matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Le interviste possibili – Alice64

with 17 comments

Blogger: alice64

Per la serie delle interviste possibili, siamo oggi in visita presso la nostra amica Alice64.

Domanda Cara amica, con te non comincio con la solita domanda "da dove viene il tuo nick?", dato che credo sia pienamente comprensibile; però ti chiedo: ti sei per caso rifatta ai romanzi di Lewis Carrol? E se sì, qual è il motivo?

Risposta Ho scelto il nick Alice esattamente perché pensavo ad Alice nel paese delle meraviglie. Il mio modo di essere si avvicina molto al personaggio della fiaba di Lewis Carrol: io, come Alice, ho sempre cercato di cambiare con l’aiuto della fantasia la realtà. Era un modo per proteggermi, dato che sono sempre stata troppo sensibile, fin da bambina; sono convinta che non sia un difetto, se con la  sensibilità riesci a creare momenti unici!

D. E, giusto a questo proposito, qualcuno, non molto tempo fa, commentandoti ha scritto: "Sei sensibile, Ale, molto sensibile e questo è un pregio e un danno." Sei d’accordo con questa affermazione? E se sì, in che senso?

R. Sono d’accordo, perché questa affermazione l’ho provata più volte sulla pelle. È un pregio perché la sensibilità è il vivere la vita dal profondo. È percepire l’essenza delle cose, è trovare la strada che ti conduce al cuore della terra. D’altro canto, può danneggiare, per il semplice motivo che la vita non offre solo gioie, e le persone che incontri sul tuo cammino non sempre guardano il mondo con i tuoi stessi occhi. Ma io non mi arrendo… cambiando!

D. Qui, se vuoi, puoi finalmente svelare il mistero che si cela dietro la tua "somiglianza" con Angelica, di cui scrivi in un tuo post recente, dato che mi pare nessuno abbia indovinato…

R. Volevo farlo nei commenti, ma svelerò qui, approfittando del tuo spazio, quel qualcosa che mi avvicina ad Angelica, e che in verità è più di un "qualcosa". Non so se nel descriverlo riuscirò a trasmettere ciò che sento: osservare qualcuno, in particolare mani maschili, accarezzare o semplicemente toccare un oggetto che mi appartiene mi provoca brividi e sensazioni che mi coinvolgono a livello emozionale e sensuale. E, inoltre, così come Angelica, ho amato e combattuto per qualcuno che io amavo per ciò che era, ma che intorno a me era giudicato per il suo aspetto. Con la mia scelta ho confermato quello che credevo, e ho dovuto combattere per questo, da sola contro tutti, anche contro chi avrebbe dovuto appoggiare la mia scelta.

D. Ho letto sul tuo blog che oltre un anno fa hai postato il brano Lentamente muore… spacciandolo anche tu per opera del grande poeta cileno Pablo Neruda. Non ti vergogni, almeno un po’, di aver fatto lo stesso "errore" di Mastella?

R. Lentamente muore… è  opera dello scrittore Pablo Neruda. Essere associata a Mastella mi fa provare vergogna, si!

D. Hemm.. non è di Neruda, è un "falso", ben congegnato, ma è un falso! Se vuoi avere il riferimento preciso, è di Martha Madeiros, giornalista e scrittrice brasiliana, anche se, facendo una ricerca in rete, si trovano più riferimenti a Neruda…

R. Non lo sapevo, davvero… Beh, vuol dire che almeno a Ceppaloni avranno gradito il mio post!

D. Sì immagino! Ma ora, se permetti, una domanda un po’ personale: dovendo scegliere tra l’alternativa secca "amore senza sesso" e "sesso senza amore" cosa sceglieresti e perché?

R. Non capisco perchè dovremmo sempre scegliere l’uno o l’altro… Comunque scelgo l’amore con il sesso e lascio l’odio e la castità come alternativa agli altri gironi dell’inferno di Dante.

D. Qual è la città italiana che ti piace di più, e perché?

R. La città che mi piace di più è Roma, sicuramente… Perchè ogni volta che la visito ha qualcosa di misterioso e palese, ha il fascino di un’antica città insieme alla seduzione della modernità. Roma è la città dove ognuno vorrebbe passeggiare una volta nella vita, ma vorrei poter ritornare sempre al mio paesello…

D. …che è, se posso chiedere?

R. Un paese medioevale: tanto verde e aria pulita, sono troppo legata alla natura per poter pensare di vivere in una città…

D. E invece, la città estera che ti piace di più?

R. Ho lasciato l’Italia solo per un giorno: una breve passeggiata nelle vie di Innsbruck e poi di nuovo tra le magnifiche montagne del Trentino! Mi piacerebbe visitare il Canada, è sempre stato un mio sogno…

D. Qui vedo una rassomiglianza con Tamango… evidentemente voi poetesse avete gli stessi gusti… Qual è il tuo sogno nel cassetto?

R. Il mio sogno nel cassetto è quello di scrivere un libro, e infatti nel mio cassetto molti fogli e sogni sono riposti. Chissà…

D. Qual’è la cosa che hai fatto, ma che vorresti non aver mai fatto?

R. Sono un tipo che pensa molto prima di fare qualcosa di importante, anche se per il resto sono molto spontanea. Le scelte che ho fatto erano tutte ben ponderate, anche se talvolta, dopo averle fatte, mi sono accorta di aver sbagliato; credo che nella vita si possano commettere errori; sarei pentita se avessi fatto qualcosa che avrebbe nuociuto ad altri.

D. E quella invece che non hai mai fatto, ma che vorresti tanto aver fatto?

R. Mia nonna mi ripete spesso: "Non ti posso lasciar nulla di materiale ma ti lascio questo consiglio: vuoi bene ad Alessandra." Avrei voluto pensare di più a me stessa, ma in fondo amare gli altri è già amare me stessa, perchè Alessandra non potrebbe essere diversa!

D. E anche per te, infine, la chiusura finale marzulliana: fatti una domanda e datti una risposta…

R. Qual’è la parola che più ami? Condividere, perché in quella parola c’è già tutto!!!

Per chiudere, ringraziando di cuore Alice e facendole gli auguri per il suo sogno nel cassetto, avverto tutti coloro che hanno minacciato di rendermi pan per focaccia, che sono ovviamente disponibile a passare sotto le loro forche caudine, ma non posso certo rilasciare venti interviste… Dunque, se siete d’accordo, faremo così: chi vuole partecipare mi farà una domanda e io risponderò a tutte in un unico post; siete d’accordo?

Annunci

Written by matemauro

11-05-2008 a 12:33

Pubblicato su interviste possibili

17 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Sono d’accordo!
    Alice mi conferma ciò che pensavo di lei e che leggo nei suoi post,donna profonda e sensibile!
    Un bacione a lei e…chissà se un giorno ,magari in Canada, ci stringeremo in un abbraccio?
    Ad Alice,con simpatia

    tamango

    11-05-2008 at 12:11

  2. Un abbraccio per Tamango…l’intervista di Mauro ci ha già avvicinate…chissà se ci farà anche incontrare! :-)))
    Baci a Mauro/Marzullo

    alice64

    11-05-2008 at 23:05

  3. Mauro ho notato che intervisti persone che alla fine si scoprono pazze di Roma.
    E solo un caso?;-)
    Scherzo, sono tutte persone che hanno qualcosa di autentico da dire, senza ipocrisia o finzione.

    Non conoscevo il blog di Alice e sono passata di lì un attimo: mi sembra una bella persona, con una carica emotiva notevole:
    è vero il mondo può far male alle persone di gran sensibilità, ma è un pregio esserlo anche se si soffre più degli altri.
    Alice passerò ancora a leggerti, intanto ti auguro di realizzare il tuo sogno, nel cassetto si riempie solo di polvere.

    Mauro,
    ho notato la tua delicatezza nel porre le domande, anche tu sei una persona dall’animo delicato e sensibile, attento a non ferire gli altri.
    Sono contenta che con le tue interviste, idea originale e degna di applausi, posso conoscere meglio
    il giro dei blogger.

    Buona settimana che già ci siamo.

    fiorirosa

    12-05-2008 at 00:43

  4. A fiorirosa,ricorda sempre che se fai un nome devi fare anche quello degli altri per non farli sentire sminuiti.Roma? Piace molto anche a me,lì ho conosciuto l’uomo più importante della mia vita, ma non mi sognerei mai di farmi intervistare per dire che mi piace ne che lo farei per ingraziarmi Mauro,di lui mi piace la serietà con cui posta anche per cose banali come i personaggi dello spettacolo…Ci sono blogger che sono molto più spettacolari di certi divi d’oltreoceano a dire il vero!
    Buonagiornata Mauro per questa genialata delle interviste!

    stellasulreno

    12-05-2008 at 07:16


  5. Sei un uomo da amare….

    gardeniador

    12-05-2008 at 08:13

  6. I “boccioli di maggio” stanno per aprirsi…

    gardeniador

    12-05-2008 at 08:13

  7. Mauro, sei un intervistatore acuto ed elegante. E sai scegliere le tue “vittime”. Complimenti

    cestodiciliegie

    12-05-2008 at 09:00

  8. BEH? E’ chiaro che Roma sta nel cuore di tutti, perchè da secoli Roma +è la città di tutti! Potrebbe mai essere altrimenti?!!
    Tuttavia esorto Alice a viaggiare di più, a togliersi il cruccio del Canada, è un peccato non godere appieno dei paesaggi del ns pianeta (almeno di quelli in cui non è in corso una guerra!), soprattutto quando si è dei creativi! Ciao!

    Targhina

    12-05-2008 at 10:06

  9. sai articolare bene le tue domande, davvero bravo, complimenti..poi leggo che sei matematico.. mm.. meraviglioso, la matematica la amo troppo.. e ancora, hai citato le forche caudine, sono campana e mi sento onorata della citazione:)

    DonnaViva

    12-05-2008 at 10:35

  10. Che mondi fantastici mi stai e mi state facendo conoscere! 🙂 Grazie a tutti

    czedyo

    12-05-2008 at 11:07

  11. Non mi ripeto sull’idea fantastica di Mauro..ormai è inutile.^_^ grande Maure.
    Mi trovo d’accordo con Alice, essere sensibili molte volte è un pregio e un danno. Molte volte mi carico di un fardello pesante, mi prendo tutto gioie e dolori; A volte è opportuno far scivolare su di noi certe situazioni…

    Redsunset

    12-05-2008 at 11:22

  12. O.T.
    Il tango fa dei veri e propri miracoli…
    Buongiorno, amico!
    nell’immagine la chiesa sconsacrata adibita a milonga. (foto tumbergia)

    tumbergia

    12-05-2008 at 13:04

  13. Ottimo, Mauro… bella intervista…

    PS Con tutto il rispetto per la Capitale, ma credo che la città più bella sia Napoli.

    emanuelecerullo

    12-05-2008 at 14:23

  14. non volevo sminuire nessuno citando il blog di Alice.

    Il fatto è che molti blogger li conosco di persona, mentre di Alice non avevo mai letto nulla.

    Tutto qui.
    Mi scuso se non mi sono fatta capire.

    Mauro,
    volevo solo prenderti affettuosamente in giro.

    Emanuele,
    difendi le bellezze di Napoli ma con me a riguardo sfondi una porta aperta. Lì ho frequentato l’università, mi sta particolarmente a cuore e spesso ci ritorno.

    Le città italiane sono tutte magnifiche: con le proprie diversità ciascuna è unica.

    fiorirosa

    12-05-2008 at 14:34

  15. maurino ma sei un genio con l’idea delle interviste…cavolo quando non rifletti elabori…una macina di idee….che invidia aggiungerei (ma anche un dovuto abbraccio forte forte)

    martinitry

    12-05-2008 at 16:29

  16. che belle le tue interviste! merito tuo ma non solo 😉

    sonoetta

    12-05-2008 at 16:52

  17. Grazie Mauro che ci fai conoscere altri blogger e sei davvero bravo a fare le interviste.
    Un caro saluto Lucia

    lucy1957

    13-05-2008 at 08:14


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: