,
segretamente, tra l’ombra e l’anima.
T’amo come la pianta che non fiorisce e reca
dentro di sé, nascosta, la luce di quei fiori;
grazie al tuo amore vive oscuro nel mio corpo
il concentrato aroma che ascese dalla terra.
T’amo senza sapere come, né quando, né da dove,
t’amo direttamente senza problemi né orgoglio:
così ti amo perché non so amare altrimenti
che così, in questo modo in cui non sono e non sei,
così vicino che la tua mano sul mio petto è mia,
così vicino che si chiudono i tuoi occhi col mio sonno.

Nazim Hikmet

Il più bello dei mari
è quello che non navigammo.
Il più bello dei nostri figli
non è ancora cresciuto.
I più belli dei nostri giorni
non li abbiamo ancora vissuti.
E quello
che vorrei dirti di più bello
non te l’ho ancora detto.

Jaroslav Vrchlický
Dolce far niente

Un vecchio salice sopra di noi
come un amico si inchina;
intorno silenzio, ma nel petto
il mio cuore divampa selvaggio.

Conosci questa possente fiamma?
Siediti qui, al mio fianco
e osserva il sole, che lento
si avvicina al mezzodì.

Mentre il blu del cielo si allarga,
nel sole si specchiano le rocce:
perché scintillano i tuoi occhi
e le labbra sorridono?

[le traduzioni di Shakespeare e di Vrchlický sono mie, il resto preso dalla rete…]

E qui aggiungo i miei; non sono originali/espressi, li ho postati un bel po’ di tempo fa sul mio blog…

Gocce

Gocce sul tuo seno:
perlacee stille sulla pelle
vellutata
alambrescamente ricamano.
Un lungo fremito sul tuo corpo
che s’inarca, la tua femminilità
ad anelanti labbra donando.
Labbra turgide, carnose,
che la tua lingua carezza
pregustando
l’erotica fantasiosa lotta.
Torrenti bramosi di piacere
come rivoli di lava
guizzano fra noi.
I corpi madidi, le bocche asciutte.
Tu, io – noi: il nulla, oltre.

E, infine, chi chiamare a partecipare alla catena, anzi, al meme? Ma naturalmente amici che so benissimo che in una catena del genere sguazzeranno a loro piacimento!

Aironedistelle
Alice64
Ceglieterrestre
Elilaw
Leteresa
Tamango

Annunci

Written by matemauro

19-06-2008 a 00:29

Pubblicato su catena, poesia

12 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. …Maurè…e aridaje cò ‘stè catene!!!
    :-)))

    In questo momento non ho tempo per dedicarmi com’è giusto a questa tua staffetta poetica…
    lo sai…i poeti aspettano l’ispirazione…
    Posterò dopo il 22…se ancora sarò viva… ;-)))

    Questo Mauro birichino,
    sempre ci stimola la mente
    Credevo che un bicchiere di vino
    riuscisse a confonderla solamente..
    ;-)))))

    alice64

    19-06-2008 at 07:57

  2. Belle le poesie che hai scelto e molto sensuale quella che hai composto…contenta che tu abbia partecipato, grazie. Giulia

    giuba47

    19-06-2008 at 09:09

  3. Catena/meme raffinata. Come raffinate sono state le tue scelte!

    czedyo

    19-06-2008 at 09:16

  4. bravo mauro 🙂

    soleado

    19-06-2008 at 11:13

  5. tutto bello
    template e poesie
    ciao

    elenamaria

    19-06-2008 at 13:38

  6. grazie Mauro, ma io sono scarsa come poetessa….posso provarci, ma non garantisco il risultato….un abbraccio

    lateresa

    19-06-2008 at 15:16

  7. Figurati se mi lascio sfuggire questa bella occasione per rispolverare le emozioni che solo la poesia sa regalare.. dammi qualche giorno, appena trovo un po’ di tempo, mi incateno a dovere!

    Maurè, Prévert, Neruda, Hikmet.. meravigliosi.. non mi biasimerai se qualcuno sarà ripetuto nelle mie preferenze poetiche!

    Bacioni, a prestissimo..confermato per sabato eh!
    Eli

    elilaw

    19-06-2008 at 15:23

  8. La mia preferita senz’altro quella di Neruda!!! 😉

    Targhina

    19-06-2008 at 15:36

  9. Quando, mio diletto amico, avrò il piacere di mettere le mani sul tuo collo? Ho tanta voglia di …no, che hai capito? Non è per accarezzarti o per avvicinarti a me e baciarti,no!! È che voglio proprio strozzarti!
    Per questa volta sei perdonato perchè si tratta di poeti e poesie ma…la catena con me poi lo sai che s’interrompe,che ci posso fare se non amo le catene?

    tamango

    19-06-2008 at 16:01

  10. Perchè mai non funzionano + i messaggi privati???
    Sei o no il mio consulente/tecnico di fiducia??:-)
    A presto…
    e scappooooo..tu sai perchè! 😉

    alice64

    20-06-2008 at 09:36

  11. Mauro, vedo solo adesso. Ti avevo mandato un paio di mail, ma adesso mi hai spiazzato. Quanto tempo ho? Mi piace da matti questa catena….
    Abbi fede, arriiiiiiiiiiiiiiivoooooooooooo!
    Baci
    laura
    p.s. posso farmi aiutare da roberto? ;°)

    aironedistelle

    23-06-2008 at 21:06

  12. FATTO!

    aironedistelle

    24-06-2008 at 15:07


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: