matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Poèsia (dedicata a Roma e a Anna Magnani)

with 27 comments

Per Anna Magnani

"E quanno er zole sur tramonto cala
senti' quer venticello de la sera
le stelle co' la luna fanno a gara
per risveja' er profumo de la tera."

Accussì cantava Nino lo stagnaro
annanno lemme lemme verso er Quadraro,
penzanno e ripenzanno alla notte bbella
passata tra le braccia de Nannarella.

Era l'amante sua, la regazza, er filarino,
quella che je dava er più ber fiore
che potesse cresce in ogni giardino
quer fiore che je carmava 'gni brusciore.

Je veniva da canta', a Nino, com'ogni vorta
che nun z'aritrovava la luna storta!
E 'nfatti era contento assai, voj pe' l'amore,
voj pe' 'r lavoro, voj pe' quer tepore

della serata de primmavera, che a Roma
nun è mai uguale all'artri posti: sarà pe' via
de li colli, che a 'sta città je fanno chioma;
fatto sta ch'addosso c'aveva 'n'euforia

che se sentiva forte come 'n toro,
'n'Ercole, 'n Maciste: come loro!
E poi, er penziero che l'estate doppo
se sarebbe sposato a Nannarella… era troppo!

C'aveveno ggià ccasa, a Monti
(mic'annaveno a abbità sotto a li ponti),
'n appartamento a via de li Serpenti,
vicino a 'ndo staveno li potenti!

Nino fischiettava er ritornello
de la canzone che je frullava ner cervello,
ma a 'n tratto ripenzò a 'na poesia
che je metteva 'n po' de malinconia;

parlava de 'n'antra Nannarella,
più famosa de la sua, ma no più bella;
'n'attrice dei tempi de su' nonna,
quanno le donne portaveno la gonna.

Magnani se chiamava, era  famosa,
ammiratori ce n'aveva a iosa,
quarcheduno aveva scritto 'sta poesia
che faceva veni' 'n po' de nostargia.

E così, entranno nel portone
se ripeté 'ste strofe de passione,
e li finì salenno le scale
'sti verzi d'amore colossale

pe' 'na donna e 'na città
piene ricorme d'umanità.

"Che pasce, che silenzio che cce stava
nella piazzetta appena fori mano,
co' li raggi de 'a luna su li tetti
pareveno d'argento puro i gatti,

all'improvviso, come 'na gran luce
se 'lluminò de foco tutt'er celo,
ppoi vidi che 'na donna era atterata
avvorta in una nuvola dorata,

s'avvicinò, me pijò la mano,
poi fece: «Aò, ma che, nun sei romano?
Su guardeme 'n pò, che nun m'ariconoschi?
Nun te ricordi li firme romaneschi?»

Me pare de sognà, sei proprio quella?
Ma sì, t'ariconosco: Nannarella!
Ma tu nun eri 'n angelo der celo?
No, nu' mme pare vero, eppure è vero!

Ma com'hai fatto a ritornà ttra noi?
«Ce so' riuscita», fece Nannarella,
«Un'ora de permesso m'hanno dato,
puro San Pietro cce s'è scommodato,

ma m'era presa tanta nostargia,
de rivede' pe' n'ora Roma mia,
ché senza Roma, co tutt'er Padreterno,
er Paradiso po' sembra' l'inferno,

mo' vojo annà su ar Pincio, poi a Testaccio,
salì sur tranve e sscenne a Portonaccio,
fermamme pe' 'n pochetto nei giardini,
pe' risenti' strilla' li regazzini…»

Io la guardai e je dissi «Carma, carma, Nannare',
le cose so' cambiate!
Mo' scippeno, mo' ammazzeno pe' gnente!
Mo' spareno ner mezzo de la ggente!

Mo' c'è la droga, er sesso ne la scola!
Mo' fumeno l'asscissce pe' la strada!»
«Nu' rattristamme» disse Nannarella,
«famme penza' che Roma è sempre quella.»

Così discenno,
se ne volò via a riguardasse ancora Roma sua.
E se n'annò pe' i vicoli der centro,
bussò pe' ogni ccasa, c'entrò dentro,

e disse forte a quelli che ce stanno,
«Nun ve n'annate mai, m'ariccommanno!
'Ste case 'ntonacate dar passato,
nun le fate rifa' de scemento armato!

Senza li tetti pieni de colori
che ponno più dipigne li pittori!?»
Quanno tornò da me, 'na campanella sonò diesci rintocchi,
e Nannarella s'avvorze ne la nuvola dorata,

m'abbraccicò e disse, 'n po' accorata,
«O li mortacci! Nu' me pare vero!
L'ora è ppassata, devo da torna' 'n celo.
Ma doppo che ho rivisto Roma a sera,

er paradiso lo lasscio su la tera.»
E c'hài raggione, nun te sei sbajata,
margrado tutto, Roma è sempre quella,
e mai potrà scordatte, Nannarella!"

Note linguistico-toponomastiche:

La prima strofa è di una canzone di Gabriella Ferri.

Il Quadraro è un quartiere popolare di Roma, tra la via Casilina e la Tuscolana, appena fuori di Porta Furba. È da ridere notare come alcuni romani, pensando di parlare in lingua, lo chiamino Quadraio…

Nannarella, come Nina della precedente poèsia, è diminutivo popolarissimo per Anna.

Monti è uno dei rioni storici di Roma, posto tra via Nazionale e via Cavour.

All'incrocio tra via Nazionale e via dei Serpenti vi è la sede centrale della Banca d'Italia.

La poesia dedicata a Anna Magnani l'ho trovata in rete, non so di chi sia, se qualcuno la riconoscesse e sapesse di chi è, gliene sarei grato per darne il giusto merito all'autore.

Annunci

Written by matemauro

05-12-2007 a 17:12

Pubblicato su magnani, poesia, roma

27 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Caro mauro….ho trascorso minuti favolosi a leggere te e lo sconosciuto autore,e per questo ti ringrazio infinitamente;tu infatti non sai quanto io ami Roma e diversi romani :magnani ,sordi,montesano,fabrizi….una lista infinita.A volte penso di essere una romana reincarnata in sicilia…chissà perchè?
    Comunque sono dei bei versi davvero.Una nota….mi piace pensare la magnani in sottoveste mentre si pettina durante le scene del film “Bellissima”,splendidamente sensuale ;incredibile come una donna non definita bella possa invece apparire agli occhi di chi l’ama insuperabile,e per me lo è!!

    tamango

    06-12-2007 at 08:20

  2. Grazie per questo intensissimo post.

    Una delle più grandi attrici che Roma abbia mai avuto, se non la più grande.

    Archimede63

    06-12-2007 at 10:42

  3. A-mauro mio ….tu ,Roma e er Tevere che ce fà da cintura,e chi ce move da drento a sta favola ?

    DonnaFelice

    06-12-2007 at 10:51

  4. Ciao Mà,ancora fori de testa?
    Bello de zia tua !!

    favorita

    06-12-2007 at 15:45

  5. Anna Magnani era bella! Ci son film dove è proprio bellissima,di quella bellazza dai lineamenti irregolari..ma belli!
    Anna Magnani e Marlon Brando in pelle di serpente,lei è davvero sexy.
    In un film con Totò ,Ben Gazzara e Marcello Mastroianni altrettanto…etc…etc…

    tumbergia

    06-12-2007 at 17:27

  6. In Roma città aperta fu un interprete magistrale ma a me a leggere queste poesie fa ricordare un tempo che non c’è più,le carrozzelle ,le coppiette che dietro l’arberi….pe lungo tevere nu le guardààà …Che nostalgia per un’epoca mai vissuta !!!!

    gardeniador

    06-12-2007 at 18:49

  7. Grandissima Anna Magnani, non ce n’è stata un’altra. Giulia

    giuba47

    06-12-2007 at 20:59

  8. Mauro Piadi ,finalmente entro nella tua dimora.Matematico? mi aspettavo delle formule invece ti trocvo una dedica ad Anna Magnani,dimmi che non l’hai scritta tu,saresti troppo bravo e chi è bravo in matematica non brilla in italiano.
    Notte,notte!!

    zonealtrui

    06-12-2007 at 22:44

  9. madonna me hai refatto suda de brutto!:-)))
    leggere il romano dialetto,mi si é girata la lingua nella bocca!
    bellissima dedica.
    anna magnani una donna splendita!
    da piccola mi sono vista molti suoi film insieme ai miei genitori.non me li ricordo più,é passato molto tempo da allora, ma mi ricordo che erano belli.
    notte mauro:-)))

    semiprendi

    07-12-2007 at 00:29

  10. > chi è bravo in matematica non brilla in italiano

    Mi permetto di dissentire da questa “equazione” (ma non sarebbe il termine adeguato).

    Per dire, Piergiorgio Odifreddi scrive dei libri, e lo fa anche bene.

    Semmai, mi è capitato di conoscere persone per le quali valeva l’equazione contraria.

    Archimede63

    07-12-2007 at 08:58

  11. Buon risveglio e buona giornata!

    Un abbraccio
    Pulcinella 😀

    dangerousbonnie

    07-12-2007 at 09:00

  12. Fija de na sarta e de padre ignoto
    cò la sua pelle color de loto
    divenne mamma e fija triste
    poi con Totò fu alle Riviste.
    Da lì iniziò la sua esplosione
    l’emblema “donna” der Rione
    Aldo Fabrizi, Rossellini,
    Luigi Zampa, Zavattini
    nannarella molto presto
    non sapè più a chi dà er resto!
    Vinse premi, nastri d’oro
    oscar, targhe…pè un lavoro
    ch’era l’arte più sublime
    della diva drentro ar cine!
    “Mamma Roma”, “La Sciantosa”,
    “Suor Letizia” e n’antra cosa…
    fu per tutti una scoperta
    drentro a “Roma, città aperta”.
    Poi arivò quer brutto male
    che non vojo nominare
    te sei spenta troppo in fretta
    eri appen na vecchietta.
    Ma ner core dei romani
    che fra tutti l’italiani
    sò famosi per un core
    che più grande ce se more,
    sei rimasta “Nannarella”
    bruna e tristemente bella
    ed io che nimmanco c’ero
    quando andasti ar cimitero
    me te porto drentro ar petto
    con orgojo e gran rispetto
    perchè sei de tutta Roma
    protettrice e Matrona!

    Targhina

    07-12-2007 at 11:45

  13. Originale il tuo stile… anche se a parere mio (assolutamente spassionato) risulta un attimo dispersivo nella lettura, questo non toglie che ho potuto leggere belle cose :-))

    un sorriso Gio

    SempreGio

    07-12-2007 at 21:28

  14. complimenti per la poèsia :o)
    anna magnani era una grande donna.
    buonanotte e buon “ponte” dell’immacolata

    FIOREDAUTUNNO

    08-12-2007 at 02:11

  15. Complimenti !
    Una giornata bella,bella!
    A dopo!

    teatroinstabile

    08-12-2007 at 10:30

  16. complimenti
    mi piace molto il tuo nuovo stile…

    di Anna non so molto molto per quanto riguarda la vita…
    mi piace molto Mamma Roma e Campo de Fiori

    emivet78

    08-12-2007 at 11:44

  17. che bella poesia…mi è tornato in mente Roma, di Felllini, quando il regista la spia sul portone di casa… ciao Mauro, buon weekend!

    ortensia51

    08-12-2007 at 12:27

  18. Un abbraccio
    Bonnie

    dangerousbonnie

    08-12-2007 at 12:40

  19. Buon dì di festa 🙂

    un sorriso Gio

    SempreGio

    08-12-2007 at 14:48

  20. Una bella poesia di Ignazio Buttitta.
    Un dono per te.
    Ciao!

    Lingua e dialettu di Ignazio Buttitta

    Un populu
    mittitilu a catina
    spughiatilu
    attuppatici a vucca
    è ancora libiru.

    Livatici u travagghiu
    u passaportu
    a tavula unnu mancia
    u lettu unnu dormi,
    è ancora riccu.

    Un populu
    diventa poviru e servu
    quannu ci arrubbanu a lingua
    addutata di patri:
    è persu pi sempri.

    Diventa poviru e servu
    quannu i paroli non figghianu paroli
    e si mancianu tra d’iddi.
    Mi nn’addugnu ora,
    mentri accordu la chitarra du dialettu
    ca perdi na corda lu jornu.

    Mentre arripezzu
    a tila camuluta
    ca tissiru i nostri avi
    cu lana di pecuri siciliani.

    E sugnu poviru:
    haiu i dinari
    e non li pozzu spènniri;
    i giuelli
    e non li pozzu rigalari;
    u cantu
    nta gaggia
    cu l’ali tagghiati.

    Un poviru
    c’addatta nte minni strippi
    da matri putativa,
    chi u chiama figghiu
    pi nciuria.

    Nuàtri l’avevamu a matri,
    nni l’arrubbaru;
    aveva i minni a funtana di latti
    e ci vìppiru tutti,
    ora ci sputanu.

    Nni ristò a vuci d’idda,
    a cadenza,
    a nota vascia
    du sonu e du lamentu:
    chissi non nni ponnu rubari.

    Non nni ponnu rubari,
    ma ristamu poviri
    e orfani u stissu.

    Lingua e dialetto (versione italiana)

    Un popolo
    mettetelo in catene
    spogliatelo
    tappategli la bocca
    è ancora libero.

    Levategli il lavoro
    il passaporto
    la tavola dove mangia
    il letto dove dorme,
    è ancora ricco.

    Un popolo
    diventa povero e servo
    quando gli rubano la lingua
    ricevuta dai padri:
    è perso per sempre.

    Diventa povero e servo
    quando le parole non figliano parole
    e si mangiano tra di loro.
    Me ne accorgo ora,
    mentre accordo la chitarra del dialetto
    che perde una corda al giorno.

    Mentre rappezzo
    la tela tarmata
    che tesserono i nostri avi
    con lana di pecore siciliane.

    E sono povero:
    ho i danari
    e non li posso spendere;
    i gioielli
    e non li posso regalare;
    il canto
    nella gabbia
    con le ali tagliate.

    Un povero
    che allatta dalle mammelle aride
    della madre putativa,
    che lo chiama figlio
    per scherno.

    Noialtri l’avevamo, la madre,
    ce la rubarono;
    aveva le mammelle a fontana di latte
    e ci bevvero tutti,
    ora ci sputano.

    Ci restò la voce di lei,
    la cadenza,
    la nota bassa
    del suono e del lamento:
    queste non ce le possono rubare.

    Non ce le possono rubare,
    ma restiamo poveri
    e orfani lo stesso.

    tumbergia

    08-12-2007 at 15:42

  21. alla ricerca di belle letture sono capitata tra le tue pagine, sfogliandole rapidamente ho notato che ci sono anche ricette, anche a me piace scriverci di tutto un pò , come ho sempre fatto in quello cartaceo. 🙂

    pervinka

    08-12-2007 at 16:44

  22. Un caro saluto e come sempre il bacio più dolce che c’è.

    No, non ho cambiato niente, non so come mai fai fatica a leggere…Se non lo sai tu figurati io!!!

    Biancapazienza

    08-12-2007 at 17:56

  23. Caro Mauro, a parte che festeggiamo il giorno del compleanno lo stesso giorno, abbiamo anche i stessi gusti. Anch’io ho sempre apprezzato la Grande Nannarella, il suo essere una bella bruttam ma certo non le si può negare di avere avuto Fascino.
    Di norma scrivo poesie in italiano, ma a volte mi cimento anche in romano. Mi permetto di insererire , visto l’argomento, una mia poesia in romanesco, (non è proprio preciso, diciamo, in romano)
    mi piacerebbe un parere:

    La moje furba

    “Se dico che sto male, ciavete da crede, ci’o sapete no? Io, nun racconto balle”
    Dice all’amici sua, che so iti a trovallo, è tutto bianco, che pare un lenzolo
    “Ci’o so, che la storia è strana, ma che ve devo fa? E’ proprio tutta vera!
    m’è preso come una cosa qui”, disse toccannese er petto, fa na pena, lì da solo.
    “Mo ve racconno, come annata: so’ scito de notte, pe famme er solito giretto,
    dovevo controllà n’idea, a ‘n tratto, nun me sbuca davanti, na cosa granne e nera!
    Er coraggio de solito nun me manca, ma ner cielo nun c’era luna, nun ce se vedeva,
    nero come la pece, che potevo da fa? So scappato a nisconneme detro a un muretto,
    ma la cosa, me rincorre, m’acchiappa, me scote come fossi un arbero de mele
    la fifa fa novanta e nun me vergogno a dillo, v’o giuro, davero stavo pe morì.
    Poi so riuscito a scappà, e me so messo a letto,e da allora non me so più mosso”.
    La moje in cucina, che ha sentito tutto, se fa na risatina e dice alla platea;“Devo uscì”
    E se ne va a fasse er solito giretto. Dar giorno che ja messo ‘a paura addosso
    se trova con un omo bono bono, che dice solo sì, da quanno è successo quer fattaccio,
    invece dice lei all’amiche sue; “questa è a vita vera, quella che mò faccio!”

    girasolenero

    09-12-2007 at 07:55

  24. buona domenica :o)

    FIOREDAUTUNNO

    09-12-2007 at 09:18

  25. Nannarè,
    perchè perchè te sei nnammorata
    de sta musica americana?….
    Ma perchè
    te sei scordata che sei romana
    li stornelli nun canti più…..

    bandolin

    09-12-2007 at 17:20

  26. complimenti, mi mette i brividi!!!ehi.., dico, a voi romani, noi al nord siamo con voi…..lasciatelo a casa con lo strumento…….

    AliceDaZero

    26-03-2010 at 16:50


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: