matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Diversità, criminalità, razzismo

with 3 comments

Molte le notizie di cronaca di questi giorni che riguardano i temi che cito nel titolo di questo post, in particolare l’omicidio di Giovanna Reggiani a Roma e quello dellla ragazza inglese Meredith Kercher a Perugia.

In ambedue i casi a essere accusati per primi sono stati due stranieri: un rumeno (Romulus Mailat) nel primo caso, un congolese (Patrick Lumumba, che casualmente porta lo stesso nome dell’eroico martire del neocolonialismo belga in Congo) nel secondo.

Nel primo caso l’autore dell’omicidio (sebbene lui continui a dichiararsi innocente) sembra proprio la persona accusata; e però che canea contro tutti i romeni si è alzata! Ricordo al proposito il post che scrissi dopo le dichiarazioni di Giuseppe Tornatore, aggredito nei pressi delle Piramide da tre romeni che volevano derubarlo. Tornatore dichiarò:

"Parole come ‘tolleranza zero’ in bocca a uomini di sinistra proprio non mi piacciono. Sottendono una cultura che non ci appartiene: fare di tutta un’erba un fascio, equiparare un lavavetri a un malfattore, guardare ogni immigrato come a un perditempo. O considerare i romeni tutti delinquenti solo perché tre di loro ti hanno fatto male."

Parole che quoto in pieno.

Nel secondo caso l’accusato congolese ora è stato completamente scagionato e gli inquirenti sembra si siano rivolti verso un altro extracomunitario, Rudy Guede. Di lui sono state immediatamente sparate le foto che lo ritraggono con un “ghigno” utile a facilitare l’accusa.

Strano che invece le foto ben più inquietanti degli arrestati di “razza bianca” non siano state sbattute in prima pagina. Amanda Knox la si vede ridere mentre spara con una mitragliatrice da campo; Raffaele Sollecito, che trova normale andare in giro con un coltello a serramanico, lo si vede mentre brandisce una mannaia, che sarà anche di plastica e Sollecito forse non è un assassino o un complice, ma sicuramente è un cialtrone della peggior specie: nelle interviste infatti ha dichiarato che lui Amanda se l’è “fatta” subito, fin dal primo appuntamento. E le femministe? Zitte.

Questo pasticcio di Perugia è una metafora dell’Italia di oggi, che sbraca e si sfarina sempre di più. Lo dimostra anche il sindaco di Cittadella, nel Veneto, il leghista Massimo Bitonci. Che i leghisti siano spesso gente di massima ignoranza, e di tendeste razziste, lo si sapeva già grazie ai Calderoli lombardi e ai Gentilini trevigiani. Ora però abbiamo questo che vuole impedire abiti nel “suo” paesello chi non ha un reddito certo e non trascurabile. Che si tratti di una iniziativa incostituzionale è palese per tutti. Bitonci non lo sa, ma i cittadini italiani hanno tutti, anche lui, una serie di diritti inalienabili, compreso quello di abitare dove più gli pare e piace, a prescindere dal reddito.

E finisco con una cosa che mi ha stomacato assai, anche se non c’entra nulla col titolo e col resto del post. Leggo che i Savoia (padre e figlio) hanno chiesto centinaia di milioni di euro come risarcimento dei danni "patiti per l’ingiusto esilio"! E poi ci indigniamo (spesso giustamente) quando all’estero ci definiscono un paese da operetta?

Annunci

Written by matemauro

01-12-2007 a 18:37

3 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. ero venuta per augurarti un bel week end, ma trovo un post impegnativo…vedi, io sono contraria alla divulgazione dei fatti di cronaca perché non portano a nulla se non a destabilizzare. il prossimo omicidio non verrà impedito dalla conoscenza di quello precedente…andrebbero invece approfonditi di più temi la cui conoscenza può contribuire a migliorare le situazioni. parlo dei progetti nel terzo mondo, parlo di vita dignitosa per tutti, parlo di condizioni di lavoro dignitose…
    buon week end mauro :o)

    FIOREDAUTUNNO

    01-12-2007 at 21:57

  2. mauro, il templete mi piace. ma ci sono delle sovrapposizioni e non si capisce niente. Comunque, perchè Rossini è superiore a Mozart?

    bandolin

    02-12-2007 at 11:50

  3. No, le operette sono a un livello culturale più alto dell’Italia. Per quanto riguarda i Savoia si potrebbe lanciare l’idea di una colletta tra i blogger di Splinder no? Comincio io, ho ancora in cassetto qualche spicciolo di talleri sloveni fuori corso…i “savoiardi” stanno bene solo nel tiramisù.

    coleus

    04-12-2007 at 08:45


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: