matemauro

Di matematica ma non soltanto…

Due grandissime persone

with 10 comments

Oggi ricorre il quarantesimo anniversario della morte di Ernesto Che Guevara.

che-guevara-2

Lo ricordiamo con affetto.

Pochi giorni fa ricorreva invece l’anniversario della morte di Victor Jara, cantante, poeta e regista teatrale cileno.

VICTOR_JARA76

Nato nel 1937 in un paesino nei pressi di Santiago del Cile, trovò la morte pochi giorni dopo il colpo di stato del generale Pinochet, avvenuto l’11 settembre (un altro!) del 1973, nello stadio di Santiago, dove era stato rinchiuso con altre migliaia di resistenti. A Victor Jara i militari golpisti avevano spezzato tutte le dita delle mani, per impedirgli di suonare la sua chitarra, che non si sa come era riuscito a portare all’interno dello stadio-lager. Pochi giorni dopo lo fucilarono, su espresso ordine del generale Pinochet.

Dalla sua biografia, scritta dalla moglie Joan Turner:

"…sono un folclorista, un uomo di estrazione popolare. Da piccolo ho appreso il linguaggio dei più, che sono i più umiliati e i più umili. Ho conosciuto le sillabe del vento, della poesia bella e naturale della vita: a Nuble, la mia terra natale. Mia madre mi ha insegnato a cantare. Oggi sono felice di quello che faccio ma anche scontento e impaziente perché c’è molto da fare. Mi piacerebbe moltiplicarmi…"

Racconta Joan: "Siamo saliti al secondo piano, dove erano gli uffici amministrativi e, in un lungo corridoio, ho trovato il corpo di Victor in una fila di una settantina di cadaveri. La maggior parte erano giovani e tutti mostravano segni di violenze e di ferite da proiettile. Quello di Victor era il più contorto. Aveva i pantaloni attorcigliati alle caviglie, la camicia rimboccata, le mutande ridotte a strisce dalle coltellate, il petto nudo pieno di piccoli fori, con un’enorme ferita, una cavità, sul lato destro dell’addome, sul fianco. Le mani pendevano con una strana angolatura e distorte; la testa era piena di sangue e di ematomi. Aveva un’espressione di enorme forza, di sfida, gli occhi aperti."

"Dopo averlo ucciso, i militari non solo hanno proibito la vendita dei suoi dischi, ma hanno anche ordinato la distruzione delle matrici."

Di Victor Jara vorrei qui riportare le parole di una delle più belle canzoni, una poesia d’amore, Te recuerdo Amanda.

Te recuerdo Amanda

Te recuerdo Amanda,
la calle mojada,
corriendo a la fabrica
donde trabajava Manuel.
La sonrisa ancha,
la lluvia en el pelo,
no importaba nada,
ibas a encontrarte
con el, con el, con el, con el, con el.
Son cinco minutos,
la vida es eterna en cinco minutos.
Suenan las sirenas, de vuelta al trabajo
y tu, caminando lo iluminas todos,
los cinco minutos, te hacén florecer.
Te recuerdo Amanda,
la calle mojada
corriendo a la fabrica
donde trabajava Manuel.
La sonrisa ancha,
la lluvia en el pelo,
no importaba nada,
ibas a encontrarte
con el, con el, con el, con el, con el,
que partió a la sierra,
que nunca hizó nada,
que partió a la sierra
y en cinco minutos
quedó destrozado.
Suenan las sirenas,
de vuelta al trabajo,
muchos no volvieron,
tampoco Manuel.
Te recuerdo Amanda,
la calle mojada,
corriendo a la fabrica
donde trabajava Manuel.
Ti ricordo Amanda

Ti ricordo Amanda
la strada bagnata
mentre correvi alla fabbrica
dove lavorava Manuel.

Il sorriso aperto
la pioggia nei capelli
non importava niente
correvi a incontrarti
con lui con lui con lui con lui con lui.
Sono cinque minuti,
la vita è eterna
in cinque minuti
suonano le sirene
si torna al lavoro
e tu camminando
li illumini tutti
quei cinque minuti
ti hanno fatto fiorire.

Ti ricordo Amanda
la strada bagnata
mentre correvi alla fabbrica
dove lavorava Manuel.
Il sorriso aperto
la pioggia nei capelli
non importava niente
correvi a incontrarti
con lui con lui con lui con lui con lui,

con lui che partì per la montagna
che non aveva fatto niente
che partì per la montagna
e in cinque minuti
è morto strangolato.
Suonano le sirene
di nuovo al lavoro
molti non tornarono
neanche Manuel.

Ti ricordo Amanda
la strada bagnata
mentre correvi alla fabbrica
dove lavorava Manuel.

Ho trovato anche il video su YouTube, eccolo:

Annunci

Written by matemauro

09-10-2007 a 19:35

Pubblicato su guevara, jara victor

10 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. grandissimo Che!!! una mia passione giovanile e mai tramontata!!!
    non ricordavo di Victor Jara grazie, ma grazie!!
    chicca

    chiccama

    10-10-2007 at 00:21

  2. La solita telepatia, Chicca? Io commentavo sul tuo blog e tu sul mio :-)))

    MauroPiadi

    10-10-2007 at 00:23

  3. mauro : ho appena postato, non perché vorrei iniziare, ma per baronerosso! LUI é speciale come tipo, e mi stuzzica sempre. é positivamente micidiale! grrrrrr…..x__-

    bella canzone, non la conosco.

    semiprendi

    10-10-2007 at 02:55

  4. mauro, ernesto guevara detto “CHE” è nato il 14 giugno 1928 a rosario, in argentina. hai visto diari della motocicletta?
    hasta siempre!

    FIOREDAUTUNNO

    10-10-2007 at 11:24

  5. Il film no, ho letto il libro…
    Stupendo…
    Hasta siempre, comandante!

    MauroPiadi

    10-10-2007 at 11:53

  6. mauro…

    solo sospiri…

    kateeella

    10-10-2007 at 14:35

  7. @kateeella: sì mia cara! Ce ne fossero ancora di poeti e rivoluzionari come quei due… per me le due cose non sono affatto antitetiche, anzi!
    La rivoluzione si fa per amore… del bello, del giusto…
    Le parole di Jara “…c’è molto da fare. Mi piacerebbe moltiplicarmi…” mi hanno colpito come un pugno allo stomaco…

    MauroPiadi

    10-10-2007 at 15:03

  8. Gran bell’accostamento, Mauro.
    Poeti e musicisti hanno fatto tanto per diffondere la libertà. Ti possono imprigionare, ma il canto passa le sbarre.

    Ricordiamo i personaggi carismatici, ma non dimentichiamo la gente che non è finita sui libri di storia, quella che ha fatto le rivoluzioni, a volte pacifiche, a volte a costo della vita.

    wilcoyote

    10-10-2007 at 15:51

  9. Quoto assolutamente, Wil!

    MauroPiadi

    10-10-2007 at 15:56

  10. grande Mauro!!!
    hai detto bene.. due grandissime persone, anzi tre..aggiungo anche Ho Chi Minh….
    Con parole semplice riescono (sono vivi nelle nostre menti)a trasmettere immense emozioni….
    ps: devo cambiare il template..ad esempio la scritta iniziale non si toglie…magari mi dai una mano^__^

    Redsunset

    11-10-2007 at 08:54


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: