matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Equinozio di primavera (Pasqua)

with 32 comments

Scienza

In astronomia, un equinozio è definito come il momento in cui il Sole raggiunge una delle due intersezioni tra l’eclittica e l’equatore celeste.

La parola equinozio deriva dal latino e significa notte uguale. Gli equinozi di marzo e settembre sono i due giorni di ogni anno in cui il dì e la notte hanno la stessa durata. Nell’emisfero settentrionale, l’equinozio di marzo (che cade il 20 o 21 Marzo) è l’equinozio di primavera, e l’equinozio di settembre (che cade il 22 o 23 settembre) è l’equinozio d’autunno; nell’emisfero meridionale, questi nomi sono invertiti. Quest’anno l’equinozio di primavera cadrà il 20 Marzo alle ore GMT 06:48.

Storia

Il freddo e il buio prolungato delle giornate invernali hanno sempre suggerito all’uomo l’idea della morte. L’inclinazione del sole nel cielo e la sospensione della vita vegetale sono state immaginate dalle diverse popolazioni come fenomeni presaghi di morte. L’ansia che ne derivava si traduceva in forme rituali che avevano la funzione di esorcizzare l’evento funesto e di favorire o addirittura provocare la rinascita. Dunque il periodo attorno all’equinozio di primavera è sempre stato uno dei più ricchi di feste, cerimonie, credenze e miti. Tutte le società (in diverso grado agricole) celebravano la primavera come una rinascita, attraverso simbologie talmente radicate nelle più profonde paure e nei più riposti angoli dell’inconscio collettivo, che anche la società industriale, sia pure in forme più mediate, perpetua queste antiche forme di evocazione.

Si tratta di un periodo molto ampio dell’anno, che va dalla prima metà di febbraio, come per i cinesi, per i quali l’inizio della primavera coincide con il capodanno, ai primi giorni di maggio, come in Svezia, dove si inscenava una battaglia tra l’inverno, che gettava palle di neve e ghiaccio per auto-prolungarsi, e la primavera, coperta di fiori e foglie fresche.

I mesi di marzo e aprile erano caratterizzati da riti di uccisione della morte, come in Germania, Boemia, Polonia, Russia; di matrimoni simulati, come quello tra Śiva e Pārvatī in India; di cerimonie magiche con lo scopo di risvegliare le dormienti energie della natura, come tra gli aborigeni dell’Australia centrale.

Presso gli antichi Egizi, l’Uovo cosmico plasmato da Ptah, da lui deposto sulle rive del Nilo e qui covato dall’oca sacra, si apriva e ne usciva Ra, il Sole. Il fiume viveva in simbiosi col dio solare: “Cresce, io cresco; vive, io vivo”.

In maggio, al ritorno della bella stagione, i Celti festeggiavano Beltaine, festa dedicata a Bel (o Belenos), il dio della luce. I riti di questa festa si svolgevano alla luce di grandi falò. Anche i giovani saltavano sopra il fuoco per propiziarsi la fortuna nella ricerca della sposa o dello sposo; i viaggiatori saltavano il fuoco per assicurarsi un viaggio sicuro e le donne incinte per assicurarsi un parto facile.

In primavera si celebravano in Grecia i Piccoli Misteri Eleusini, presso Eleusi, una piccola città dell’Attica. Il nome significa arrivo, perché il mito racconta che qui arrivò Demetra cercando la figlia Persefone, rapita dal dio dei morti, Ade. La sparizione ed il ritorno (la rinascita)di Persefone venivano ricordati con le cerimonie che simulavano la morte mistica della natura, la sua rinascita, la fecondità e la generazione.

Presso gli Ebrei Pesach o Pesah è una festività che dura otto giorni e che ricorda l’Esodo e la liberazione del popolo israelita dall’Egitto (anche qui, dunque, una rinascita).

Nel 325 d.C. il Concilio Cattolico di Nicea stabilì che la solennità della Pasqua (simbolo della resurrezione – e dunque ancora rinascita – di Gesù) sarebbe stata celebrata "nella domenica seguente il primo plenilunio dopo l’equinozio di primavera"; come per tutte le feste cristiane venne istituita per sostituire e far dimenticare i secolari riti pagani.

Cose da fare tradizionalmente il giorno dell’equinozio di primavera

Svuotare i cassetti, eliminando tutto ciò che non serve e che fa ristagnare l’energia nella stanza.
Camminare nella natura per riconoscere i cambiamenti della Terra mentre si risveglia.
Stendere sulla tavola una tovaglia verde e candele color pastello.
Aprire le finestre all’aria di primavera.
Dipingere delle uova sode con i simboli del sole e della luna e poi mangiarle per
incorporare l’energia del simbolo (tradizione presente in Boemia e in genere nell’Europa centro-settentrionale).
Meditare sugli inizi, sull’aria, sull’alba.
Comprare un libro su una materia completamente nuova che ci affascina e leggerlo.
Fare qualcosa di nuovo, di mai fatto prima.
Aspettare l’alba davanti ad un piccolo falò con amici.

Poesie dedicate alla primavera

Primavera vicina
di Johann Wolfgang Goethe

Più morbida, più lieve
l’aiuola, ecco, s’inturgida;
candide come neve
ondeggian le campanule,
un vivo ardor di fuoco
va dispiegando il croco;
 il suol di sangue stilla,
lo smeraldo sfavilla.
Le primule si gonfiano
con borioso piglio;
mentre l’astuta mammola
s’asconde ad ogni ciglio;
un alito possente
scuote la vita intera.
È viva, è qui presente
ormai la primavera.

Prima di primavera
di Anna Achmatova

Prima di primavera ci sono dei giorni
che alita già sotto la neve il prato,
e sussurrano i rami disadorni
e c’è un vento tenero ed alato

Primavera
di Gianni Rodari

Conosco una città
dove la primavera arriva
e se ne va
senza trovare un albero
da rinverdire,
un ramo da far fiorire
di rosa o di lillà:
Per quelle strade murate
come prigioni
la poveretta s’aggira
con le migliori intenzioni:
appende un po’ di verde
ai fili dei tram,
ai lampioni,
sparge dei fiori
davanti ai portoni
(e dopo un momentino
se li riprende il netturbino).
Altro da fare
non le rimane,
per settimane e settimane,
che dirigere il traffico
delle rondini, in alto,
dove la gente
non le vede e non le sente.
Di verde in quella città
(e dirvi il suo nome non posso)
ci sono soltanto i semafori
quando non segnano rosso.

Advertisements

Written by matemauro

19-03-2008 a 14:52

Pubblicato su astronomia, pasqua, scienza, storia, vita

32 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Bella la poesia di Rodari e belle le canzoni.

    MIRABILIA200

    19-03-2008 at 15:02

  2. Rodari…semplice…ma…vero..

    grazie..del..post.

    auguri..Mauro…

    jolyjoly54

    19-03-2008 at 18:37

  3. E la peppa! (oggi fa l’onomastico! Auguri Peppa ;-)! ).Presa conoscenza e considerando il tutto ,io qualche giorno fa mi sarei persa il plenilunio,ma si può? Perdonatemi se potete e perdonatemi se non pulirò i cassetti e stravolgerò l’ordine delle cose,se ciò che desidererei fare non lo faccio perchè mi manca la materia prima che è dislocata altrove,che non aspetterò l’alba davanti ad un falò con amici ma davanti ad un pc,ma ho la certezza matematica che colorerò delle uova e non solo….le farò ballare.Bacioni grossi per te Mauro!

    e dulcis in fundo…le farò innamorare

    tamango

    19-03-2008 at 20:14

  4. Mi piacerebbe poter fare almeno una delle “cose da fare tradizionalmente il giorno dell’equinozio di primavera”. Forse riuscirò ad aprire le finestre. Sempre che non piova. Anzi, le aprirò lo stesso. Ciao Mauro, Buona Festa del Papà, anche se sono in ritardo.

    elenamaria

    19-03-2008 at 22:04

  5. Grazie Mauro,
    volevo metterti anche qualcosina, per esprimerlo meglio, ma non mi riesce più…. si vede che la primavera mi stordisce!
    Un abbraccio
    laurè

    aironedistelle

    20-03-2008 at 00:13

  6. anche io, come elenamaria, aprirò le finestre all’ aria nuova.
    oddio, le avrei aperte comunque, credo.

    gattarandagia

    20-03-2008 at 02:21

  7. Io non ho niente contro la primavera
    dovrò andare in farmacia a comperarmi degli energetici…!

    ciao!

    mircomirco

    20-03-2008 at 08:08

  8. elenamaria

    20-03-2008 at 11:49

  9. Da tempo dovrei svuotare ic assetti per fare ordine, ma buttare qualcosa, aime..non ci riesco, penso sempre che potrebbe servire un giorno(!!!):-)

    Buona pasqua serena Mauro a te e alla tua famiglia.

    Vanda

    semiprendi

    20-03-2008 at 17:38

  10. Primavera….così dolce, così amara a volte…. T.S. Eliot diceva: “aprile è il mese più cridele” forse perchè tanta esplosione di vita rende ancor più triste chi la vita non riesce ad accettarla! Beh, non è il mio caso! Ciao mauro buon inizio di primavera a te e donna Felice!

    Targhina

    20-03-2008 at 17:56

  11. Credo che sia stata la mia città a ispirare Rodari ma in questi giorni è illuminata da una luce bellissima e il cielo è azzurro e terso come succede raramente. Un bell’inizio di primavera. Altrettanto bello lo auguro a te.

    Un caro caro saluto

    masuria

    20-03-2008 at 19:34

  12. Buon equinozio a tutti. Adoro la primavera, anche se per me significa allergia, antistaminici e cortisonici. Grunt

    cestodiciliegie

    20-03-2008 at 20:09

  13. Ricambio gli AUGURI…aspettando il tepore della primavera (qui l’aria è ancora freddina).
    Mi spiace…ancora non riesco ad inserire immagini..nel commento.
    Uffaaaaa
    un sorriso e un abbraccio…Mauro
    ciaooo

    jolyjoly54

    20-03-2008 at 21:34

  14. BUONA PASQUA ANCHE A TE!!! E GRAZIE PER ESSERTI RICORDATO DI PASSARE DA ME.

    Venolia

    20-03-2008 at 22:42

  15. … per me la tovaglia di Ostara ha come colori il lilla, il celeste, il giallo! le cose da fare all’equinozio intendo farle domani, per davvero, ma ho già cominciato. a parte il falò. che violenti, in germania, polonia, boemia, russia. uccidere la morte, che barbarie. vuoi mettere Beltaine. 😀

    CristinaFlo

    20-03-2008 at 23:26

  16. Sei sempre un tesoro…Buona pasqua anche a te…
    Baci baci…

    Biancapazienza

    20-03-2008 at 23:26

  17. tanti tanti auguri che non finiscono piu’!!!

    chicca

    chiccama

    21-03-2008 at 00:45

  18. Bellissime le uova boeme, grazie! Vista l’ora non ho tempo di leggere questo post che mi sembra molto interessante, ma tornerò appena possibile. La poesia di Anna Achmatova è davvero bellissima! Tanti auguri anche a te per una Pasqua serena. Baci DonnaNuova.

    donnanuova

    21-03-2008 at 02:28

  19. Scusa, ma chiedo anche a te 30 secondi di attenzione per commemorare uno stupido massacro che si poteva (e si doveva) evitare…

    PV64

    21-03-2008 at 02:47

  20. Un saluto, tornerò domani per farti gli auguri di Pasqua.
    Un abbraccio Lucia

    lucy1957

    21-03-2008 at 09:17

  21. ricambio gli auguri caro mauretto!! grazie..un abbraccio a te e Mirko…

    Redsunset

    21-03-2008 at 09:34

  22. Gli auguri che ti faccio lo sai quali sono,o meglio li immagini spero, comunque tutto ciò che ti può dare felicità, soddisfazione, serenità,appagamento e allegria, sicurezza e fiducia, coraggio e fermezza,cambiamento e rinascita,insomma….tutto cio che desideri ! Auguri pure a Donnafelice che comunque farò in privato. Un abbraccio fortissimo!

    tamango

    21-03-2008 at 10:47

  23. Ma grazie! Ti auguro anch’io uno splendido inizio di Primavera! 😀

    Ubikindred

    21-03-2008 at 11:24

  24. Mauro, la primavera è una bella stagione, la vita inizia il suo risveglio.
    Anche noi ci scrolliamo il freddo ed il torpore invernale.
    Auguri.

    bulumba

    21-03-2008 at 11:38

  25. Grazie mille… un bacio mauro a presto!

    Fenice600

    21-03-2008 at 11:46

  26. ….e allora buon inizio 🙂
    Grazie per le belle immagini colorate che hai regalato sul mio blog.
    Un abbraccio e buona Pasqua anche a te

    PS: posto molto interessante. BRAVO!

    Kinnor

    21-03-2008 at 20:00

  27. sempre fonte inesauribile di informazioni qui!
    Buona Pasqua anche a te Mauro

    FIOREDAUTUNNO

    22-03-2008 at 02:13

  28. auguri mauro!!!!

    2tonidiblu57

    22-03-2008 at 20:44

  29. Ciao Mauro, grazie per i commenti, grazie per le belle uova boeme…. Auguri a te di cuore, cinzia
    P.S.: Interessanti i tuoi giochi matematici, prima o poi mi ci applicherò, magari dopo tutte queste mostre!

    salicenascente

    22-03-2008 at 21:13

  30. “Cose da fare tradizionalmente il giorno dell’equinozio di Primavera”. Di corsa anche stasera. E ho letto questa parte del tuo post. Mi piace, fa sentire l’idea della rinascita. Tanti auguri per delle feste serene! Un bacio e un abbraccio DonnaNuova.

    donnanuova

    22-03-2008 at 22:33

  31. Caspita quella di Rodari è veramente bella ! Ciao

    corradovecchi

    23-03-2008 at 18:17


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: